WORKSHOP, TALK, PROIEZIONI / ARCHIVIO APERTO

{name=Prima_immagine, data=ARCHIVIOAPERTO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538261/Prelinger_Banner-01.jpg/4e97acf3-39ba-4b48-8376-07689a1e3f3b?t=1540923070696, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538261/Prelinger_Banner-01.jpg/4e97acf3-39ba-4b48-8376-07689a1e3f3b?t=1540923070696, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/archivio-aperto, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE EDITORIALE / MANCUSO

{name=Prima_immagine, data=MANCUSO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-06.jpg/caaacb55-0d55-493b-9f38-0356b8d9009a?t=1540403175875, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-06.jpg/caaacb55-0d55-493b-9f38-0356b8d9009a?t=1540403175875, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/mancuso, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONI EDITORIALI / DIONIGI

{name=Prima_immagine, data=DIONIGI, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-03.jpg/4da62340-9ceb-4447-b002-478b30551ba7?t=1540403175176, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-03.jpg/4da62340-9ceb-4447-b002-478b30551ba7?t=1540403175176, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/dionigi, type=text, options=[]}}

TALK / HOWARD GARDNER

{name=Prima_immagine, data=GARDNER, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-01.jpg/e7686156-ee99-43d2-917b-3f11f4ec5a4c?t=1540403174757, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-01.jpg/e7686156-ee99-43d2-917b-3f11f4ec5a4c?t=1540403174757, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/howard-gardner, type=text, options=[]}}

CONVEGNO / MUSICA PRESTO

{name=Prima_immagine, data=MusicaPresto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/529367/Musica+Presto_Banner-01.jpg/1d420798-58df-4025-98c6-1513bedf9e02?t=1539179383956, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/529367/Musica+Presto_Banner-01.jpg/1d420798-58df-4025-98c6-1513bedf9e02?t=1539179383956, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/musica-presto, type=text, options=[]}}

TALK / MARTIN PARR

{name=Prima_immagine, data=MartinParr, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/528375/PARR_Banner-03.jpg/372fa9c7-1a41-48ae-b387-96f0a8f1b1b8?t=1538757365358, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/528375/PARR_Banner-03.jpg/372fa9c7-1a41-48ae-b387-96f0a8f1b1b8?t=1538757365358, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/martin-parr, type=text, options=[]}}

TALK / JEFF WALL

{name=Prima_immagine, data=Jeff Wall, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/528370/Wall_Banner-01.jpg/4ed61959-7408-4bb2-8abe-e3a2834b6a28?t=1538757341444, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/528370/Wall_Banner-01.jpg/4ed61959-7408-4bb2-8abe-e3a2834b6a28?t=1538757341444, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/jeff-wall, type=text, options=[]}}

TALK / REMO BODEI

{name=Prima_immagine, data=Remo Bodei, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/526460/BODEI_Banner-01.jpg/77ef20da-b569-4a4f-b72f-f1a486d5912f?t=1538503431812, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/526460/BODEI_Banner-01.jpg/77ef20da-b569-4a4f-b72f-f1a486d5912f?t=1538503431812, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/bodei, type=text, options=[]}}

MOSTRA / USA'68. DISORDINI E SOGNI

{name=Prima_immagine, data=USA68, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514348/USA68_Banner-01.jpg/c41a4dab-d144-4688-a1f6-e34202b8282c?t=1539102252871, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514348/USA68_Banner-01.jpg/c41a4dab-d144-4688-a1f6-e34202b8282c?t=1539102252871, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/usa68, type=text, options=[]}}

Proiezioni / La stagione del sessantotto

{name=Prima_immagine, data=68, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/520869/Jazz+68_Banner3-02.jpg/45680cc7-fe9d-477a-b37e-3055175c5f8c?t=1538995430618, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/520869/Jazz+68_Banner3-02.jpg/45680cc7-fe9d-477a-b37e-3055175c5f8c?t=1538995430618, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/la-stagione-del-sessantotto, type=text, options=[]}}

MOSTRA / W. EUGENE SMITH

{name=Prima_immagine, data=WES, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/506837/WES_Banner-01.jpg/e75a9865-624e-4275-94cd-46f3fa4c1d76?t=1536944527287, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/506837/WES_Banner-01.jpg/e75a9865-624e-4275-94cd-46f3fa4c1d76?t=1536944527287, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/w.-eugene-smith, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / JAZZ MOVIES

{name=Prima_immagine, data=Jazz movies, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/520789/Banner+sito-01.jpg/f1b960e3-9a61-46e1-adac-d0896306534c?t=1535018986737, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/520789/Banner+sito-01.jpg/f1b960e3-9a61-46e1-adac-d0896306534c?t=1535018986737, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/rassegna-jazz-movies, type=text, options=[]}}

MOSTRE / FAVOLE DI LUCE - NINO MIGLIORI E I BAMBINI DEL NIDO SCUOLA MAST

{name=Prima_immagine, data=Favolediluce, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514065/FL_Banner_ita.jpg/8febafca-71d7-4d8b-8e1d-720eb3ebc687?t=1528134002706, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514065/FL_Banner_ita.jpg/8febafca-71d7-4d8b-8e1d-720eb3ebc687?t=1528134002706, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/favole-di-luce, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / TEJU COLE

{name=Prima_immagine, data=TejuCole, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516672/Banner+sito-01.jpg/82c06c11-b226-479f-b819-b49908d8f7bc?t=1529405596858, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516672/Banner+sito-01.jpg/82c06c11-b226-479f-b819-b49908d8f7bc?t=1529405596858, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/teju-cole, type=text, options=[]}}

TALK / DAN LEERS

{name=Prima_immagine, data=Dan Leers, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516667/Banner+sito-01.jpg/0b56d798-166c-4fce-8231-74630fbf30ca?t=1529427704501, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516667/Banner+sito-01.jpg/0b56d798-166c-4fce-8231-74630fbf30ca?t=1529427704501, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/dan-leers, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / CAPOLAVORI DELLA FOTOGRAFIA INDUSTRIALE

{name=Prima_immagine, data=Annuario, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516593/Banner+sito-01.jpg/a2f2a91e-fe92-4475-b3da-b35413bdd6ef?t=1529318784103, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516593/Banner+sito-01.jpg/a2f2a91e-fe92-4475-b3da-b35413bdd6ef?t=1529318784103, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/capolavori-della-fotografia-industriale-2016, type=text, options=[]}}

WORKSHOP / ILLUSTRARE LE IDEE

{name=Prima_immagine, data=Illustrare le idee, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514715/Banner+sito-01.jpg/fa3b8c93-2e39-4b95-aee4-a70fb3883e53?t=1528295838821, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514715/Banner+sito-01.jpg/fa3b8c93-2e39-4b95-aee4-a70fb3883e53?t=1528295838821, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.repubblica.it/la-repubblica-delle-idee/bologna2018/2018/05/25/news/i_workshop_di_repidee_2018-197334608/, type=text, options=[]}}

TALK / SAM STEPHENSON

{name=Prima_immagine, data=Sam Stephenson, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/513776/Banner-sito-01.jpg/7c558f1b-809e-4302-a13b-af0c2e1607ca?t=1528054606351, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/513776/Banner-sito-01.jpg/7c558f1b-809e-4302-a13b-af0c2e1607ca?t=1528054606351, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/sam-stephenson, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / FUTURE FILM FESTIVAL

{name=Prima_immagine, data=FFF, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/511215/FutureFilm_Banner-01.jpg/2c9973b1-6291-48ab-858e-6853879fa180?t=1526574165579, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/511215/FutureFilm_Banner-01.jpg/2c9973b1-6291-48ab-858e-6853879fa180?t=1526574165579, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/future-film-festival-2018, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / RECALCATI

{name=Prima_immagine, data=Ritratti del desiderio, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/504222/Recalcati_Banner-01.jpg/69c547ac-8987-433f-9432-e9d6d3c11eec?t=1524239887884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/504222/Recalcati_Banner-01.jpg/69c547ac-8987-433f-9432-e9d6d3c11eec?t=1524239887884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/recalcati-ritratti-del-desiderio, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / HUMAN RIGHTS NIGHTS FESTIVAL 2018

{name=Prima_immagine, data=HUMAN RIGHTS NIGHTS FESTIVAL 2018, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/504310/Banner+sito-01.jpg/411ebb36-3039-44cd-afa4-dc5bcd0d15d4?t=1524572996646, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/504310/Banner+sito-01.jpg/411ebb36-3039-44cd-afa4-dc5bcd0d15d4?t=1524572996646, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-rights-nights-2018, type=text, options=[]}}

MOSTRA / MAST FOUNDATION FOR PHOTOGRAPHY GRANT 2018

{name=Prima_immagine, data=MAST PHOTO GRANT, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/488114/MPG_banner-ita.jpg/565c3e3a-e8c9-46c9-aae1-c99e3aac6064?t=1517485774583, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/488114/MPG_banner-ita.jpg/565c3e3a-e8c9-46c9-aae1-c99e3aac6064?t=1517485774583, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/MASTPHOTOGRANT, type=text, options=[]}}

Talk / Leggere e pensare la fotografia

{name=Prima_immagine, data=Leggere e pensare la fotografia, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/501925/Banner+sito-01.jpg/985fd75d-a558-49a5-b56c-75abb3d338b9?t=1522244367159, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/501925/Banner+sito-01.jpg/985fd75d-a558-49a5-b56c-75abb3d338b9?t=1522244367159, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/leggere-e-pensare-la-fotografia, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / THE ILLUSIONISTS - AGATHE CLÉRY

{name=Prima_immagine, data=The illusionists, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502442/Banner+sito-01.jpg/1a85385b-32be-4152-a8ee-48a08c206e42?t=1522342281246, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502442/Banner+sito-02.jpg/6173e4f1-16de-4c25-96a7-7fa2652f8196?t=1522342298746, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/illusionisti-clery, type=text, options=[]}}

Proiezione / The women

{name=Prima_immagine, data=the women, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502328/Banner+sito-01.jpg/474214b4-a785-4392-b2c0-c41aad034bf1?t=1522342229887, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502328/Banner+sito-01.jpg/474214b4-a785-4392-b2c0-c41aad034bf1?t=1522342229887, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/the-women, type=text, options=[]}}

TALK / IL NIDO DELLE IDEE

{name=Prima_immagine, data=NIDO DELLE IDEE, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/483758/NIDO+IDEE_ita.jpg/9febe204-943c-46ce-a93a-354232b5d920?t=1514982230928, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/483758/NIDO+IDEE_ita.jpg/9febe204-943c-46ce-a93a-354232b5d920?t=1514982230928, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/nido-delle-idee-2018, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / LE MONDE SELON MONSANTO

{name=Prima_immagine, data=monsanto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502233/Banner+sito-01.jpg/02a3f740-d6f1-40f8-a88f-2e1c5cf807c7?t=1522342156331, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502233/Banner+sito-01.jpg/02a3f740-d6f1-40f8-a88f-2e1c5cf807c7?t=1522342156331, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/le-monde-selon-monsanto, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / FUOCOAMMARE

{name=Prima_immagine, data=fuocoammare, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502025/Banner+sito-01.jpg/c660c026-10f0-4dec-bcba-ad737ba0ba77?t=1522342054631, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502025/Banner+sito-01.jpg/c660c026-10f0-4dec-bcba-ad737ba0ba77?t=1522342054631, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/fuocoammare, type=text, options=[]}}

Proiezione / Strada provinciale delle anime

{name=Prima_immagine, data=Strada provinciale delle anime, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/495379/Banner+sito-01.jpg/8097e1cf-4cd9-47f4-883e-917b59ccf7d1?t=1520445226319, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/495379/Banner+sito-01.jpg/8097e1cf-4cd9-47f4-883e-917b59ccf7d1?t=1520445226319, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/strada-provinciale-delle-anime, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / HUMAN FLOW

{name=Prima_immagine, data=Human Flow, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/495183/Human+Flow_ITA.jpg/89ca0715-34b0-43ff-8629-171d4383c3e7?t=1520358538658, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/495183/Human+Flow_ITA.jpg/89ca0715-34b0-43ff-8629-171d4383c3e7?t=1520358538658, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-flow-ai-weiwei, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / FUTURE FILM KIDS

{name=Prima_immagine, data=FFK, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/477690/FFK_17_18_Banner_ITA/8b232d9b-8d20-4025-9659-780b7a8fd823?t=1511287748532, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/477690/FFK_17_18_Banner_ITA/8b232d9b-8d20-4025-9659-780b7a8fd823?t=1511287748532, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/futurefilmkids1718, type=text, options=[]}}

Proiezione / Francesco a Cuba

{name=Prima_immagine, data=Francesco a Cuba, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/494455/Francesco+a+Cuba_banner_ita.jpg/6c27f428-6f15-4b28-8d79-46e5fa6b986c?t=1520452566893, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/494455/Francesco+a+Cuba_banner_ita.jpg/6c27f428-6f15-4b28-8d79-46e5fa6b986c?t=1520452566893, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/francesco-a-cuba, type=text, options=[]}}

Talk / Paul Graham

{name=Prima_immagine, data=Paul Graham, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/491662/Graham_ita.jpg/fcd43d6b-8aae-4c9e-93db-2688fa58dbdb?t=1518542760884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/491662/Graham_ita.jpg/fcd43d6b-8aae-4c9e-93db-2688fa58dbdb?t=1518542760884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/paul-graham, type=text, options=[]}}

Proiezione / Il risveglio del fiume segreto

{name=Prima_immagine, data=Il risveglio del fiume, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/492161/Il+risveglio+del+fiume+segreto_ita.jpg/3bb62db3-6621-44b7-83f8-8b8dda3a28ad?t=1518539044647, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/492161/Il+risveglio+del+fiume+segreto_ita.jpg/3bb62db3-6621-44b7-83f8-8b8dda3a28ad?t=1518539044647, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/il-risveglio-del-fiume-segreto, type=text, options=[]}}

Talk / David Camapany

{name=Prima_immagine, data=David Camapany, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/491610/Campany-01.jpg/5092b2bc-90df-4702-ac30-046019f90819?t=1518542449454, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/491610/Campany-01.jpg/5092b2bc-90df-4702-ac30-046019f90819?t=1518542449454, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/DAVID-CAMPANY, type=text, options=[]}}

Mostra / Anish Kapoor

{name=Prima_immagine, data=Anish Kapoor, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/468776/AK_BANNER+_ITA/ca1aa2c5-481b-4dbf-a5dd-fa43200b0f27?t=1517411286882, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/468776/AK_BANNER+_ITA/ca1aa2c5-481b-4dbf-a5dd-fa43200b0f27?t=1517411286882, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/anishkapoor, type=text, options=[]}}

Proiezione / Ma l'amore c'entra?

{name=Prima_immagine, data=malamore, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/490589/Lodoli_banner-01.jpg/815a88ce-1f4b-42d1-a294-a5888dfcf3e1?t=1517936715942, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/490589/Lodoli_banner-01.jpg/815a88ce-1f4b-42d1-a294-a5888dfcf3e1?t=1517936715942, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/ma-l-amore-c-entra-?, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / MANIFESTO

{name=Prima_immagine, data=manifesto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/483518/Manifesto_Proiezioni-ita.jpg/38117eff-07cf-4a62-b071-658e65f2bb0f?t=1515059025118, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/483518/Manifesto_Proiezioni-ita.jpg/38117eff-07cf-4a62-b071-658e65f2bb0f?t=1515059025118, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/manifesto, type=text, options=[]}}

MOSTRA / THOMAS RUFF

{name=Prima_immagine, data=thomasruff, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/467645/TR_Banner_post_ITA/aa7371ee-edb8-4d69-974d-655cf72da81e?t=1512641756648, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/467645/TR_Banner_post_ITA/aa7371ee-edb8-4d69-974d-655cf72da81e?t=1512641756648, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/THOMASRUFF, type=text, options=[]}}

Proiezione / Rosignano Solvay

{name=Prima_immagine, data=Rosignano, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/482989/Rosignano_Proiezioni-ita.jpg/86d74365-576b-4a73-927d-e3556520b81d?t=1513875296247, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/482989/Rosignano_Proiezioni-ita.jpg/86d74365-576b-4a73-927d-e3556520b81d?t=1513875296247, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/rosignano-solvay, type=text, options=[]}}

TALK / Broomberg&Chanarin

{name=Prima_immagine, data=Broomberg, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/478799/B%26C_Talk_Banner-01.jpg/3a133914-1e80-4168-9047-4421ff7fdb64?t=1512059154658, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/478799/B%26C_Talk_Banner-01.jpg/3a133914-1e80-4168-9047-4421ff7fdb64?t=1512059154658, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/broomberg, type=text, options=[]}}

TALK / PIETER HUGO

{name=Prima_immagine, data=Pieterhugo_banner, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/PieterHugo/42d9b75c-6b45-42e6-8dd4-3632db7d0c8c?t=1512058964740, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/PieterHugo/42d9b75c-6b45-42e6-8dd4-3632db7d0c8c?t=1512058964740, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/pieterhugo, type=text, options=[]}}

WORKSHOP / La Repubblica delle Idee

{name=Prima_immagine, data=RepdelleIdee, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/banner+Rep+delle+idee/18174ac5-b9c7-4be0-802f-12a46b0618e7?t=1512059066183, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/banner+Rep+delle+idee/18174ac5-b9c7-4be0-802f-12a46b0618e7?t=1512059066183, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/repubblica-delle-idee, type=text, options=[]}}

MOSTRA / LA FORZA DELLE IMMAGINI

{name=Prima_immagine, data=LFDI, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/393329/LFDI_banner_ita_2/c9dee9ac-9606-4a00-bef8-79e0efd23664?t=1503305882500, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/393329/LFDI_banner_ita_2/c9dee9ac-9606-4a00-bef8-79e0efd23664?t=1503305882500, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/la-forza-delle-immagini, type=text, options=[]}}

TALK / LA FORZA DELLE IMMAGINI

{name=Prima_immagine, data=BANNER, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/BANNER+ATTIVIT%C3%A0+EVENTI+IN+MOSTRA/9e3e348d-4793-4b7a-93be-c0abe9342243?t=1512059039675, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/BANNER+ATTIVIT%C3%A0+EVENTI+IN+MOSTRA/9e3e348d-4793-4b7a-93be-c0abe9342243?t=1512059039675, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org//lfdi-eventi-in-mostra, type=text, options=[]}}

LECTIO MAGISTRALIS / AMARTYA SEN

{name=Prima_immagine, data=sen, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/402028/banner+def+amartya/993ad83b-7543-4503-bc77-8422fbb477c3?t=1494602132118, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/402028/banner+def+amartya/993ad83b-7543-4503-bc77-8422fbb477c3?t=1494602132118, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/AMARTYASEN, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / HUMAN RIGHTS NIGHTS 2017

{name=Prima_immagine, data=human rights nights, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/396869/HumanRightsNights-02.jpg/49cf4516-4f85-4a92-b5b2-3877dc8b3bc6?t=1493397652202, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/396869/HumanRightsNights-02.jpg/49cf4516-4f85-4a92-b5b2-3877dc8b3bc6?t=1493397652202, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-rights-nights-2017, type=text, options=[]}}

MOSTRA / LAVORO IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=Lavoro in movimento, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/350421/banner-LMWM-02-ITA.jpg/9196f30b-a6b8-4916-b025-d8ec56009989?t=1484832814265, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/350421/banner-LMWM-02-ITA.jpg/9196f30b-a6b8-4916-b025-d8ec56009989?t=1484832814265, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/lavoro-in-movimento, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / LAVORO IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=Lavoro in Movimento_Proiezioni, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/360068/Lavoro+in+movimento+PROIEZIONI/8e220fbf-2617-4924-9f3f-266e0a29b80b?t=1490177850209, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/360068/Lavoro+in+movimento+PROIEZIONI/8e220fbf-2617-4924-9f3f-266e0a29b80b?t=1490177850209, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/lmwm-proiezioni, type=text, options=[]}}

TALK / LAVORO IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=Lavoro in movimento Mast, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/360068/LMWM_banner_talk/161f84d6-b0e7-4fd0-8921-3aec5d8a59d0?t=1490175397796, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/360068/LMWM_banner_talk/161f84d6-b0e7-4fd0-8921-3aec5d8a59d0?t=1490175397796, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/lmwmtalk, type=text, options=[]}}

Proiezione

{name=Prima_immagine, data=Son morto che ero bambino, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/356769/SON_MORTO_slideBanner.jpeg/f4097a25-94a0-43fa-a1c1-1fc829288f35?t=1485772256115, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/356769/SON_MORTO_slideBanner.jpeg/f4097a25-94a0-43fa-a1c1-1fc829288f35?t=1485772256115, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MOSTRA / DAYANITA SINGH. MUSEUM OF MACHINES

{name=Prima_immagine, data=Dayanita Singh, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/300934/DS_HL_E3-SENZA-CLICCA-ITA.jpg/b798eb5c-e88f-471f-acee-6c826e06ac60?t=1478600234659, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/300934/DS_HL_E3-SENZA-CLICCA-ITA.jpg/b798eb5c-e88f-471f-acee-6c826e06ac60?t=1478600234659, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/dayanita-singh, type=text, options=[]}}

TALK E PROIEZIONI / DAYANITA SINGH

{name=Prima_immagine, data=Eventi in mostra, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/309359/DS_eventi+in+mostra+attivita.jpg/753f6abc-39d5-40df-b915-932a00f40d27?t=1482415577884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/309359/DS_eventi+in+mostra+attivita.jpg/753f6abc-39d5-40df-b915-932a00f40d27?t=1482415577884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/talk-proiezioni-singh, type=text, options=[]}}

TALK / STRUTH, RUFF

{name=Prima_immagine, data=Thomas Ruff e Thomas Struth, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/305407/HL_RUFF%2BSTRUTH_E2+copia.jpg/7bba49da-97bf-447b-afb2-e132dd28cede?t=1477072708786, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/305407/HL_RUFF%2BSTRUTH_E2+copia.jpg/7bba49da-97bf-447b-afb2-e132dd28cede?t=1477072708786, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MOSTRA / FOTOGRAFIE DELL'EMILIA-ROMAGNA AL LAVORO

{name=Prima_immagine, data=Ceramica, latte, macchine e logistica, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/259004/banner-ITA+2+agosto.jpg/7cad75f5-ee2e-47d1-9f99-ae0e75ff2415?t=1470124725513, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/259004/banner-ITA+2+agosto.jpg/7cad75f5-ee2e-47d1-9f99-ae0e75ff2415?t=1470124725513, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

La Fondazione MAST presenta le mostre dedicate al lavoro e al paesaggio dell’Emilia-Romagna con oltre 200 immagini e una trentina di volumi fotografici su ambienti, contesti e realtà della regione. I temi delle esposizioni sono valorizzati dal documentario di Francesca Zerbetto e Dario Zanasi,  Le radici dei sogni - L’Emilia-Romagna tra cinema e paesaggio.

 

Ceramica, latte, macchine e logistica – Fotografie dell'Emilia-Romagna al lavoro, curata da Urs Stahel, propone attraverso gli scatti di importanti fotografi una riflessione sullo sviluppo economico e paesaggistico che ha interessato l’Emilia-Romagna negli ultimi decenni.

Le esposizioni al MAST sviluppano il tema della Via Emilia che caratterizza la XI edizione di Fotografia Europea 2016 indirizzandolo alla rappresentazione fotografica del lavoro,  dell’industria e dell’economia, in linea con la missione primaria della Fondazione MAST.

La mostra intende creare una trama narrativa organizzata per gruppi di fotografie contrapposte “Immagini a cui è affidato il compito di raccontare – spiega Urs Stahel - come le vecchie industrie scompaiano, sostituite da nuovi impianti e sistemi produttivi ad altissimo contenuto tecnologico, come al paesaggio tradizionale e ad un territorio dal sapore antico si contrappongano le nuove aree del terziario avanzato, dei commerci, della tecnica, dell'accelerazione e come simili fenomeni siano riscontrabili, non solo nei settori dell'industria meccanica e della ceramica, ma anche in quelli della produzione alimentare e della piccola impresa.”

 

Le opere dei fotografi insieme ad alcune immagini di scena tratte dal film Il deserto rosso (1964) di Michelangelo Antonioni concorrono a creare un racconto che rappresenta fedelmente l'evoluzione economica dell'Emilia- Romagna e la trasformazione in atto nel sistema produttivo.

Si inizia con il classico ritratto di un operaio bolognese realizzato da Enrico Pasquali, seguito da immagini di dispositivi e attrezzi prodotti dalle Officine Minganti intorno alla metà del XX secolo e da macchine confezionatrici dismesse fotografate da Gabriele Basilico in uno stabilimento in fase di smantellamento e riconversione a  Bologna. William Guerrieri, nel progetto Dairy, mostra ad esempio, la dismissione di un caseificio indstriale a San Faustino, nei pressi di Rubiera, gli scatti di Paola De Pietri rappresentano la lavorazione tradizionale delle ceramiche, mentre le immagini di grande formato di Carlo Valsecchi rivelano industrie ad altissimo contenuto tecnologico. Il cambiamento dato dall’accelerazione sulle strade e nelle nuove linee ferroviarie è visibile nelle fotografie sulla costruzione della TAV, la linea ferroviaria ad alta velocità che collega Torino a Napoli, di Tim Davis, John Gossage, Walter Niedermayr e Bas Princen in contrasto con le immagini idilliache del Delta del Po realizzate da Marco Zanta. I paesaggi di Guido Guidi, piccole foto a colori, dense di significato disseminate lungo il percorso espositivo come un leitmotiv, raccontano i cambiamenti avvenuti nell'ambiente antropizzato dell'Emilia- Romagna assieme alle fotografie che Olivo Barbieri ha dedicato a Cavriago e alle code davanti alle casse dei centri commerciali, rappresentando visivamente la graduale metamorfosi subita dal paese. Il video La Via Emilia è un aeroporto di Franco Vaccari presenta l’arteria stradale che taglia la Regione sia come un’importante via di comunicazione sia come luogo di lavoro di prostitute. Lo sviluppo economico si accompagna al dibattito politico nel video di Lewis Baltz e nel reportage di Simone Donati che nel suo lavoro ha documentato i riti collettivi italiani. Il percorso espositivo include anche video di Tim Davis e William Guerrieri.


Quale side event a livello 0 del MAST verrà proiettato, in proiezione continua, il documentario Le radici dei sogni – L’Emilia-Romagna tra cinema e paesaggio (73 min.) girato nel 2015 da Francesca Zerbetto e Dario Zanasi. Il lavoro, prodotto dalla Cineteca di Bologna e MaxMan Coop, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, racconta un viaggio nei paesaggi della Regione che ha nutrito le fantasie di alcuni tra i più importanti registi del cinema italiano e internazionale.

Inoltre una esposizione di 35 volumi su ambienti, contesti e realtà dell’Emilia-Romagna, messi a disposizione da Linea di Confine, completerà il percorso.

 

Mostra a cura di Urs Stahel

 

Fondazione MAST è partner di Fotografia Europea 2016 – Reggio Emilia.

Si ringraziano la Cineteca di Bologna e Linea di Confine per la collaborazione.

 

           


PROIEZIONI / FOTOGRAFIE DELL'EMILIA-ROMAGNA AL LAVORO

{name=Prima_immagine, data=HL ciclo di proiezioni, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/290955/ciclo+23_09.jpg/493194bf-f7ee-4f3d-a2ac-a645ec37d919?t=1474638599548, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/290955/ciclo+23_09.jpg/493194bf-f7ee-4f3d-a2ac-a645ec37d919?t=1474638599548, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/proiezioni-fotografia-emilia-romagna, type=text, options=[]}}

SGUARDI CONTEMPORANEI: INDUSTRIA E SOCIETÀ IN EMILIA-ROMAGNA

{name=Prima_immagine, data=SGUARDI CONTEMPORANEI ITA, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/267412/sguardi+contemporanei+ITA+LUGLIO.jpg/d99c4054-cd7b-4fb5-acb1-08ee8bb5c4a8?t=1467383990978, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/267412/sguardi+contemporanei+ITA+LUGLIO.jpg/d99c4054-cd7b-4fb5-acb1-08ee8bb5c4a8?t=1467383990978, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

IL FUTURO DELLA SOCIETÀ E DEL LAVORO

{name=Prima_immagine, data=IL FUTURO DELLA SOCIETÀ E DEL LAVORO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/267148/futuro+della+societa+e+del+lavoro.jpg/79bb13ba-d46d-45c0-b0be-d7766cd175d5?t=1464183443465, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/267148/futuro+della+societa+e+del+lavoro.jpg/79bb13ba-d46d-45c0-b0be-d7766cd175d5?t=1464183443465, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

HUMAN RIGHTS NIGHTS

{name=Prima_immagine, data=HRN, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/261929/HRN/0653365f-4ab0-4b73-bfe6-406d7683cb43?t=1461919048983, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/261929/HRN/0653365f-4ab0-4b73-bfe6-406d7683cb43?t=1461919048983, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

JAKOB TUGGENER

{name=Prima_immagine, data=tuggener banner, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/231309/banner+tugg+ital2.jpg/7d3ec567-cb21-46ef-8a5a-2f6f35ea9fbe?t=1452771127975, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/231309/banner+tugg+ital2.jpg/7d3ec567-cb21-46ef-8a5a-2f6f35ea9fbe?t=1452771127975, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

La Fondazione MAST presenta due mostre dedicate al fotografo svizzero Jakob Tuggener (1904-1988), per la prima volta in Italia.

Con Jakob Tuggener si apre il ciclo di mostre fotografiche del 2016 proposte dalla Fondazione Mast che promuove speciali esposizioni sui temi dell’industria e del lavoro, sia con immagini della propria collezione di fotografia industriale, sia con opere di raccolte private o archivi spesso inediti.

“Jakob Tuggener è considerato uno dei dieci fotografi industriali di maggior spicco che siano mai esistiti -sottolinea Urs Stahel, curatore della PhotoGallery del MAST e co-curatore della mostra -.  Il suo libro FABRIK è una pietra miliare nella storia dell’editoria fotografica, paragonabile a Paris de nuit di Brassaïs del 1933 e a The English at Home di Bill Brandt del 1936”.

“Il tratto distintivo della sua opera - continua Stahel - è rappresentato da uno sguardo penetrante sulle persone e sugli oggetti del mondo così ravvicinato e attento come se volesse sorprenderli, unito a una grande padronanza del gioco di luci e ombre”.

La mostra FABRIK 1933–1953 presenta nella Photogallery del MAST oltre 150 stampe originali del lavoro di Tuggener, sia tratte dal suo importante libro fotografico FABRIK - saggio unico nel suo genere con un approccio critico di grande impatto visivo e umano sul tema del rapporto tra l’uomo e la macchina - sia da altri scatti dell’artista che affrontano momenti del lavoro nel suo paese.

“Tuggener è stato al tempo stesso fotografo, regista e pittore. Ma si considerava anzitutto un artista - afferma Martin Gasser, co-curatore della mostra -. Influenzato dal cinema espressionista tedesco degli anni Venti, sviluppò una cifra artistica estremamente poetica destinata a fare scuola nel secondo dopoguerra. FABRIK consolidò la fama di Tuggener quale eccezionale fotoartista, aprendogli le porte di prestigiose esposizioni collettive come ‘Postwar European Photography’ del 1953 e ‘The Family of Man’ del 1955 al Museum of Modern Art di New York, o la ‘Prima mostra internazionale biennale di fotografia di Venezia’ del 1957.” In FABRIK Tuggener, oltre a ripercorrere la storia dell’industrializzazione, aveva come finalità, non sempre svelata, di illustrare il potenziale distruttivo del progresso tecnico indiscriminato il cui esito, secondo l’autore, era la guerra in corso, per la quale l’industria bellica svizzera produceva indisturbata.

Le proiezioni  NUITS DE BAL 1934–1950 al livello 0 del MAST presentano immagini di balli ed altre occasioni mondane. Tuggener affascinato dall’atmosfera spumeggiante delle feste dell’alta società aveva iniziato a fotografare a Berlino le dame eleganti e i loro abiti di seta, ma è a Zurigo e a St Moritz che con la sua Leica, indossando lo smoking, ha colto le misteriose sfaccettature delle NUITS DE BAL. Riprendeva con il suo obiettivo anche “il lavoro invisibile” dei musicisti, dei camerieri, dei cuochi, dei valletti, dei maître, che attraversavano  silenti il mondo festoso ed autoreferenziale degli incuranti ospiti. Questi ultimi osteggiarono la pubblicazione del materiale dedicato ai balli, in quanto preferivano rimanere anonimi e non essere visti in intrattenimenti  danzanti.

“È stato soprattutto il contrasto tra la luminosa sala da ballo e il buio capannone industriale a caratterizzare la percezione della sua opera artistica. Il fotografo stesso, affermando: ‘Seta e macchine, questo è Tuggener’, si collocava tra questi due estremi - spiega ancora Gasser - . Di fatto amava entrambi, il lusso sfrenato e le mani sporche dal lavoro, le donne seducenti e gli operai sudati. Li riteneva di egual valore artistico e rifiutava di essere classificato come un critico della società che contrapponeva due mondi antitetici. Al contrario, gli opposti rientravano appieno nella sua concezione della vita: amava vivere intensamente gli estremi, senza tralasciare le sfumature più tenui tra i due poli”.

Accanto alle 150 immagini delle fabbriche e allo slide show del lavoro sui balli, MAST propone una raccolta di “menabò” di libri fotografici, che lo stesso Tuggener impaginava manualmente.  

Inoltre per rappresentare l’eclettismo e l’eccezionalità di questo artista, il percorso è arricchito da filmati caratterizzati da una regia dinamica e una tecnica di montaggio che deve molto alle teorie di Ejzenštejn, con passaggi dal campo totale al primo piano:

PROIEZIONI – Continue
MEETING AEREO, 1937, 6’
IL POLSO DEI TEMPI NUOVI, 1938, 12’
IL MULINO DEL LAGO, 1944, 5’
L’ERA DELLA MACCHINA, 1938-70, 30’

Mostre a cura di: Martin Gasser, Urs Stahel
Promosse da: Fondazione MAST
In collaborazione con: Fondazione Jakob Tuggener, Uster; Fondazione Svizzera per la fotografia, Winterthur.

 


Kids workshop

{name=Prima_immagine, data=Kids workshop, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/238903/box+testo+giugno+ita.jpg/71447c00-92ba-41fb-a820-c8fb92b1a3cc?t=1465460052227, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/238903/CAPANNA-HL-ita.jpg/2d00638a-18e3-4ab0-8307-6c7136499323?t=1454584647598, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

LAVORO: ISTANTANEE DI UNA CONDIZIONE IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=ciclo incontri, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/246428/FELTRINELLI+HL+II.jpg/1cf56f7c-eafa-4982-a6d8-8ea771484ce0?t=1456747676752, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/246428/FELTRINELLI+HL+II.jpg/1cf56f7c-eafa-4982-a6d8-8ea771484ce0?t=1456747676752, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

LAVORO E PRATICHE DI CITTADINANZA
MAST.AUDITORIUM
2 MARZO 2016, 0RE 18.30
LUCA DE BIASE
IL SOLE 24 ORE
GUY STANDING
UNIVERSITY OF LONDON
URS STAHEL
CURATORE PHOTOGALLERY MAST

IL LAVORO E IL MITO DELLA REALIZZAZIONE DI SÉ
MAST.AUDITORIUM
30 MARZO 2016, ORE 18.30
STEFANO LAFFI
AGENZIA CODICI
UMBERTO GALIMBERTI
UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA

LA MACCHINA A MISURA D'UOMO. IL LAVORO DOPO LA CATENA DI MONTAGGIO
MAST.AUDITORIUM
13 APRILE 2016, ORE 18.30
UGO MORELLI
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO
STEFANO MICELLI
UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA


CON IL CONTRIBUTO VIDEO DI
CHIARA SARACENO
SOCIOLOGA
MODERA
MATTEO CACCIA
RADIO 2 – RAI

INGRESSO GRATUITO FINO A ESAURIMENTO POSTI CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.


HENRI CARTIER-BRESSON E JAKOB TUGGENER

{name=Prima_immagine, data=Henri Cartier-Bresson, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/256193/hcb+hl+II.jpg/82e2fd79-6b9b-478e-a850-6df91dfc607f?t=1459257421981, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/256193/hcb+hl+II.jpg/82e2fd79-6b9b-478e-a850-6df91dfc607f?t=1459257421981, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

In occasione delle mostre di Jakob Tuggener la Fondazione MAST è lieta di invitarla all’incontro 

Henri Cartier-Bresson e Jakob Tuggener. Due maestri della fotografia del XX secolo. 

Raccontati da 

Agnès Sire – “L’istante decisivo” di Henri Cartier-Bresson, un’insidia o una rivelazione? 

Martin Gasser – Fabrik del 1943 di Jakob Tuggener: composizione e significato. 

Dialogo con Urs Stahel, curatore PhotoGallery MAST 

MERCOLEDÌ 6 APRILE 2016 ORE 18.30 MAST. VIA SPERANZA 42, BOLOGNA 

Agnès Sire, direttrice della Fondazione Henri Cartier-Bresson, e Martin Gasser, curatore della Fondazione svizzera per la fotografia, presenteranno i due grandi fotografi del XX secolo che hanno posato lo sguardo su momenti fondamentali della nostra storia. Ne parleranno con Urs Stahel, curatore della PhotoGallery MAST. 

Su prenotazione sarà disponibile il parcheggio MAST con ingresso da Via Vittoria di fronte al civico 18, fino ad esaurimento dei posti. 

La partecipazione è gratuita, con prenotazione obbligatoria.

 


ANDREW MOORE: DETROIT DISASSEMBLED REVISITED

{name=Prima_immagine, data=moore, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/250249/moore+libro/6e9fbe78-9173-452d-b272-cfe556d2a715?t=1457021803002, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/250249/moore+libro/6e9fbe78-9173-452d-b272-cfe556d2a715?t=1457021803002, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

La Fondazione MAST in collaborazione con lo Spazio Damiani organizza un incontro con ANDREW MOORE che presenterà il suo lavoro fotografico, prodotto nel 2008-2009, sulle fabbriche dismesse a Detroit e la loro recente rinascita, con alcune opere degli ultimi anni. DETROIT DISASSEMBLED REVISITED, prende il titolo dal volume edito da Damiani nel 2010, "Detroit Disassembled".

Andrew Moore è un fotografo e regista americano noto al grande pubblico soprattutto per le fotografie di grande formato realizzate a Detroit, Cuba e in Russia che impiegando il linguaggio formale della fotografia di architettura e paesaggio affrontano i temi del cambiamento sociale in un'ottica documentaristica. Nel volume "Detroit Disassembled" il fotografo americano descriveva così la profonda crisi della città alla fine degli anni 2000 "si può dire che Detroit sia diventata la versione americana di una città aperta. È stata lasciata alla mercé dei teppisti, dei vandali e delle forze della natura. Ci sono centinaia, se non migliaia, di edifici vuoti: fabbriche, biblioteche, ospedali, scuole, chiese, tutti abbandonati e per lo più incustoditi". Partendo dal suo famoso progetto fotografico su Detroit, Andrew Moore, come in una vera e propria narrazione per immagini, presenterà al pubblico del MAST il declino di quella che fu la capitale dell'industria automobilistica statunitense e la sua recente rinascita, attraverso nuovi scatti.

Sarà disponibile il parcheggio MAST con ingresso da Via Vittoria di fronte al civico 18, fino ad esaurimento dei posti.

La partecipazione è gratuita, con prenotazione obbligatoria.

 
Al termine dell'incontro al MAST la serata continuerà allo Spazio Damiani per l'inaugurazione della mostra DIRT MERIDIAN ultima produzione fotografica di Andrew Moore, sui paesaggi del 100° meridiano che divide longitudinalmente gli USA tra il verde Est e il brullo Ovest. 

Spazio Damiani
Via dello Scalo, 3/2
Dalle Ore 19.00


JORGE RIBALTA: THE WORKER PHOTOGRAPHY MOVEMENT

{name=Prima_immagine, data=ribalta, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/231309/banner_ITA.2jpg.jpg/2bb22a0b-a322-4a18-9eef-e409f9b74c43?t=1454609785320, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/231309/banner_ITA.2jpg.jpg/2bb22a0b-a322-4a18-9eef-e409f9b74c43?t=1454609785320, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

In occasione  delle mostre di Jakob Tuggener la Fondazione MAST è lieta di invitarla all’incontro

JORGE RIBALTA: THE WORKER PHOTOGRAPHY MOVEMENT 

MERCOLEDI 10 FEBBRAIO 2016 ORE 18.30
MAST VIA SPERANZA, 42 BOLOGNA

Jorge Ribalta (Barcellona, 1963) è noto al nostro pubblico di visitatori per le sue immagini scattate nello stabilimento metallurgico di Can Ricart, che sono state mostrate  nel 2014 al MAST nella esposizione Capitale Umano nell’Industria e successivamente pubblicate nel volume Capolavori della fotografia industriale - Mostre 2013-2014 Fondazione MAST.
L'artista catalano, che è anche un valente curatore e critico, presenterà il movimento della fotografia operaia.
Prendendo spunto dalla grande mostra Una Luz dura, sin compasión. El movimiento de la fotografía obrera 1926-1939 (Una luce dura, senza pietà. Il Movimento della fotografia operaia, 1926-1939), da lui stesso curata nel 2011 al Reina Sofia di Madrid, Jorge Ribalta condurrà un'analisi sul periodo in cui la fotografia del ventesimo secolo ha fatto confluire la propria forza espressiva nei vari movimenti operai (dalle unioni sindacali fino alla creazione di “stati proletari” come lo Stato sovietico).  L'intento era quello di contribuire alla crescita della coscienza della classe operaia e di appropriarsi dei mezzi di produzione e riproduzione delle immagini.

Al termine dell’incontro seguirà la visita guidata con il curatore Urs Stahel alle mostre di Jakob Tuggener  allestite nella MAST.Gallery


FINALISTI CONCORSO GD4PHOTOART 2015 / DALL'ALBUM AL LIBRO FOTOGRAFICO

{name=Prima_immagine, data=Foto Industria, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_nov_ITA.jpg/f25b7e02-0014-4ead-8057-562d1fcea3bb?t=1446826462739, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_nov_ITA.jpg/f25b7e02-0014-4ead-8057-562d1fcea3bb?t=1446826462739, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

FINALISTI CONCORSO GD4PHOTOART 2015

GD4PhotoArt è una selezione biennale di giovani fotografi che ha lo scopo di documentare e sostenere l’attività di ricerca sull’immagine dell’industria, la trasformazione che essa induce nella società e nel territorio, il ruolo del lavoro per lo sviluppo economico e produttivo.
Indetto nel 2007, a partire dal 2013 il concorso è entrato a far parte di un progetto più ampio che si sviluppa all’interno di MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia), il complesso innovativo adiacente alla storica fabbrica di G.D e alla sede centrale del Gruppo Coesia a Bologna che offre vari servizi ai collaboratori e alla comunità. Le attività di MAST sono coordinate da un ente non profit, la Fondazione MAST che dal 2013 promuove il concorso assieme a G.D.
Dal 2007 a oggi, GD4PhotoArt ha contribuito alla creazione di una raccolta fotografica di artisti contemporanei che rientrano in una collezione più articolata e storica di immagini sull’industria e sul lavoro. Tutte le attività legate alla collezione hanno ora sede nello spazio dedicato a questo tema nella Gallery del MAST, dove vengono organizzate mostre nel corso dell’anno. Nell’ambito di tale specifico e originale progetto, il concorso rappresenta un’occasione per sostenere i giovani fotografi che intendono confrontarsi con l’odierna realtà sociale. In questo contesto, la Fondazione Mast promuove inoltre Foto/Industria, la prima biennale al mondo di fotografia industriale, sotto la direzione artistica di François Hébel.
Da venti, trent’anni, l’industria europea è chiamata ad affrontare una fase di profondo cambiamento che non interessa solo le imprese, ma la società nel suo complesso e noi tutti, ogni singolo individuo. La produzione viene esternalizzata, gli impianti dislocati in paesi lontani, esponendo la società al rischio di perdere in tal modo anche il know how maturato nel corso dei secoli e le strutture collettive e decisionali tipiche delle nostre realtà lavorative. Attraverso il confronto con i lavori fotografici sul mondo del lavoro, la Fondazione MAST – con la sua Photo Gallery, la collezione fotografica, il concorso GD4PhotoArt e la biennale Foto/Industria – mira a promuovere una maggiore comprensione delle realtà sociali ed economiche, a dare forza all’innovazione e a sostenere il senso di responsabilità individuale e collettivo. Le modalità di partecipazione al concorso prevedono che i fotografi, di età non superiore a quarant’anni, vengano proposti da segnalatori internazionali del settore. I candidati vengono invitati a partecipare presentando un progetto e il proprio portfolio. La giuria seleziona quattro finalisti, ognuno dei quali riceve una borsa di studio per realizzare il programma di lavoro previsto. Prima dell’inaugurazione della mostra, la giuria si riunisce nuovamente per valutare le opere e decretare il vincitore del concorso, che riceve un ulteriore premio.
Per la shortlist della quarta edizione di GD4PhotoArt sono stati selezionati:
Marc Roig Blesa, Raphaël Dallaporta, Madhuban Mitra e Manas Bhattacharya, Óscar Monzón.
Il vincitore di quest'edizione è Óscar Monzón.
La giuria dell’edizione 2013-14 di GD4PhotoArt è formata da: Isabella Seràgnoli (presidente di G.D e della Fondazione MAST), Quentin Bajac (MoMA – The Museum of Modern Art, New York), Giovanna Calvenzi (giornalista, Periodici San Paolo, Milano), Giuseppe Ciorra (Maxxi Architettura), Daniela Facchinato (fotografa), Laura Gasparini (Fototeca Panizzi, Reggio Emilia), François Hébel (direttore artistico di Foto/Industria), Michael Hoppen (gallerista, Michael Hoppen Gallery, Londra), Piero Orlandi (Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna), Urs Stahel (curatore della collezione fotografica della Fondazione MAST), Roberta Valtorta (Museo di fotografia contemporanea di Cinisello Balsamo, Milano).

   

 

DALL’ALBUM AL LIBRO FOTOGRAFICO
L’INDUSTRIA ITALIANA IN 120 VOLUMI
COLLEZIONE SAVINA PALMIERI

Prima è venuto l’album, poi l’opuscolo, infine il libro: nel corso degli ultimi cento anni, le industrie hanno fatto sempre ricorso alla stampa per sostenere e promuovere la propria attività, sia sotto forma di album, sia come dépliant e opuscolo pubblicitario o anniversary book. I 50, 100 o 150 anni di vita di un’azienda venivano spesso celebrati con sfarzose pubblicazioni rilegate sulla propria storia. Immagini e testo erano i garanti dei risultati ottenuti, del successo e della prosperità di un’impresa. Con i suoi 120 libri pubblicati da varie industrie italiane, la mostra illustra l’uso della fotografia nelle opere a stampa e, contemporaneamente, offre una panoramica sulla fotografia industriale italiana e la storia dell’industria in Italia. Le molteplici videoproiezioni delle pubblicazioni consentono inoltre al pubblico di sfogliare i libri virtualmente. Le opere esposte provengono dalla collezione milanese di Savina Palmieri.

 


Foto Industria

{name=Prima_immagine, data=fotoindustria, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_IT.jpg/964d40cd-a3d9-4014-8ce7-8fcb2dc64171?t=1444730460583, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_IT.jpg/964d40cd-a3d9-4014-8ce7-8fcb2dc64171?t=1444730460583, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.fotoindustria.it, type=text, options=[]}}

industria, oggi. fotografie contemporanee dalla collezione mast

{name=Prima_immagine, data=highlight industria oggi, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/177411/highlight_IO+ITAL+2306.jpg/9b25b60d-4d78-4b47-8382-f8ebc12e2b8b?t=1435141303593, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/177411/highlight_IO+ITAL+2306.jpg/9b25b60d-4d78-4b47-8382-f8ebc12e2b8b?t=1435141303593, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MAST presenta con Industria, oggil'immagine dell'industria contemporanea negli scatti di ventiquattro artisti e fotografi moderni, proponendo una riflessione sulla rappresentazione del paesaggio industriale. 

La mostra, proposta dal curatore della collezione di fotografia industriale di MAST Urs Stahel, espone le immagini di artisti che, perdutasi l’incisività della fotografia industriale in senso classico degli anni Sessanta e Settanta del Novecento, si interessano oggi ai processi produttivi e al loro legame con la società, indagando sui rapporti di forza e sull'influenza dell'industria sull'uomo e la natura.
Olivo Barbieri, per esempio, nella sua fotografia lunga sette metri raffigurante l'interno di uno stabilimento Ferrari, mostra come i capannoni siano ormai ambienti chiari, luminosi, arredati con grandi, verdi “piante da appartamento”, ma totalmente deserti; Henrik Spohler Vincent Fournier ci guidano attraverso un mondo di dati e prodotti, un mondo sempre più invisibile in cui ormai solo i cartelli aiutano a orientarsi. Carlo Valsecchi fotografa impianti produttivi contemporanei come fossero sculture a tuttotondo di una “industrial fiction”. Trevor Paglen sembrerebbe prediligere la pura fotografia del cielo, se le molte strisce bianche non indicassero la presenza di orbite satellitari e sistemi di sorveglianza militare a elevata tecnologia. Nell'opera dal titolo “Tokamak Asdex Upgrade Interior 2”, Thomas Struth si occupa della ricerca tecnologica del Max- Planck-Institut, mentre Vera Lutter, nelle sue scure immagini stenoscopiche, continua a incentrare il proprio lavoro sull'oppressione, l'imponenza degli impianti industriali, mentre Miyako Ishiuchi documenta la centenaria produzione della seta in Giappone.
Anche nella nostra epoca postmoderna, postindustriale, altamente tecnologica, il possesso e l'uso dei mezzi di produzione e delle competenze creano molteplici disuguaglianze sociali. Se 
Jacqueline HassinkAllan Sekula Bruno Serralongue si occupano di interrogativi e differenze all’interno della società, Ad van Denderen Jim Goldberg contrappongono alle bianche fabbriche vuote le variopinte, flemmatiche correnti migratorie. Ed Burtynsky mostra dove e come vengano riciclate le grandi navi da carico, mentre la fotografia di Sebastião Salgado ricorda che, accanto agli impianti automatizzati, esistono ancora aree del mondo in cui si produce sfruttando intensamente la forza lavoro. 

SIDE EVENT DELLA MOSTRA: proiezione di “...Stromness...” (durata 12’) realizzato nel 2005 da Simon Faithfull, che descrive la stazione baleniera raggiunta nel 1917 dal noto esploratore Sir Ernest Shackleton, attualmente abbandonata, situata nella costa settentrionale della Georgia del Sud, e del docufilm The Forgotten Space (durata 112‘) di Allan Sekula e Noël Burch sul sistema, spesso obsoleto e fonte di gravi danni per il nostro pianeta, del trasporto per mare tramite containers, vincitore nel 2010 del Premio Speciale della Giuria Orizzonti alla Biennale del Cinema di Venezia.

  

Eventi in mostra

{name=Prima_immagine, data=Foto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/highlight+eventi+in+mostra+industria+oggi+ita+NEW/70af3ceb-df47-4499-b18a-7c0952677b2d?t=1433864939995, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/highlight+eventi+in+mostra+industria+oggi+ita+NEW/70af3ceb-df47-4499-b18a-7c0952677b2d?t=1433864939995, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

Emil Otto Hoppé: Il segreto svelato

{name=Prima_immagine, data=E. O. Hoppé, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/highlight+hoppe/fa21fe7b-2bfd-4c20-afae-c53f3a15d9b9?t=1421827321744, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/highlight+hoppe/fa21fe7b-2bfd-4c20-afae-c53f3a15d9b9?t=1421827321744, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MAST presenta in anteprima mondiale 200 immagini scattate nelle realtà industriali di vari paesi del mondo da E.O. HOPPÉ, uno dei più importanti fotografi dell'epoca moderna. Eclettico artista e noto ritrattista cui la National Portrait Gallery di Londra ha dedicato una personale nel 2011.

Dopo l'esposizione delle fotografie di David Lynch, la FONDAZIONE MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) dedica, nello spazio della Gallery, una mostra, curata da Urs Stahel,  a  Emil Otto Hoppé (1878-1972),  che raccoglie oltre 200 opere sull'industria e il lavoro scattate tra il 1912 e il 1937.

Al pari di suoi contemporanei come Alfred Stieglitz, Edward Steichen, Walker Evans, August Sander, Edward Weston, Hoppé fu tra i principali fotografi del suo tempo, noto  anche per le sue immagini di paesaggio e di viaggio. Negli anni venti e trenta, E. O. Hoppé, dopo aver consolidato la sua fama di fotografo topografico e ritrattista di alcuni tra i più famosi artisti, politici e scienziati europei tra cui George Bernard Shaw, Ezra Pound, T.S. Eliot, Rudyard Kipling, Giorgio V, Vita Sackwille-West, Filippo Tommaso Marinetti, Albert Einstein, si mise in viaggio con lo scopo di descrivere il fascino della grandiosità dei siti industriali in tutto il mondo. Nel corso delle sue esplorazioni – in Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti, India, Australia, Nuova Zelanda e altri paesi – fotografò l'avveniristico paesaggio dell'industria, vedendo arte e tecnologia nelle sue macchine smisurate. Hoppé era profondamente consapevole di come la tecnologia industriale contemporanea stesse segnando l'arrivo nel mondo di una nuova era, in cui la natura stessa del lavoro e della produzione sarebbe profondamente cambiata.

Emil Otto Hoppé: Il Segreto svelato presenta per la prima volta le sue emblematiche immagini della seconda rivoluzione industriale e riporta all'attenzione del pubblico l'opera del fotografo che per lungo tempo è rimasta nascosta in un archivio fotografico londinese a cui lo stesso Hoppé aveva venduto, al termine della sua lunga e prestigiosa carriera, cinquant'anni del suo lavoro.
Insieme alle fotografie industriali di Hoppé esposte in mostra, MAST, nello spazio dedicato a "side event" metterà in risalto la ricca varietà tematica della sua opera presentando anche una serie di proiezioni digitali di altri temi, dai ritratti di personaggi celebri ai nudi, dalle tipologie umane ai paesaggi.

L'esposizione, a cura di Urs Stahel, è organizzata dalla Fondazione MAST, Bologna in collaborazione con E.O.  Hoppé Estate Collection / Curatorial Assistance, California.

AUDITORIUM
[EVENTI IN MOSTRA]

SABATO 11 DOMENICA 12 APRILE
SABATO 18 DOMENICA 19 APRILE

Ciclo di proiezioni sul lavoro di importanti fotografi internazionali, con presentazioni e visite guidate che verrà inaugurato da un ospite d'eccezione: Phillip Prodger, curatore capo di fotografia della National Portrait Gallery di Londra. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria.

{name=Seconda_immagine, data=1, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/1-MdmUc8Su.jpg/35aec955-8f24-40ff-9892-1d82ccf98627?t=1422086357519, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=2, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/2-2YDTWkaZ.jpg/d3bf557f-22e9-4d10-9c94-74564c1ddd59?t=1422086357635, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=3, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/3.jpg/865830d9-eb5b-432b-bd5e-7c5fe0742f68?t=1422086357709, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=4, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/4.jpg/e457b32e-6e32-4efe-8ceb-6d496e23c2c1?t=1422086357788, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=5, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/5.jpg/53404c7e-243e-4da0-9bec-f80ace9dd9e2?t=1422086357866, type=document_library, options=[]}}

Eventi in mostra

{name=Prima_immagine, data=Eventi in mostra, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/programma.jpg/d1888f68-c8bf-4cf8-af4b-e56b2cfa69ff?t=1428045634447, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/programma.jpg/d1888f68-c8bf-4cf8-af4b-e56b2cfa69ff?t=1428045634447, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

Inaugurazione

{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42046/MG_1180.jpg/bede8325-0f89-4c44-8f99-031f03069ce9?t=1410505683426, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42046/MG_1180-300x200.jpg/50f17d35-56e6-4917-9e8d-80e6d888ed87?t=1410505682222, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42046/MG_1182.jpg/69b1f00c-3d3c-4555-9cb1-f64b7602c20d?t=1410505684668, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42046/MG_1182-300x200.jpg/084cddd6-6a68-4d7f-8afd-9f936ff97314?t=1410505684589, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1249.jpg/bf503b36-6370-4c68-8331-8ea78b09ec7d?t=1410522796136, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1249-300x200.jpg/27a91b02-c09d-4cb5-9d90-e22ef5c98308?t=1410522793195, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1256.jpg/44df8ffd-b5e1-44b4-9b4f-f4b739b13fc4?t=1410522799457, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1256-300x200.jpg/2c0bc1b8-b8e5-4f62-9663-6acfe65092ed?t=1410522797893, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1270.jpg/f71f6b69-f31b-4ea1-b67e-d57f6533fa2b?t=1410522804121, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1270-300x200.jpg/b0b672b8-3a46-4e59-9857-8734e58636ef?t=1410522802206, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1285.jpg/3d639ac8-9e41-433a-a8db-1b2b88b553d9?t=1410522808879, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1285-300x200.jpg/92d632e8-5126-4e15-a376-eed7ece02899?t=1410522805349, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1508.jpg/4d320066-8337-48ba-b350-7850d772877b?t=1410522812247, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1508-300x203.jpg/d3f49d5c-8871-468d-8acc-a55aa3b3d254?t=1410522809619, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1520.jpg/36584227-1d75-41cc-a47c-9d517e2a9f41?t=1410522816114, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1520-300x200.jpg/7a04c8f6-6a09-4c26-8086-70e0cd60a805?t=1410522814175, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1552.jpg/8ded634a-2822-4e08-a7ce-53e928fd5925?t=1410522820739, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1552-300x200.jpg/3a30dd67-f771-4e98-85d0-5102fc59b4a9?t=1410522818621, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1563.jpg/f2b39011-966c-4cf4-972f-0a1d90cc2d9c?t=1410522824889, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1563-300x200.jpg/9a95a1f9-ac05-4cf2-a62a-3efd1fc1839b?t=1410522822152, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1586.jpg/14be9e69-9b2a-4386-9024-73962fe5af52?t=1410522829429, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1586-300x200.jpg/4fe6ab3e-ff8f-4bc3-b133-f2417070650b?t=1410522826611, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_0924.jpg/2ced9ac5-a81d-4d39-b772-b235bbdfacc2?t=1410522747452, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_0924-300x200.jpg/2b898f61-ca0e-4a53-95e9-9f5725d39fec?t=1410522745670, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_0932.jpg/03a994e3-2fd9-4aef-9af7-c91ad9f5d62b?t=1410522749683, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_0932-300x156.jpg/5cdcee2f-b7a5-49bc-8d9f-ad94d3ca1190?t=1410522748487, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1008.jpg/32334666-9f24-4b39-b939-8bd8484b52ea?t=1410522754257, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1008-300x173.jpg/2c3dbe18-e42b-4647-8a8b-24f4b36d3ec5?t=1410522752135, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1046.jpg/fd704d1a-a6fd-48a0-934f-95ddc2d62382?t=1410522758377, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1046-300x200.jpg/3df3a09e-671a-4d40-8fcc-88e742d1468a?t=1410522757161, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1069.jpg/bac8d5bc-3aeb-4cc0-a1f9-bff785c98c43?t=1410522763501, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1069-300x200.jpg/6e9979c8-da9f-41ce-936b-974a9d9fd952?t=1410522760622, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1161.jpg/8a67bf73-d1e3-4de8-8c81-c400be6af5f9?t=1410522775000, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1159-300x147.jpg/1e0c3711-03fa-4c53-b55b-00d79a5074c8?t=1410522767678, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1161.jpg/8a67bf73-d1e3-4de8-8c81-c400be6af5f9?t=1410522775000, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1161-300x200.jpg/ef582ef8-9f3b-4277-9336-354eb7245682?t=1410522772961, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1168.jpg/6a068b64-a42e-4d96-abaf-d64bcdec3469?t=1410522778588, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1168-300x200.jpg/a6f5aab1-d8f2-490d-91a1-a3fce7a20880?t=1410522776178, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1169.jpg/5e1ed7f1-7572-4b5c-8e6a-e4640a866a91?t=1410522783084, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1169-300x200.jpg/6e471d2a-b1e4-4ab8-a630-83415507bc1c?t=1410522780819, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

DAVID LYNCH: THE FACTORY PHOTOGRAPHS

{name=Prima_immagine, data=DAVID LYNCH: THE FACTORY PHOTOGRAPHS, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/DavidLynch_Banner.jpg/5994aa4c-f885-493a-91a0-1a2b01024c68?t=1410896227806, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/DavidLynch_Banner.jpg/5994aa4c-f885-493a-91a0-1a2b01024c68?t=1410896227806, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

111 FOTOGRAFIE
3 CORTOMETRAGGI: INDUSTRIAL SOUNDSCAPE, BUG CRAWLS, INTERVALOMETER: STEPS
E UNA INSTALLAZIONE SONORA : THE AIR IS ON FIRE_ I (Station) .

MAST.GALLERY:
17 SETTEMBRE – 31 DICEMBRE 2014, MARTEDÌ – DOMENICA ORE 10.00 – 19.00.

MAST  presenta in anteprima nazionale Factory Photographs di David Lynch.
Queste fotografie in bianco e nero testimoniano la fascinazione di Lynch per le fabbriche, la sua passione quasi ossessiva per comignoli, ciminiere e macchinari, per l'oscurità e il mistero. In un arco di tempo di oltre trent'anni ha fotografato i monumenti decadenti dell'industrializzazione, edifici in laterizio decorati con volte, cornicioni, cupole e torri, finestre e portali imponenti, impressionanti nella loro somiglianza con le antiche cattedrali. Rovine di un mondo che va scomparendo, in cui le fabbriche erano pietre miliari di un orgoglioso progresso e non luoghi desolati, scenografie per storie cariche di quell'aura emozionale caratteristica  di Lynch

Le fotografie sono state scattate tra il 1980 e il 2000 nelle fabbriche di Berlino e delle aree limitrofe, in Polonia, in Inghilterra, a New York City, nel New Jersey e a Los Angeles. È come se la fuliggine, i vapori o le polveri sottili che avvolgevano quei luoghi si fossero posate sulla superficie della carta: ne risultano immagini di straordinaria potenza sensoriale, come disegni fatti a carboncino, in cui il nero carico delle linee nitide, grafiche, taglia il grigio scuro dei campi.

L'inconfondibile cifra di Lynch si svela in modo suggestivo nei soggetti scelti, nelle atmosfere, nelle nuance di colore di mondi arcani e surreali, nelle sequenze oniriche che evocano la visionarietà labirintica ed enigmatica dei suoi film.

David Lynch, icona del cinema americano, è nato nel 1946 a Missoula, nel Montana, e vive a Los Angeles: è regista, sceneggiatore, produttore, pittore, musicista, designer e fotografo. La sua formazione accademica è nel campo della pittura: studente alla Pennsylvania Academy of Fine Arts di Philadelphia, realizza qui, nel 1966, il suo primo cortometraggio. Si trasferisce in seguito a Los Angeles; il suo primo film Eraserhead (1977) diventa ben presto un "cult classic". Per The Elephant Man (1980), Velluto Blu (1986) e Mulholland Drive (2001) ha ricevuto la nomination all'Oscar per la migliore regia. Dune (1984), Cuore selvaggio (1990), Lost Highway (1997), Una storia vera (1999), INLAND EMPIRE (2006) e la serie televisiva Twin Peaks (1990 -1991) hanno ottenuto numerosi riconoscimenti.

Esposizione curata da Petra Giloy-Hirtz, in collaborazione con MAST e The Photographers' Gallery.

Fanno parte della mostra alcuni cortometraggi di Lynch, che verranno proiettati a ciclo continuo: Industrial Soundscape, Bug Crawls, Intervalometer: Steps.

Le immagini di grandi dimensioni sono: Archival pigment prints
Le fotografie di piccole dimensioni sono: Archival silver-gelatin prints


Visita al Mast

{name=Prima_immagine, data=MAST, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42046/VisitaalMAST.jpg/e61b3780-425d-439d-a8ba-f87fc1c1bedc?t=1410504928451, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42046/VisitaalMAST.jpg/e61b3780-425d-439d-a8ba-f87fc1c1bedc?t=1410504928451, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

CON IL PATROCINIO DELL'ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI BOLOGNA


Capitale umano nell'industria

{name=Prima_immagine, data=Capitale umano nell'industria, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/capitale-umano1.jpg/30bf41de-4400-4a34-b7c9-27561dd4a90e?t=1409046593390, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/capitale-umano1.jpg/30bf41de-4400-4a34-b7c9-27561dd4a90e?t=1409046593390, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

Dalla Collezione di Fotografia su Industria e Lavoro della Fondazione MAST

A partire dalla metà del XVIII secolo, l'avvento dell'industrializzazione in Europa e nel resto del mondo ha prodotto un mutamento così determinante nelle condizioni di vita delle persone da indurci a coniare il termine "rivoluzione industriale". Nel corso dei successivi 250 anni, le tradizionali forme del lavoro agricolo e artigianale sono state progressivamente soppiantante da procedimenti produttivi di carattere industriale. Nel frattempo, il processo di industrializzazione che aveva interessato il settore primario e secondario, il reperimento delle materie prime e la loro lavorazione, si è esteso anche al terziario, all'organizzazione del tempo libero, alla cultura e alla gestione dei rifiuti.

Sarebbe riduttivo affermare che l'industrializzazione ha rivoluzionato soltanto le politiche economiche. Essa ha piuttosto condizionato l'intera società, le nostre conoscenze, il nostro pensiero, il commercio, in altre parole la nostra esistenza nella sua totalità. Prima dell'avvento dell'industrializzazione, la vita e il lavoro seguivano il ciclo naturale e biologico: l'avvicendarsi delle stagioni, il sorgere e il tramontare del sole scandivano il ritmo della giornata e il corso dell'anno. Da un certo punto in poi, le esigenze della produzione hanno preso il sopravvento, hanno scandito il ritmo della giornata lavorativa, hanno stabilito a che ora il lavoratore dovesse puntare la sveglia per recarsi al lavoro. Ecco perché parliamo di "tempo della fabbrica": nel mondo dell'industria, per la prima volta, le ore di lavoro e le ore di tempo libero sono state quantificate e regolamentate dal suono delle sirene, dai controlli all'entrata e, in ultimo, dalla timbratura del cartellino.

Mutando il modo di lavorare, è mutato di conseguenza il rapporto tra città e campagna. Tradizionalmente vita e lavoro erano parti integranti di una stessa unità: si abitava e lavorava nello stesso luogo o, perlomeno, nelle immediate vicinanze. L'industrializzazione e le offerte di lavoro ad essa collegate hanno spinto le persone ad allontanarsi sempre più dal luogo d'origine, fino a spingerle ad emigrare. Gli equilibri di potere si sono spostati dalla campagna alla città.

È comunque innegabile che l'industrializzazione abbia avuto anche il merito di rendere liberi gli uomini - affrancando ad esempio gran parte dei contadini dal giogo della servitù della gleba – o di rendere più duttili i rigidi sistemi normativi delle corporazioni di mestieri. Per la prima volta, con l'avvento dell'industria, questioni importanti quali l'igiene ed il progresso sono diventate oggetto di riflessione profonda. Conquiste fondamentali che non di rado, però, sono state pagate a caro prezzo: il benessere di una parte della popolazione è costato l'impoverimento di altre.

Se da un lato l'industria ha stravolto radicalmente la vita delle persone, dall'altro, concepire l'industria senza persone né lavoratori è del tutto impensabile. Fino a poco tempo fa, prima della recente svolta digitale nell'ambito dell'automazione industriale, uomini e macchine, industria e lavoratori costituivano una sola, grande entità, in cui il capo del personale era – come continua ad esserlo ancora - una figura chiave dell'azienda.

Questa unità, questo vincolo, ha fatto sì che le grandi industrie – ad esempio quelle automobilistiche – siano strutturate come vere e proprie comunità operative; al loro interno si esercitano 200, 250, talvolta fino a 300 diversi mestieri e si formano eserciti di apprendisti. Il vitto è offerto nelle mense o nei ristoranti aziendali. Risalgono all'inizio del XX secolo le prime Wohlfahrtshäuser, le case del popolo per il personale delle aziende, che offrivano ai lavoratori non solo docce e bagni, ma anche occasioni di svago, intrattenimento e formazione. Molte squadre di calcio portano il nome di un'azienda: il Bayer Leverkusen è solo un esempio tra tanti.

Oggi come un tempo possiamo distinguere le industrie in due tipologie contrapposte: quelle che trattano il personale con la massima attenzione e responsabilità, operando realmente per la sicurezza e la salute di quello che oggi viene definito "capitale umano", e quelle che – al contrario – non si curano affatto dei loro collaboratori, delle modalità, dei tempi e delle condizioni in cui si svolge il lavoro. Ne è prova la dinamica dei rapporti tra datori di lavoro e lavoratori, caratterizzata da negoziazioni, rivendicazioni, lotte e scioperi per ottenere condizioni migliori, maggiore sicurezza sul posto di lavoro, salari più alti e orari ridotti. La storia dell'industria è anche storia delle lotte sindacali.

Il Capitale Umano nell'Industria espone una selezione di oltre 200 fotografie tra opere su commissione, fotografie documentarie e scatti d'artista facenti parte della collezione della Fondazione MAST; opere che, nel loro insieme, testimoniano quella complessità che – oggi come un tempo – struttura i rapporti fra industria e operai, industria e impiegati, Risorse Umane e Capitale Umano.

La mostra racconta il lavoro dell'uomo nelle miniere, nei grandi impianti delle industrie metallurgiche, meccaniche e nelle fabbriche tessili, ma anche nei cantieri stradali, ferroviari e navali e nelle centrali elettriche, mettendo a confronto strumenti, metodi e condizioni di lavoro dall'Ottocento ad oggi. Il ritratto realistico che l'Occidente offre del mondo del lavoro si contrappone alla rappresentazione esaltante ed euforica che giunge dall'Unione Sovietica.

L'obiettivo coglie l'aspetto gerarchico del lavoro, dai Colletti Blu e Bianchi, agli ingegneri, manager, direttori e imprenditori. Ma non è tutto: le fotografie in mostra ci parlano anche di pendolarismo, di salubrità e sicurezza nei luoghi di lavoro e di tempo del lavoro rigorosamente disciplinato dall'industria. Spesso il progresso sociale è stato ottenuto a costo di lotte e confronti accesi fra le parti e non di rado la parola d'ordine a cui rispondere è stata: sciopero!

Alcuni autori delle immagini in mostra sono anonimi, di loro abbiamo perso le tracce, altri erano collaboratori delle fabbriche e delle imprese, ma con questi temi si sono cimentati anche fotografi famosi come ad esempio: Margarete Bourke-White, Robert Doisneau, David Goldblatt, Brian Griffin, Jacqueline Hassink, Erich Lessing, Jercy Lewczyński, Ugo Mulas, Jorge Ribalta, August Sander, Josef Sudek, Larry Sultan/Mike Mandel, Jakob Tuggener e molti altri ancora.

{name=Seconda_immagine, data=mostra, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/2.jpg/023adb4e-f556-4cb4-b6a4-41c66787827b?t=1409046842172, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=dettaglio mostra, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/1.jpg/d37d7558-90c6-41cb-a6d8-948ccdcdd797?t=1409046806767, type=document_library, options=[]}}

Aggregatore Risorse

Laboratorio 4.0 Fondazione Feltrinelli

Feltrinelli
Feltrinelli

MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2018

ORE 18.30

MAST.AUDITORIUM

 

TAVOLA ROTONDA

LABORATORIO 4.0. PRODUZIONE, LUOGHI DI LAVORO E
SAPERE UMANO AL TEMPO DELLA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Introduce l’incontro
Massimiliano Tarantino, Segretario Generale Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
con
Andrea Zucca, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Riccardo Emilio Chesta, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Allegra Martin, Fotografa
Francesco Zanot, Critico fotografico e curatore
Luigi Torlai, Direttore Risorse Umane, Ducati

Moderatore Alessandra Lazazzara, Università degli Studi di Milano Bicocca


Ricerca sul campo e fotografia: un viaggio sul territorio per capire come stanno cambiando le forme, i linguaggi e i luoghi di lavoro al tempo della quarta rivoluzione industriale. Un percorso intrapreso con l’obiettivo di fotografare un processo di trasformazione che corre veloce e in cui le pratiche sembrano oggi più avanzate delle teorie, già qualche passo oltre l’immediato presente, alla ricerca di risposte e soluzioni per un futuro possibile.
Quale momento conclusivo della collaborazione con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli nell’ambito del progetto “I luoghi e i lavori 4.0”, la Fondazione MAST propone un appuntamento per approfondire i risultati emersi dalla ricerca e presentati all’interno del volume Laboratorio 4.0. Produzione, luoghi di lavoro e sapere umano al tempo della quarta rivoluzione industriale.
L’incontro vuole ripercorrere il processo di lavoro che ha portato alla realizzazione del volume,
presentando al contempo le principali evidenze della ricerca sia a livello visivo, in relazione alle immagini fotografiche, sia a livello di contenuti, con riferimento a quanto emerso dalle interviste condotte.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi,
CLICCARE QUI


Mosse

Mosse
Mosse

MERCOLEDÌ 21 NOVEMBRE 2018

ORE 18.30

MAST.AUDITORIUM
 

TALK
 

RICHARD MOSSE

THE CASTLE

 

Introduce Urs Stahel

 

Richard Mosse negli ultimi anni si è dedicato alla rappresentazione della crisi legata alle migrazioni di massa che vedono coinvolti Medio Oriente, Nordafrica ed Europa. Al centro del suo lavoro c’è la volontà di interrogarsi sulla percezione e sul trattamento dei rifugiati da parte dei governi e delle società civili. Il suo ultimo progetto è una meticolosa documentazione dei campi di accoglienza disseminati lungo le vie migratorie che vanno dal Medio Oriente e dall’Asia Centrale all’Unione Europea e mette a fuoco gli ambienti punitivi dove i migranti sono trattenuti in una sorta di limbo. The Castle – di cui la mostra “Pendulum. Merci e persone in movimento” propone la monumentale opera Skaramaghas – consiste in una serie di heat maps, grandi immagini scattate con una termocamera militare, di cui tuttavia il fotografo ribalta la funzione e il significato: uno strumento concepito per la sorveglianza e il controllo viene usato per dare visibilità a situazioni generalmente non rappresentate. Mettendo a nudo, grazie allo straordinario livello di dettaglio garantito dalla termocamera, la precarietà dell’architettura e dell’organizzazione dei campi, Mosse sottolinea come profughi e migranti siano volutamente esclusi dal partecipare o contribuire alla vita delle società moderne, che di fatto ne precludono l’integrazione.

 

Richard Mosse è nato nel 1980 in Irlanda; vive e lavora a New York. Nel 2017 ha vinto il Prix Pictet per il progetto Heat Maps. Nel 2013 ha rappresentato l’Irlanda alla 55a Biennale di Venezia con The Enclave. Ha partecipato a personali e collettive in importanti istituzioni internazionali tra cui Louisiana Museum of Modern Art, Humlebæk; FOAM, Amsterdam; National Gallery of Victoria, Melbourne; Reykjavík Art Museum; Irish Museum of Modern Art; and Akademie der Künste, Berlino.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi, CLICCARE QUI

(è possibile registrarsi dal 14/11, ore 18)

 

Richard Mosse, ‘Moria in Snow I, Lesbos, Greece, January 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Moria in Snow I, Lesbos, Greece, January 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Moria in Snow I, Lesbos, Greece, January 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Moria in Snow I, Lesbos, Greece, January 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Field hockey stadium, Hellinikon Olympic Complex, Athens, Greece, October 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Field hockey stadium, Hellinikon Olympic Complex, Athens, Greece, October 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Field hockey stadium, Hellinikon Olympic Complex, Athens, Greece, October 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK.

Richard Mosse, ‘Field hockey stadium, Hellinikon Olympic Complex, Athens, Greece, October 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK.

Richard Mosse, ‘Yayladağı refugee camp, Hatay Province, Turkey, October 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Yayladağı refugee camp, Hatay Province, Turkey, October 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Yayladağı refugee camp, Hatay Province, Turkey, October 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Yayladağı refugee camp, Hatay Province, Turkey, October 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Piraeus port terminal, Athens, Greece, August 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Piraeus port terminal, Athens, Greece, August 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Tempelhof Airport, Berlin, Germany, August 2018’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Tempelhof Airport, Berlin, Germany, August 2018’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Aarsal, eastern Bekaa Valley, Lebanon, June 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Aarsal, eastern Bekaa Valley, Lebanon, June 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Interior of Tempelhof emergency refugee shelter, Berlin, Germany, September 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Interior of Tempelhof emergency refugee shelter, Berlin, Germany, September 2016’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, Adaševci transit camp, Serbia, July 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, Adaševci transit camp, Serbia, July 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Bekaa Valley, Lebanon, June 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK

Richard Mosse, ‘Bekaa Valley, Lebanon, June 2017’, in The Castle (MACK, 2018). Courtesy of the artist and MACK


Rassegna Pendulum

Rassegna Pendulum
Rassegna Pendulum

In occasione dell’esposizione Pendulum. Merci e persone in movimento, la Fondazione MAST presenta una rassegna di film sui temi della mobilità globale, dei trasporti, delle migrazioni.

La rassegna è organizzata in collaborazione con la Cineteca di Bologna


SABATO 17 NOVEMBRE
ORE 18
MAST.AUDITORIUM

COSE DI QUESTO MONDO
di Michael Winterbottom, 2000, Gran Bretagna, 90’

Jamal è un orfano sedicenne che lavora in una fabbrica di mattoni. Suo cugino Enayat aiuta i genitori al mercato. Vivono entrambi vicino a Peshawar, ai bordi di uno dei tanti campi profughi che accolgono circa un milione di rifugiati. Il padre di Enayat, il più grande dei due, decide di mandarlo a Londra e Jamal si offre di accompagnarlo. È l'inizio di un'odissea che vede i due inizialmente ricacciati in Pakistan e poi nuovamente impegnati in un viaggio in cui le avversità si susseguono. Attraverso Iran, Turchia e Italia, i due viaggiano a ritroso lungo quella che un tempo veniva definita “la via della seta” nascosti nella ribalta di un tir o all'interno di un container, fra minacce e condizioni di vita impossibili, decisi a raggiungere la destinazione finale del loro viaggio.
v.o. dialetto pashto con sottotitoli italiani

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi,
CLICCARE QUI

(è possibile registrarsi dal 14/11, ore 18)


SABATO 17 NOVEMBRE
ORE 20.30
MAST.AUDITORIUM

BEAUTIFUL COUNTRY
di Hans Petter Moland, 2004, Norvegia-USA, 126’

Beatiful Country è un road movie che narra il lungo e sofferto viaggio di Binh, un ragazzo vietnamita, alla ricerca del padre americano da Saigon fino in Malesia, risalendo poi a New York e approdando infine in Texas. Bui doi, "meno della polvere", è un insulto mirato ai bambini vietnamiti con padri americani. Il film ambientato nel 1990, parla di uno di questi bambini. Costretto a sopportare la vita in un campo profughi, Binh sopravvive a un'attraversata oceanica brutale e alla schiavitù in balìa di un’organizzazione che commercia esseri umani. Nonostante tutto, il ragazzo non si perde d'animo e lotta fino all’ultimo per raggiungere il proprio obiettivo.
v.o. con sottotitoli italiani

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Per registrarsi, CLICCARE QUI
(è possibile registrarsi dal 14/11, ore 18)



DOMENICA 18 NOVEMBRE
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

DUEL
di Steven Spielberg, 1971, USA, 89’

David Mann, tranquillo commesso viaggiatore, sta guidando la propria auto come ogni giorno, quando viene invitato al sorpasso da un’autocisterna che lo precede. Subito dopo, il camion lo supera a sua volta: è l'inizio di un’allucinante sfida stradale. David realizza ben presto che il misterioso autista, il cui volto non si riesce mai a scorgere, ha intenzioni ostili. Dopo un interminabile duello, il protagonista riesce ad attirare l'avversario in un tranello e a liberarsene definitivamente. Capolavoro di suspense, il film procede con un ritmo martellante enfatizzato per contrasto dalla desolazione delle enormi autostrade, dal senso di oscura minaccia e dall'angoscia di una presenza ostile, quasi demoniaca.
v.o. inglese con sottotitoli italiani

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Per registrarsi, CLICCARE QUI
(è possibile registrarsi dal 14/11, ore 18)



SABATO 1 DICEMBRE
MAST.AUDITORIUM

ORE 19
NUOVOMONDO
di Emanuele Crialese, 2006, Italia, 114’

In un angolo desolato della campagna siciliana vive una famiglia di contadini che lavorano la terra da generazioni, legati indissolubilmente alla natura e agli spiriti arcani dei morti che da sempre accompagnano la vita in quelle zone. L’immutabilità del quotidiano è interrotta dalle notizie che giungono dal Nuovo Mondo e lo descrivono come una terra di strabiliante abbondanza. Salvatore decide di vendere tutto – la casa, la terra, gli animali – per portare i figli e la vecchia madre dove ci sarà più lavoro e più pane. Ma per diventare cittadini del Nuovo Mondo è necessario  morire e rinascere. I quattro devono abbandonare le abitudini arcaiche e le superstizioni e sforzarsi di temprare il corpo e la mente, imparare a ubbidire e giurare fedeltà a una nuova autorità, consegnarsi alla modernità. Per farlo hanno a disposizione il tempo sospeso del viaggio sull’Oceano, quattro lunghe settimane che li separano dal giudizio finale a Ellis Island, luogo meraviglioso e terribile in cui le famiglie vengono costrette a decidere, spesso a separarsi per sempre. Non tutti sono destinati a varcare le porte del Paradiso.
v.o. dialettale e inglese con sottotitoli italiani

ORE 21
ELLIS
di JR, 2015, USA, 14’

Ellis, interpretato da Roberto De Niro e scritto da Erich Roth, è un’opera che scuote la memoria collettiva riportandoci ai primi anni di Ellis Island, la porta d’ingresso del Nuovo Mondo. Il documentario è ambientato nel complesso sanitario abbandonato dell’isola davanti a New York e, attraverso la toccante installazione artistica Unframed del fotografo francese JR, rievoca la storia degli immigrati che hanno letteralmente fatto l’America. Gli uomini, le donne e i bambini che nei primi decenni del Novecento fuggirono da povertà, discriminazione e dittature in cerca di una nuova vita prefigurano il destino di chi oggi, in un mondo globalizzato, cerca le stesse opportunità di sicurezza e dignità in America e in Europa.
v.o. con sottotitoli in italiano

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 24/11, ore 12)


DOMENICA 2 DICEMBRE
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

WELCOME
di Philippe Lioret, 2009, Francia, 110’

Simon è istruttore di nuoto in una piscina comunale a Calais, sulla costa nord della Francia. È in crisi con la moglie e svolge il suo lavoro come una banale routine, fino a quando incontra Bilal, un giovane curdo che ha attraversato l’Europa da clandestino per raggiungere in Inghilterra la ragazza che ama. Dopo un tentativo fallito di varcare la frontiera, l’unica possibilità per Bilal di realizzare il suo sogno è attraversare la Manica a nuoto e Simon è il solo che può allenarlo: il coraggio del ragazzo, deciso a tutto pur di salvare il suo amore, convincerà Simon a mettersi in gioco in prima persona, sfidando la legge per aiutarlo in un’impresa all’apparenza impossibile.
v.o. francese con sottotitoli italiani

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 24/11, ore 12)

 

SABATO 8 DICEMBRE
ORE 19
MAST.AUDITORIUM

FREIGHTENED. THE REAL PRICE OF SHIPPING
di Denis Delestrac, 2016, USA, 84’

Il 90% dei beni consumati in Occidente vengono prodotti in luoghi remoti e trasportati fino a noi in nave. L’industria delle spedizioni via mare è una componente decisiva dell’economia mondiale e rappresenta la base del nostro modello di civiltà moderna; senza di essa, sarebbe impossibile soddisfare la richiesta sempre crescente delle nostre società. Eppure il funzionamento e le regole di questa industria restano sconosciute ai più, mentre i suoi costi nascosti influiscono sulla vita di tutti noi. Date le dimensioni, le navi da carico non possono più attraccare nei porti cittadini; si sono spostate lontano dagli occhi dell’opinione pubblica, dietro barriere e cancelli. Ma chi tira i fili di questa industria miliardaria? Fino a che punto questa industria condiziona le politiche nazionali? Qual è il suo impatto sull’ambiente? Accompagnandoci in un viaggio attraverso gli oceani, il film propone una coraggiosa indagine sulle spedizioni internazionali via mare e getta luce sulle conseguenze di un’industria pressoché invisibile.
v.o. inglese con sottotitoli in italiano

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 24/11, ore 12)

 

SABATO 8 DICEMBRE
ORE 21
MAST.AUDITORIUM

TIR
di Alberto Fasulo, 2013, Italia-Croazia-Bulgaria, 89’

Branko, di nazionalità croata, fa il camionista per una ditta di trasporti italiana. Prima era un insegnante, ma il suo nuovo lavoro riesce ad assicurargli uno stipendio tre volte superiore. L’uomo guida per le strade di mezza Europa da solo oppure insieme al copilota Maki, un trentenne con un bambino piccolo che lo aspetta a casa, sempre più indeciso se continuare o meno a fare quella vita. Le telefonate con la moglie o con il figlio sono l'unico contatto che Branko ha con la famiglia. Frutto di cinque anni di ricerche sul campo, Tir mostra la vita "on the road" del suo protagonista, l'attore professionista Branko Zavrsan, che ha davvero conseguito la patente di guida prevista dal codice della strada. Tra strade, autostrade, svincoli, magazzini dove caricare la merce, si delinea un tracciato fatto di non luoghi, tutti uguali ma separati da una distanza geografica che nasconde il peso della fatica, in cui Branko pare voler sfidare la propria resistenza.
v.o. slovena e italiana con sottotitoli italiani

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 24/11, ore 12)

 

DOMENICA 9 DICEMBRE
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

SONS OF THE CLOUDS
di Alvaro Longoria, 2012, Spagna, 110’

Il film esamina l'attuale crisi politica nordafricana, sottolineando la responsabilità delle potenze occidentali, in particolare Stati Uniti e Francia, che applicano politiche estere basate su strategie economiche aggressive, a discapito dei basilari principi etici. Queste politiche hanno generato tremende instabilità che sono sfociate nel caos e in ripetuti episodi di violenza, come gli attacchi della polizia marocchina al popolo Saharawi, accampatosi nel deserto nel novembre 2010, in segno di protesta pacifica a favore dei diritti umani. Focus della narrazione è infatti il Sahara Occidentale, per le Nazioni Unite l'unico territorio africano ancora soggetto al colonialismo e a un peggioramento delle condizioni e dei diritti negli ultimi anni.
v.o. con sottotitoli in italiano

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 24/11, ore 12)

 

SABATO 12 GENNAIO
ORE 19
MAST.AUDITORIUM

UNSTOPPABLE – FUORI CONTROLLO
di Tony Scott, 2010, USA, 99’

All'alba di un giorno di ottobre, in una grande stazione ferroviaria della Pennsylvania, un operaio imprudente, dovendo spostare su un altro binario un lunghissimo treno in sosta, innesta i comandi automatici. Il treno si mette in movimento e prende immediatamente velocità, senza nessuno a bordo. Poiché trasporta principalmente un carico di rifiuti e prodotti chimici tossici, le conseguenze di un deragliamento potrebbero essere devastanti. Un'eventuale fuoriuscita delle tossine, infatti, sarebbe in grado di decimare un'intera città. 300 chilometri più in là, il veterano addetto ai freni Frank Barnes e il giovane macchinista alle prime armi Will Gordon hanno appena preso servizio. Ancora non sanno che li aspetta una giornata caotica e frenetica, destinata a trasformarli in eroi.
v.o. inglese con sottotitoli in italiano

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 2/1/2019, ore 12)

 

SABATO 12 GENNAIO
ORE 21.30

MAST.AUDITORIUM

ATTRAVERSO LE ALPI
di Giancarlo Bertalero e Filippo Ciardi, 2016, Italia, 81’

Di chi sono le Alpi? Chi ne regola la “vita”, le persone che le abitano o le merci e i passeggeri che le attraversano? Quanti e quali sono i prodotti trasportati ogni giorno su camion e treni attraverso tunnel e valichi alpini, e come incide questo trasporto sulla vita quotidiana dei cittadini di gran parte dell’Europa e sull’ambiente naturale? Attraverso le storie emblematiche di operatori ferroviari, camionisti, automobilisti, turisti ambientali e altri viaggiatori, il film vuole evidenziare l’importanza di queste domande e cercare delle risposte in un viaggio tra le montagne di Italia, Francia, Austria, Svizzera, Germania e Slovenia, alla scoperta della complessità del traffico di merci e persone, insieme ad alcuni dei protagonisti di questi flussi che scorrono come fiumi impetuosi, a costante rischio di esondazione.
v.o. italiana

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 2/1/2019, ore 12)

 

DOMENICA 13 GENNAIO
ORE 19

MAST.AUDITORIUM

CAPTAIN PHILLIPS – ATTACCO IN MARE APERTO
di Paul Greengrass, 2013, USA, 134’

Thriller ad alta tensione e al tempo stesso accurato ritratto della miriade di effetti collaterali della globalizzazione, il film racconta il dirottamento della nave porta container U.S.A. Maersk Alabama da parte di una banda di pirati somali avvenuto nel 2009. Ispirato a una storia vera, la vicenda ruota in particolare intorno alla figura del comandante dell’Alabama, il capitano Richard Phillips, e la sua controparte somala, Muse, che lo prende in ostaggio. Il faccia a faccia tra i due ha inizio quando Muse e il suo equipaggio puntano sulla nave disarmata di Phillips, ma nel corso degli eventi i due uomini si troveranno alla mercé di forze che sfuggono totalmente al loro controllo. Il film è molto più che il racconto del sequestro di una nave mercantile da parte dei pirati e dell’odissea mozzafiato di un eroe per caso: il fatto di cronaca raccontato dai media di tutto il mondo diventa qui una riflessione su una geopolitica esplosa e impazzita, dove la cesura dell’11 settembre continua a generare crepe, ferite e divisioni, dove la presenza globale degli Stati Uniti si scontra con realtà locali diametralmente opposte.
v.o. inglese con sottotitoli in italiano

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 2/1/2019, ore 12)

 

DOMENICA 13 GENNAIO
ORE 21.45
MAST.AUDITORIUM

MIRACOLO A LE HAVRE
di Aki Kaurismäki, 2011, Finlandia-Francia-Germania, 93’

Marcel Marx, un ex scrittore rinomato e bohemien, si ritira in esilio volontario nella città portuale di Le Havre, dove la sua professione, onorevole ma non redditizia, di lustrascarpe, gli dona la sensazione di essere più vicino alla gente. Mantiene viva la propria ambizione letteraria e conduce una vita semplice e serena nel triangolo formato dal pub dell'angolo, il lavoro e la moglie Arletty, quando il destino catapulta improvvisamente nella sua vita un ragazzino immigrato proveniente dall'Africa nera. Il cuore del film è tutto nel rapporto tra lo stralunato lustrascarpe e il giovane migrante. L'uomo, che nel frattempo avrà scoperto la moglie malata, si prenderà cura del ragazzo e tenterà di farlo arrivare in Inghilterra, facendo rete con gli abitanti del quartiere e cercando di eludere le attenzioni di un poliziotto disincantato.
v.o. francese con sottotitoli in italiano

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
(è possibile registrarsi dal 2/1/2019, ore 12)


WORKSHOP, TALK, PROIEZIONI / ARCHIVIO APERTO

{name=Prima_immagine, data=ARCHIVIOAPERTO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538261/Prelinger_Banner-01.jpg/4e97acf3-39ba-4b48-8376-07689a1e3f3b?t=1540923070696, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538261/Prelinger_Banner-01.jpg/4e97acf3-39ba-4b48-8376-07689a1e3f3b?t=1540923070696, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/archivio-aperto, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE EDITORIALE / MANCUSO

{name=Prima_immagine, data=MANCUSO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-06.jpg/caaacb55-0d55-493b-9f38-0356b8d9009a?t=1540403175875, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-06.jpg/caaacb55-0d55-493b-9f38-0356b8d9009a?t=1540403175875, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/mancuso, type=text, options=[]}}

Future Film Kids 19

Future Film Kids 19
Future Film Kids 19

SABATO 19 GENNAIO 2019
ORE 16:00 
MAST.AUDITORIUM

NAUSICAA DELLA VALLE DEL VENTO
di Hayao Miyazaki (Giappone, 1984, 118’) 

È trascorso un millennio da quando una serie di guerre, culminata nelle esplosioni termonucleari dei Sette Giorni del Fuoco, ha alterato l'ecosistema mondiale. Il Mare della Rovina si è espanso drammaticamente, occupando i regni degli uomini e invadendo la Terra con i suoi insetti giganti e le sue spore velenose. Solo pochi territori sono rimasti indenni, ma i loro abitanti continuano incessantemente a combattere tra loro. In un regno neutrale e pacifico, la Valle del Vento, vive la principessa Nausicaa, dotata di un potere extrasensoriale che le permette di comunicare con gli animali e con i temibili insetti Ohm. Nausicaa è convinta che la soluzione non sia attaccare gli insetti, bensì comprendere il segreto alla base del Mare della Rovina.
 Nausicaa della Valle del Vento è uno dei film meno noti di Miyazaki, tratto dal manga disegnato dallo stesso autore. È una storia di fantascienza con un profondo messaggio ambientalista, tipico di tutti i film del regista giapponese.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi CLICCARE QUI

 

SABATO 16 FEBBRAIO 2019
ORE 16:00 
MAST.AUDITORIUM

LA CANZONE DEL MARE
di Tomm Moore (Irlanda, 2015, 94’)

Saoirse, una bambina di 6 anni che vive all’interno di un faro con il padre e il fratellino, prova una misteriosa attrazione per il mare, da quando sua madre è scomparsa anni prima. Quando trova per caso una conchiglia magica e un mantello appartenuto alla madre, capisce di avere un legame con il mare che potrebbe rivelarle qualcosa sulla vera natura della sua famiglia, e parte per un fantastico viaggio negli abissi, dove nessuno è mai stato prima.
Ispirato alle leggende irlandesi, il film, candidato all’Oscar e diretto dalla più grande promessa del cinema d’animazione contemporaneo, il pluripremiato regista di “Secret of Kells”, è un emozionante racconto di formazione popolato da streghe, foche magiche e altre indimenticabili creature fantastiche.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi CLICCARE QUI




 

SABATO 2 MARZO 2019
ORE 16:00 
MAST.AUDITORIUM

IL LIBRO DELLA VITA
di Jorge R. Gutierrez (Messico, 2014, 95’)

Un gruppetto di ragazzini si annoia alla sola idea di mettere piede in un museo. Li prende in carico, però, una guida speciale, che ha in serbo qualcosa per loro. Con voce suadente, la donna li conduce dentro la storia dei festeggiamenti messicani legati al giorno dei morti, in un viaggio attraverso tre regni sovrapposti. Protagonista della storia nella storia è Manolo Sanchez, ultimo erede di una famiglia di toreri che desidera però fare il musicista ed è innamorato dall'infanzia della bella Maria, figlia del generale Posada di San Angel. Anche il prode Joaquin è innamorato di Maria, e la loro amichevole rivalità diventa oggetto niente meno che di una scommessa tra la Morte e il suo oscuro consorte, Xibalba. Ispirato alla tradizione messicana del dià de muertos, il giorno dei morti, il film, prodotto dal premio Oscar Guillermo Del Toro, è una magnifica fiaba dark e coloratissima al tempo stesso.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi CLICCARE QUI


 

SABATO 16 MARZO 2019
ORE 16:00 
MAST.AUDITORIUM

SASHA E IL POLO NORD
di Rémi Chayé (Francia, Danimarca, 2017, 81’)

Sasha, una giovanissima aristocratica russa alla fine del XIX secolo, sogna il Grande Nord e si avrebbe voglia di vedere suo nonno Oloukine, un rinomato scienziato ed esploratore dell’Artico che non ha mai fatto ritorno dall’ultima esplorazione alla conquista del Polo Nord. Lui ha trasmesso la sua vocazione a Sasha che non ha alcuna intenzione di compiacere i genitori sposando l’uomo che hanno scelto per lei. Sasha si ribella a questo destino e decide di raggiungere Oloukine verso il Grande Nord. Sasha e il Polo Nord è un film di formazione dove è il ricco a trasformarsi in povero per coronare un sogno, e dove la rivendicazione di genere prende una via poetica. L’animazione bidimensionale dona a tutta la narrazione un sapore rètro e immagini vive e guizzanti.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi CLICCARE QUI


 

SABATO 13 APRILE 2019
ORE 16:00 
MAST.AUDITORIUM

LEAFIE - LA STORIA DI UN AMORE
di Oh Seong-yun (Corea del Nord, 2012, 97’)

In un allevamento di polli tra centinaia di galline si trova Leafie, una creatura straordinaria che sogna una vita fuori dalla gabbia. Leafie riesce a sfuggire dalla prigionia usando la sua intelligenza e, mentre si avventura nel bosco alla ricerca di se stessa, viene braccata da una feroce donnola chiamata One Eye. Leafie si salva grazie all’aiuto dell’anatra coraggiosa, Wanderer. Mentre Leafie inizia ad adattarsi alla vita selvaggia del bosco, scopre che la compagna di Wanderer è una bellissima anatra dalle piume bianche. Un giorno questa viene uccisa da One Eye. Leafie, entrando nel nido abbandonato, trova un uovo ancora caldo e si adagia teneramente su di esso, covandolo. Ne nasce un anatroccolo, che Leafie decide di proteggere con tutte le sue forze.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi CLICCARE QUI


PRESENTAZIONI EDITORIALI / DIONIGI

{name=Prima_immagine, data=DIONIGI, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-03.jpg/4da62340-9ceb-4447-b002-478b30551ba7?t=1540403175176, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-03.jpg/4da62340-9ceb-4447-b002-478b30551ba7?t=1540403175176, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/dionigi, type=text, options=[]}}

TALK / HOWARD GARDNER

{name=Prima_immagine, data=GARDNER, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-01.jpg/e7686156-ee99-43d2-917b-3f11f4ec5a4c?t=1540403174757, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-01.jpg/e7686156-ee99-43d2-917b-3f11f4ec5a4c?t=1540403174757, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/howard-gardner, type=text, options=[]}}

CONVEGNO / MUSICA PRESTO

{name=Prima_immagine, data=MusicaPresto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/529367/Musica+Presto_Banner-01.jpg/1d420798-58df-4025-98c6-1513bedf9e02?t=1539179383956, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/529367/Musica+Presto_Banner-01.jpg/1d420798-58df-4025-98c6-1513bedf9e02?t=1539179383956, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/musica-presto, type=text, options=[]}}

TALK / MARTIN PARR

{name=Prima_immagine, data=MartinParr, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/528375/PARR_Banner-03.jpg/372fa9c7-1a41-48ae-b387-96f0a8f1b1b8?t=1538757365358, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/528375/PARR_Banner-03.jpg/372fa9c7-1a41-48ae-b387-96f0a8f1b1b8?t=1538757365358, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/martin-parr, type=text, options=[]}}

G.D. Memoria e Futuro

GD95

GD95
GD95

In occasione del novantacinquesimo anniversario di G.D, una delle aziende storiche del Gruppo Coesia, la Fondazione MAST ospita una mostra che ne racconta la lunga e affascinante vicenda industriale attraverso una ricca documentazione fotografica e audiovisiva proveniente dai propri archivi aziendali e da un lungo lavoro di ricerca, inventariazione, digitalizzazione e conservazione.

Il percorso espositivo, a cui hanno collaborato Kiné e Home Movies oltre a Urs Sthael, curatore della FotoGallery di MAST, si articola attraverso suggestive lastre fotografiche di vetro e stampe originali, filmati d’epoca, motorini degli anni trenta, un wall painting di 120 metri quadrati, una sfavillante videoinstallazione immersiva a 360° - un ciclorama - che, partendo dal singolo ingranaggio, conduce il visitatore in un viaggio dentro le macchine G.D e lo avvicina alla straordinaria capacità e competenza di chi le progetta e le produce.

Il tutto rappresenta una traccia tangibile dei vari passaggi tecnologici, produttivi, strategici nella vita di una azienda nata nel 1923 e radicata nel territorio dell’Emilia-Romagna, che è stata una delle prime a dare inizio alla Packaging Valley ed è divenuta nei decenni una protagonista del mercato mondiale. 

Un’esposizione multiforme composta di immagini, visioni e documenti per recuperare la memoria e portare alla luce dimensioni del lavoro che sfuggono normalmente alla rappresentazione ma da cui potranno nascere riflessioni, quesiti, confini, dimensioni per provare a sognare o a raffigurare il futuro.

Foto: Archivio G.D


MANCUSO

MANCUSO
MANCUSO

VENERDÌ 9 NOVEMBRE
ORE 18.00
MAST.AUDITORIUM

PRESENTAZIONE EDITORIALE
VITO MANCUSO
LA VIA DELLA BELLEZZA

Perché ci viene spontaneo raccogliere sulla spiaggia del mare le conchiglie e i sassolini più belli? Perché rimaniamo incantati davanti a un volto umano o a un dipinto, o avvertiamo un'inesprimibile dolcezza interiore ascoltando musica, o ci soffermiamo con gli occhi spalancati a contemplare un tramonto? Perché, in altre parole, ricerchiamo quella rivelazione, quell'epifania che definiamo bellezza? Vito Mancuso affronta in questo nuovo affascinante libro un mistero che è tipico dell'uomo, e ne interpreta le profondità per farne la bussola capace di orientare il cammino verso la verità. Superando l’aspetto esteriore dei nostri corpi per approfondire il senso dell’interiorità della nostra anima fatta di armonia e fascino, eleganza e grazia, questa riflessione diventa un’avventura alla ricerca delle sorgenti della bellezza in grado di indicarci quali pratiche concrete possiamo mettere in atto per rendere quotidiano il nostro rapporto con essa: solo in questo modo infatti potremo superare ogni indifferenza e tornare, o addirittura iniziare, a gioire al cospetto di quelle opere e di quegli eventi capaci di stringerci il cuore. Perché ricercare e custodire la bellezza è la via privilegiata per onorare il compito che attende la nostra vita.

In collaborazione con Librerie Coop e Garzanti


DIONIGI

Dionigi
Dionigi

MERCOLEDÌ 7 NOVEMBRE 2018
ORE 18.00
MAST.AUDITORIUM

 

PRESENTAZIONE EDITORIALE
IVANO DIONIGI
QUANDO LA VITA TI VIENE A TROVARE. LUCREZIO, SENECA E NOI

L’autore ne parla con Massimo Recalcati

Per una meravigliosa e tremenda ambiguità linguistica, la morte e la vita sono iscritte nella stessa parola, biosbíosè vita, biósè arco. Noi siamo così un cerchio incompiuto, imperfetto, un arco, in cui inizio e fine non coincidono. Solitari restare a riva a osservare le tempeste della vita o salire a bordo senza troppo curarci dei compagni di viaggio? Seguire le leggi del cosmo o le leggi dell'io? Scegliere la politica o l'antipolitica? Il negotiumo l’otium? Credere o capire di fronte a Dio e alla morte? Seguire la lezione dei padri o la rivoluzione dei figli? Basta volgere lo sguardo al mondo classico di Atene e Roma per trovare i nostri più naturali interlocutori, coloro che ci hanno preceduti nelle nostre stesse domande.

In collaborazione con Librerie Coop ed Editori Laterza


GARDNER

GARDNER
GARDNER

Sabato 3 novembre 2018
Ore 17.30
MAST.AUDITORIUM

TALK
HOWARD GARDNER
THE APP GENERATION

Le app, o applicazioni software, fanno ormai parte della vita di tutti noi. I più giovani in particolare sono profondamente dipendenti dai media digitali. Nella sua lecture al MAST Howard Gardner, autore insieme a Katie Davis di un avvincente libro dal titolo The App Generation, esplora il significato della dipendenza da questi devices e le differenze tra la vita dei ragazzi di oggi e quella di chi è cresciuto prima dell’era digitale. Tre sono le fondamentali aree dell’esistenza degli adolescenti prese in considerazione: l’identità, l’intimità e l’immaginazione. Attraverso forme di ricerca diverse, tra cui interviste con ragazzi, focus group di figure professionali che lavorano con loro e un’analisi comparativa unica nel suo genere tra le produzioni artistiche giovanili di prima e dopo la rivoluzione digitale, Gardner mette in luce gli inconvenienti delle app, strumenti capaci di ipotecare il senso di identità, incoraggiare relazioni superficiali con il prossimo e ostacolare l’immaginazione, ma anche in grado di produrre gli effetti opposti, fungendo dunque sia da freno sia da stimolo. La sfida consiste nel saper andare oltre le modalità prestabilite di utilizzo: solo così il loro potere può diventare un trampolino per una maggiore inventiva e più alti obiettivi.

Howard Gardner è Hobbs Professor of Cognition and Education alla Harvard Gratuate School of Education e direttore del gruppo di ricerca Harvard Project Zero. Ha ricevuto numerosi premi – dal premio MacArthur nel 1981 al Premio Principessa delle Asturie per le Scienze Sociali nel 2011. Dal 2012 è membro del Comitato Scientifico della Fondazione Reggio Children.  
 

In collaborazione con Fondazione Reggio Children


Archivio Aperto

Archivio Aperto
Archivio Aperto

SABATO 10 NOVEMBRE 2018

In occasione della mostra G.D Memoria e futuro. Una storia per immagini, che celebra il novantacinquesimo anniversario di G.D, la Fondazione MAST, Home Movies e Kiné propongono un doppio appuntamento dedicato agli archivi fotografici e filmici industriali e amatoriali e al patrimonio audiovisivo in generale, nell’ambito del programma di Archivio Aperto, XI edizione.


ORE 10.30-17
MAST.ACADEMY

WORKSHOP
MACCHINE, PAESAGGI, VITE
a cura di Home Movies, in collaborazione con Kiné

Il workshop è rivolto a tutti coloro che per motivi professionali e di studio intendano avvicinarsi a immagini della memoria del ‘900 poco accessibili e inconsuete. Sarà infatti illustrato lo stato dell’arte degli archivi fotografici e filmici G.D, utilizzati per la mostra G.D memoria e futuro. Una storia per immagini. Contestualmente si aprirà una finestra sui temi del lavoro, il paesaggio e la vita quotidiana negli archivi audiovisivi inediti, amatoriali e sperimentali di Home Movies. Sarà poi indagato il rapporto tra le avanguardie e il cinema industriale, e, infine, si rifletterà sul valore storico, documentario e artistico degli archivi presentati e sul loro riuso contemporaneo. Interverranno archivisti, curatori, ricercatori e professionisti.

PROGRAMMA WORKSHOP
10.30-12.00
Ritmi meccanici. L’Archivio Foto/Film G.D
Introduce e coordina: Claudio Giapponesi
Intervengono: Cinzia Frisoni, Marta Magrinelli, Claudio Domini, Mirco Santi

12.00-13.30
Il lavoro, il paesaggio e la vita quotidiana negli archivi audiovisivi inediti e privati
Introduce e coordina: Paolo Simoni 
Intervengono: Daniele Vincenzi, Elena Pirazzoli, Jennifer Malvezzi

13.30-15.00 pranzo

15.00-15.30
Dagli archivi a G.D memoria e futuro. Una storia per immagini
Visita guidata alla mostra con Claudio Giapponesi e Giuseppe De Mattia

15.30-16.15
Ricerca, recupero e valorizzazione degli archivi fotografici privati, industriali e amatoriali
Laura Gasparini

16.15-17.00
Dal cinema industriale all'avanguardia (e viceversa)
Rossella Catanese, Federico Pierotti



ORE 17.30
MAST.AUDITORIUM

INCONTRO / PROIEZIONE
RICK PRELINGER 
LOST AND FOUND AMERICA

Un viaggio nell’America del XX secolo attraverso le immagini dei leggendari Prelinger Archives commentate dal fondatore Rick Prelinger, per la prima volta in Italia. Cercando nelle immagini del passato le tracce di un futuro possibile, Prelinger ci mostrerà un grande paese a casa, al lavoro, nelle strade, in viaggio e in movimento, con sequenze tratte da film industriali, governativi, militari e amatoriali. Sarà un punto di vista insolito sulla vita, il paesaggio, le lotte sociali a restituire l’immaginario di un’America inedita, perduta e ritrovata negli archivi. Il programma portato a Bologna è ispirato alla serie Lost Landscapes, che riempie da oltre un decennio i teatri e le sale di città come San Francisco, Detroit, Oakland, Los Angeles e New York. Ricercatore, archivista e filmmaker, professore di cinema e media digitali alla University of California, Santa Cruz, Rick Prelinger ha contribuito in modo considerevole al recupero dell’audiovisivo. La sua raccolta di oltre 60.000 film è stata acquisita come patrimonio nazionale dalla Library of Congress. 

Introduce Paolo Simoni (Home Movies)


A seguire, le proiezioni di:

Lost Landscapes of Bologna (28')
Un viaggio sentimentale nella città filmata dalle cineprese private, sospesa tra il sogno, la realtà e la memoria del Novecento. 
Un omaggio di Home Movies a Rick Prelinger

Sinfonie Meccaniche (12')
Selezione e montaggio dei film dell’Archivio G.D
La perfezione del movimento velocissimo delle macchine, nei ralenti estremi delle sequenze d’archivio, si trasforma in piacere estetico e pura poesia visiva.

A cura di Home Movies e Kiné

Live sound di Alina Kalancea

Introducono Paolo Simoni (Home Movies) e Claudio Giapponesi (Kiné)

 


Per informazioni sul programma completo della rassegna: http://homemovies.it/archivioaperto/


TALK / JEFF WALL

{name=Prima_immagine, data=Jeff Wall, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/528370/Wall_Banner-01.jpg/4ed61959-7408-4bb2-8abe-e3a2834b6a28?t=1538757341444, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/528370/Wall_Banner-01.jpg/4ed61959-7408-4bb2-8abe-e3a2834b6a28?t=1538757341444, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/jeff-wall, type=text, options=[]}}

TALK / REMO BODEI

{name=Prima_immagine, data=Remo Bodei, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/526460/BODEI_Banner-01.jpg/77ef20da-b569-4a4f-b72f-f1a486d5912f?t=1538503431812, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/526460/BODEI_Banner-01.jpg/77ef20da-b569-4a4f-b72f-f1a486d5912f?t=1538503431812, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/bodei, type=text, options=[]}}

MOSTRA / USA'68. DISORDINI E SOGNI

{name=Prima_immagine, data=USA68, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514348/USA68_Banner-01.jpg/c41a4dab-d144-4688-a1f6-e34202b8282c?t=1539102252871, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514348/USA68_Banner-01.jpg/c41a4dab-d144-4688-a1f6-e34202b8282c?t=1539102252871, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/usa68, type=text, options=[]}}

Musica Presto

MP
MP

Il Tavolo Permanente Musica 0-6 (TPM 0-6) e Nidi Di Note in collaborazione con Arci Bologna, Fondazione MAST e con il patrocinio del Comune di Bologna promuovono due giornate dedicate alla musica nella prima infanzia, di cui la prima si svolgerà al MAST.AUDITORIUM.
Con questa iniziativa da un lato s’intendono approfondire alcune questioni attinenti agli aspetti psicopedagogici di un’educazione musicale che rispetti i tempi di crescita e sviluppo di bambini e bambine, dall’altro si offre l’occasione per uno scambio e un confronto delle buone pratiche messe in atto dalle associazioni aderenti al TPM 0-6.


SABATO 20 OTTOBRE
MAST.AUDITORIUM

 

9.30-13.00
MUSICA 0-6: UNA RISORSA PER IL FUTURO

Benvenuto, Fondazione MAST
Saluti di Marilena Pillati, Assessore all’Istruzione del Comune di Bologna
Saluti di Matteo Lepore, Assessore alla Cultura del Comune di Bologna
Saluti di Rossella Vigneri, Presidente Arci Bologna
Saluti di Giuliana Pella, Presidente del Forum Nazionale per l’Educazione Musicale

Relazioni:
 Effetti dell’educazione musicale sullo sviluppo del cervello e della mente, Alice Mado Proverbio – Università di Milano Bicocca.
 Prospettive psicologiche dell’educazione musicale, Michel Imberty – Università di Parigi.
 Prospettive pedagogiche dell’educazione musicale, Gianni Nuti – Università della Valle d’Aosta.
 La formazione degli operatori musicali per l’infanzia, Mario Piatti – Coordinatore del TPM 0-6.
 Il sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita ai sei anni, Giancarlo Cerini – Ispettore Miur.
– Il progetto musicale del Nido Scuola MAST: “Nel suono del segno”,
 Paola Cavazzoni e Sonia Peana.
 

13.00-14.30 
Light lunch – Durante la pausa si potrà visitare, a piccoli gruppi, il Nido Scuola MAST
 

14.30-19.30 
TAVOLA ROTONDA SULLE DIVERSE ESPERIENZE IN ITALIA 
(A CURA DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI AL TAVOLO PERMANENTE MUSICA 0-6) 

Coordinatore: Mario Piatti

I SESSIONE – Bambini, educatrici, genitori: sintonie e accordi

 Centro inCanto: Lo sviluppo dell’identità musicale nei bambini da 0 a 6 anni, a cura di Johannella Tafuri.
 Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto: La formazione delle educatrici tra ricercazione e quotidianità, a cura di Silvia Cornara e Maurizio Vitali.
 Progetto Città – Il Giardino Sonoro: Musica al nido: la parola agli educatori. Il punto di vista di coordinatori e operatori che accolgono Musica In Culla nelle loro strutture, a cura di Nadia Biato.
 Associazione ZeroCento: Musica quotidiana: linguaggio da apprendere, strumento di relazione, alleato prezioso per l’educazione e la genitorialità, a cura di Alessandra Auditore, Francesca Bottone, Ferruccio Demaestri, Michele Razeti, Karin Selva.
 Musica in Culla: Il duo che conta … e canta! La didattica musicale in coppia, una sfida nel segno della famigliarità, dell’affetto e dell’economia, a cura di Claudio Massola.
 Emoticon: In Relazione. L’improvvisazione musicale nell’infanzia alla luce della teoria delFlow e dell’intersoggettività, a cura di Monica Cognoli.
 Matura Infanzia: Fare musica con le storie – riflessioni e nuovi dispositivi tra musica e narrazione, a cura di Matteo Frasca.
 Musica Nova: Musica con mamma e papà. Connessioni tra le culture musicali in famiglia e le culture musicali vissute a lezione con i piccolissimi, a cura di Francesca Scaglione.
 

II SESSIONE – Istituzioni, famiglie, territorio: un circolo virtuoso

 Nati per la Musica: Gli interventi di Nati per la Musica nel tessuto territoriale, a cura di Silvia Dragoni e Antonella Costantini.
 Scuola popolare di musica Donna Olimpia: Relazioni terzo settore / istituzioni per il settore 0/6. Dall’esperienza romana criticità e proposte da discutere, a cura di Checco Galtieri.
 Nidi di Note: Nidi di Note, un progetto che nasce dal cittadino e si sviluppa nella città,a cura di Sonia Peana.
 CDM onlus: Parole e musiche in movimento: esperienze narrative multidimensionali nella scuola dell’infanzia, a cura di Nicola Pangia.
 AIKEM: Musica a scuola: insegnante ed esperto esterno in sintonia per un intervento di educazione musicale più efficace, a cura di Miriam Pupini e Edit Ács.
 AIGAM: Music Learning Theory, un approccio sistemico nei diversi ambiti territoriali, a cura di Dora Sisti.
 Magica Musica: Storie di musica ed emozioni: modelli operativi per la fascia 0-2 anni e la fascia 3-6 anni, a cura di Luca Battaglia.
 Audiation Institute, Educazion-i musiche-li. Definizioni, concezioni, obiettivi, strumenti diversi nel Tavolo Permanente Musica 0-6: una riflessione su come stare insieme, a cura di Arnolfo Borsacchi.

Conclusioni a cura di Sonia Peana


Per informazioni sul programma completo delle due giornate, visitate il sito: https://tavolomusica06blog.wordpress.com/2018/09/14/musica-presto/


Proiezioni / La stagione del sessantotto

{name=Prima_immagine, data=68, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/520869/Jazz+68_Banner3-02.jpg/45680cc7-fe9d-477a-b37e-3055175c5f8c?t=1538995430618, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/520869/Jazz+68_Banner3-02.jpg/45680cc7-fe9d-477a-b37e-3055175c5f8c?t=1538995430618, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/la-stagione-del-sessantotto, type=text, options=[]}}

Martin Parr

Parr
Parr

MERCOLEDÌ 17 OTTOBRE 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM


MARTIN PARR
PHOTO BIOGRAPHY

Martin Parr è uno dei più noti fotografi documentaristi della sua generazione. Con una massiccia dose di ironia, un notevole spirito critico e un’ampia gamma di colori sgargianti, da quarant’anni esplora il consumismo come l’ultima delle ideologie, segno identitario della società contemporanea. Dall’India al Messico, dagli USA all’Inghilterra, lo stile di vita del cittadino del villaggio globale è colto nella sua quotidianità più chiassosa. Autore di più di 90 libri, Martin Parr ha definitivamente consacrato una propria cifra stilistica. Nel 2004 ha curato Les Rencontres d’Arles; nel 2010 la Brighton Photo Biennial; nel 2016 la mostra “Strange and Familiar” al Barbican Centre di Londra. Membro della Magnum dal 1994, ne è stato il Presidente fino al 2017. Nel 2013 è stato nominato visiting professor per la cattedra di fotografia dell’Università di Ulster. Le sue opere sono esposte nelle collezioni dei più importanti musei, tra cui la Tate Modern di Londra, il Centre Pompidou di Parigi e il MoMA di New York.

In occasione della pubblicazione del libro Beach Therapy e della mostra omonima allo Spazio Damiani di Bologna, Parr racconta al pubblico della Fondazione MAST la propria ricerca artistica.

FOTO
St Ives
, Cornwall, England, 2017
© Martin Parr / Magnum Photos
From the series Beach Therapy


JEFF WALL

WALL
WALL

SABATO 13 OTTOBRE 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

JEFF WALL

Nato a Vancouver nel 1946, con un solido background storico-artistico prima ancora che fotografico, Jeff Wall ha partecipato a molte esposizioni importanti – da Documenta Kassel allaBiennale di Venezia – ed è stato protagonista di mostre personali nei principali musei del mondo, tra cui la Tate Modern di Londra (2005), il MoMA di New York (2007), il Deutsche Guggenheim di Berlino (2007), il San Francisco Museum of Modern Art (2008), il Louisiana Museum of Art di Copenhagen (2015). La sua prima retrospettiva italiana è stata ospitata dal PAC di Milano nel 2013.
Pioniere della fotografia concettuale o post-concettuale, con le sue riflessioni ha aperto la strada ad innumerevoli altri artisti.Wall stravolge una serie di convenzioni della fotografia, riflette sul linguaggio, sullo stereotipo, sulle abitudini visive. Con una serie di opere che spaziano tra temi sempre diversi, dalle relazioni tra persone, alla politica, ai luoghi, alle tensioni sociali, presenta immagini che ricordano, per il formato, la composizione e la cura del dettaglio, l’arte barocca o i quadri dell’Ottocento. Le sue fotografie, realizzate in set quasi cinematografici, sono pianificate alla perfezione: posizione delle figure e degli oggetti, ambienti, costumi, luci e scenografie. Nonostante tanta precisione, tuttavia, le immagini sono volutamente ambigue, ermetiche, quasi lasciassero di proposito spazio all’interpretazione di chi guarda.

Introduce Urs Stahel


Press Pendulum

PENDULUM MERCI E PERSONE IN MOVIMENTO. IMMAGINI DALLA COLLEZIONE DI FONDAZIONE MAST

Immagini:

Documenti pdf scaricabili:


Pendulum

Pendulum
Pendulum

In occasione dei 5 anni di apertura dell’omonimo centro culturale, la Fondazione MAST presenta una nuova selezione di opere dalla propria collezione di fotografie, installazioni video e photo-album sui temi dell’industria e del lavoro. Oltre 250 immagini storiche e contemporanee di 65 grandi autori da tutto il mondo –maestri di fama internazionale come Robert Doisneau, David Goldblatt, Helen Levitt e Mario De Biasi insieme a talenti più giovani tra cui Richard Mosse, Ulrich Gebert e Sonja Braas – mettono a fuoco la genialità e l’energia che negli ultimi due secoli hanno spinto gli uomini a progettare mezzi e infrastrutture per muovere merci, persone e dati.
Riflessione a più voci sul tema della velocità che caratterizza la società attuale, l’esposizione, di cui il pendolo è metafora visiva, illustra le energie opposte che si sprigionano dai due fenomeni che dominano il nostro presente: da una parte la forza prorompente dei motori, l'enorme accelerazione, i mezzi di trasporto trasformati in feticcio del nostro tempo, la connessione continua come imperativo assoluto e dall’altra il rallentamento, la brusca frenata, il blocco dei flussi di persone che migrano, unica barriera al mito della mobilità globale.

 

YTO BARRADA, GABRIELE BASILICO, SONJA BRAAS, LUCA CAMPIGOTTOCLODT VON JÜRGENSBURG, MARIO DE BIASI, ROBERT DOISNEAU, ROGER FENTON, MARIO FINOCCHIARO, FLOTO + WARNER, VINCENT FOURNIER, ROBERT FRANK, SIMON FRIDLAND, ULRICH GEBERT, RICCARDO GILARDI, FRANK GOHLKE, GEERT GOIRIS, DAVID GOLDBLATT, HEIN GORNY, GUIDO GUIDI, JACQUELINE HASSINK, ROBERT HÄUSSER, LEWIS W. HINE, RUDOLF HOLTAPPEL, EMIL OTTO HOPPÉ, BORIS IGNATOVICH, WILLIAM HENRY JACKSON, GASTON JACQUIN, JEAN-PIERRE LAFFONT, MIMMO JODICE, PHILIP JONES, ANNICA KARLSSON RIXON, PETER KEETMAN, TORKEL KORLINGJUSTIN KOZLOWSKI, KARL KRÜGER, GERMAINE KRULL, DOROTHEA LANGEHELEN LEVITT, O. WINSTON LINK, ELI LOTAR, MALESHERBES PHOTO, RÉMY MARKOWITSCH, EDGAR MARTINS, DON MCCULLIN, TINA MODOTTI, RICHARD MOSSE, UGO MULAS, MARTIN MUNKÁCSI, ANTONIO PAOLETTI, ALFRED PERSON, XAVIER RIBAS, LUCIANO RIGOLINI, STEFANO ROBINO, TATA RONKHOLZ, ARKADIJ SAJCHET, ROGER SCHALL, BEN SHAHN, GRAHAM SMITHHENRIK SPOHLER, JOHN THOMSON, ALEXEY TITARENKO, JAKOB TUGGENER, BRETT WESTON

 

Sonja Braas, Container, 2015, dalla serie “Un eccesso di prudenza”, 2014-2017 © Sonja Braas

Sonja Braas, Container, 2015, dalla serie “Un eccesso di prudenza”, 2014-2017 © Sonja Braas

Mimmo Jodice, Milano, Stazione Centrale, 1969 © Mimmo Jodice

Mimmo Jodice, Milano, Stazione Centrale, 1969 © Mimmo Jodice

Luca Campigotto, Marghera, 1997 © Luca Campigotto

Luca Campigotto, Marghera, 1997 © Luca Campigotto

Mario De Biasi, Gamba de legn, Milano, 1951 © Archivio Mario De Biasi. Courtesy of Mondadori Portfolio

Mario De Biasi, Gamba de legn, Milano, 1951 © Archivio Mario De Biasi. Courtesy of Mondadori Portfolio

Mario Finocchiaro, Milano, Darsena, 1958 © Mario Finocchiaro

Mario Finocchiaro, Milano, Darsena, 1958 © Mario Finocchiaro

Floto + Warner, Sala verniciatura dell’Eclipse, Aviation, Albuquerque, NM USA, 2007 © Floto + Warner

Floto + Warner, Sala verniciatura dell’Eclipse, Aviation, Albuquerque, NM USA, 2007 © Floto + Warner

David Goldblatt, I passeggeri di KwaNdebele, 1983-1984 © The David Goldblatt Legacy Trust, Courtesy Goodman Gallery, Johannesburg and Cape Town

David Goldblatt, I passeggeri di KwaNdebele, 1983-1984 © The David Goldblatt Legacy Trust, Courtesy Goodman Gallery, Johannesburg and Cape Town


Bodei

Bodei
Bodei

Paura per ignoranza e per questo cediamo a false credenze; paura della libertà e per questo scegliamo la servitù; paura dell’altro che è di fronte a noi e che ci rifiutiamo di conoscere; paura dell’altro che è in noi in una sorta di io diviso; paura del limite e per questo cerchiamo in ogni modo di spostare in avanti il momento della morte. Oggi più che mai scontiamo non una ma tante paure.

Remo Bodei è professore di Filosofia presso la University of California a Los Angeles, dopo aver insegnato a lungo alla Scuola Normale Superiore e all’Università di Pisa. Tra i massimi esperti delle filosofie dell’idealismo classico tedesco e dell’età romantica, si è occupato anche di pensiero utopico e di forme della temporalità nel mondo moderno. Ha inoltre indagato il costituirsi delle filosofie e delle esperienze della soggettività tra mondo moderno e contemporaneo, pervenendo a una riflessione critica sulle forme dell’identità individuale e collettiva.


Introduce Ivano Dionigi
 

In collaborazione con Fondazione Alsos

 


MOSTRA / W. EUGENE SMITH

{name=Prima_immagine, data=WES, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/506837/WES_Banner-01.jpg/e75a9865-624e-4275-94cd-46f3fa4c1d76?t=1536944527287, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/506837/WES_Banner-01.jpg/e75a9865-624e-4275-94cd-46f3fa4c1d76?t=1536944527287, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/w.-eugene-smith, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / JAZZ MOVIES

{name=Prima_immagine, data=Jazz movies, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/520789/Banner+sito-01.jpg/f1b960e3-9a61-46e1-adac-d0896306534c?t=1535018986737, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/520789/Banner+sito-01.jpg/f1b960e3-9a61-46e1-adac-d0896306534c?t=1535018986737, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/rassegna-jazz-movies, type=text, options=[]}}

Film 68

Film 68
Film 68

 

MARTEDÌ 25 SETTEMBRE
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

TEOREMA
DI PIER PAOLO PASOLINI, ITALIA, 1968, 98’

Provocatorio e profetico, Teorema segna una svolta nell'opera di Pier Paolo Pasolini, con l'approdo a una visione sacrale, vivacemente simbolica della realtà. Realizzato in pieno ‘68, il film sembra echeggiare le vicissitudini sociali, politiche e ideali di quell’anno. Protagonista è una famiglia milanese composta dai genitori, Lucia e Paolo, due figli studenti, Pietro e Odetta, e dalla domestica Emilia. Queste persone conducono l'esistenza di un qualsiasi nucleo borghese fino a quando non vengono messe in crisi da un evento apparentemente innocuo eppure sconvolgente: l'arrivo di un ospite, un personaggio silenzioso e affascinante dai dati anagrafici molto vaghi. All’improvviso i cinque membri della famiglia si ritrovano sedotti dall'ospite misterioso, che insegna loro il valore della libertà e dell’amore. Il rapporto sessuale ed intellettuale con il giovane fa prendere loro coscienza della vanità della propria esistenza borghese. Quando il viaggiatore ripartirà nulla sarà più come prima.

Dibattito sul film con Marco Antonio Bazzocchi e Massimo Recalcati

 

VENERDÌ 28 SETTEMBRE
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

BARBARELLA
DI ROGER VADIM, FRANCIA-ITALIA, 1967, 98’

Nell'anno 40.000 dopo l'era barbarica della “contestazione globale”, Barbarella sta dirigendosi verso Venere a bordo della sua nave spaziale. Il presidente della Terra le ordina di compiere una missione speciale: rintracciare lo scienziato Durand Durand, scomparso da qualche anno con il segreto del raggio positronico, potente e infernale mezzo di distruzione. Il futuro della Terra, che da millenni ormai vive in pace, è nelle mani di Barbarella. Durante la sua missione la donna incappa nelle avventure più imprevedibili: giunge su un pianeta che è una specie di Sodoma e Gomorra interplanetaria, dominato da un tiranno il quale ha isolato i buoni in un labirinto senza uscita, mentre i cattivi vivono nel peccato e nella perversione della Città Nera, capitale di questo strano pianeta, costruita su un mare di "magmos", sostanza che si nutre di tutti i peccati che vengono consumati in loco. Grazie all'aiuto di un gruppo di rivoluzionari e di un "angelo", Barbarella non solo riesce a rintracciare e a mettere fuori combattimento Durand Durand – un pazzo assetato di potere che intende usare il suo raggio della morte per dominare l'universo – ma anche a far inghiottire la Città Nera dal “magmos”.
 

SABATO 29 SETTEMBRE
ORE 20.30
MAST.AUDITORIUM

IL PIANETA DELLE SCIMMIE
DI FRANKLIN J. SCHAFFNER, USA, 1968, 112’

Tre astronauti americani, dopo un viaggio spaziale che li ha fatti avanzare nel tempo di duemila anni, approdano su di un pianeta popolato da una società barbarica: un impero retto da scimmie evolute, nel quale gli uomini, privi di parola e di intelletto, sono trattati alla stregua di bestie. Uno solo degli astronauti, Taylor, riesce a sopravvivere a una battuta di caccia delle scimmie. Imprigionato, è oggetto di molte attenzioni da parte di due giovani scimmie intellettuali che intendono servirsi di lui per dimostrare che la scimmia discende dall'uomo. Questa teoria evoluzionistica al contrario cozza però con la fanatica opposizione di un vecchio scimmione gran sacerdote, che fa condannare per eresia i due protettori di Taylor. L’astronauta, dopo aver sofferto ogni genere di umiliazioni, riesce a fuggire in una zona inaccessibile alle scimmie, dove fa una scoperta sconvolgente.
 

DOMENICA 30 SETTEMBRE 
ORE 18
MAST.AUDITORIUM

LES ANNÉES 68 – PRIMA PARTE – L'ONDA
DI DON KENT, GERMANIA-FRANCIA-NORVEGIA, 2018, 97’

Prima parte del documentario del regista britannico Don Kent che, studente ventenne a Parigi all’epoca dei fatti, rievoca il Maggio ’68 nella capitale francese attraverso un viaggio impressionistico in tutto il mondo, in cui non rinuncia a rendere omaggio ai suoi celebri ex compagni di scuola, mescolando a spezzoni d’archivio rari o inediti le loro immagini più celebri. Senza pretendere di riesaminare un movimento la cui eredità continua a dividere, il regista dà voce a una moltitudine di testimoni scovati in tutto il mondo, dal Brasile al Giappone, dalla California all’Italia. Alcuni sono nomi molto noti – la ex guerrigliera ed ex presidentessa brasiliana Dilma Youssef, i filosofi Régis Debray, Toni Negri e Judith Butler, l’ex Pantera nera Kathleen Cleaver, gli scrittori Hélène Cixous, Erri De Luca, Alain Mabanckou e Viet Thanh Ngueyen, l’ex batterista dei Doors John Densmore –, altri sono meno conosciuti, come le straordinarie attiviste giapponesi, animate da una passione rimasta intatta a distanza di mezzo secolo. Il regista sospinge i suoi interlocutori in direzioni inattese, verso letture laterali e rivelatorie, che passano attraverso le note di Bach inanellate dalla pianista cinese Zhu Xiao Mei, fuggita dalla rivoluzione culturale, lo sconcertante diagramma politico schizzato dal musicista brasiliano Tom Zé o l’amarezza toccante dello scrittore americano David Horowitz, ex gauchiste radicale convertito al neo conservatorismo.
 

DOMENICA 30 SETTEMBRE 
ORE 21
MAST.AUDITORIUM

ZABRISKIE POINT
DI MICHELANGELO ANTONIONI, USA, 1970, 110’

A Los Angeles, durante uno scontro tra la polizia e un gruppo di contestatori, viene ucciso un agente. Mark, un giovane ritenuto colpevole dell'omicidio, riesce a fuggire a bordo di un aereo da turismo rubato e atterra a Zabriskie Point, la zona più bassa e desolata del deserto californiano. L'incontro con Daria, una giovane segretaria d'azienda che sta andando in vacanza in Arizona, si traduce ben presto in un’avventura sentimentale. Nel paesaggio spettrale di Zabriskie Point i due giovani trascorrono lunghe ore d'amore; poi giunge il momento di separarsi. Mark fa ritorno a Los Angeles per restituire l'aereo rubato, ma trova ad accoglierlo la polizia che gli spara contro uccidendolo. Daria, che ha appreso per radio la notizia della morte di Mark, nella sua impotente disperazione non può far altro che immaginare la distruzione di tutti i simboli della spietata società nella quale è costretta a vivere.

Introduce il film Marco Antonio Bazzocchi
 

SABATO 6 OTTOBRE
ORE 19
MAST.AUDITORIUM

LES ANNÉES 68 – SECONDA PARTE – L'ESPLOSIONE
DI DON KENT, GERMANIA-FRANCIA-NORVEGIA, 2018, 97’

Seconda parte del documentario del regista britannico Don Kent che, studente ventenne a Parigi all’epoca dei fatti, rievoca il Maggio ’68 nella capitale francese attraverso un viaggio impressionistico in tutto il mondo, in cui non rinuncia a rendere omaggio ai suoi celebri ex compagni di scuola, mescolando a spezzoni d’archivio rari o inediti le loro immagini più celebri. Senza pretendere di riesaminare un movimento la cui eredità continua a dividere, il regista dà voce a una moltitudine di testimoni scovati in tutto il mondo, dal Brasile al Giappone, dalla California all’Italia. Alcuni sono nomi molto noti – la ex guerrigliera ed ex presidentessa brasiliana Dilma Youssef, i filosofi Régis Debray, Toni Negri e Judith Butler, l’ex Pantera nera Kathleen Cleaver, gli scrittori Hélène Cixous, Erri De Luca, Alain Mabanckou e Viet Thanh Ngueyen, l’ex batterista dei Doors John Densmore –, altri sono meno conosciuti, come le straordinarie attiviste giapponesi, animate da una passione rimasta intatta a distanza di mezzo secolo. Il regista sospinge i suoi interlocutori in direzioni inattese, verso letture laterali e rivelatorie, che passano attraverso le note di Bach inanellate dalla pianista cinese Zhu Xiao Mei, fuggita dalla rivoluzione culturale, lo sconcertante diagramma politico schizzato dal musicista brasiliano Tom Zé o l’amarezza toccante dello scrittore americano David Horowitz, ex gauchiste radicale convertito al neo conservatorismo.


 

SABATO 6 OTTOBRE 
ORE 20.30
MAST.AUDITORIUM

YELLOW SUBMARINE 
DI GEORGE DUNNING, 1968, GRAN BRETAGNA-CANADA, 90’

All’inizio del 1968 i Beatles devono onorare il contratto con la United Artist per un terzo film, dopo il successo di A Hard Day’s Night (1964) e Help! (1965). La loro maturità artistica è al culmine, l’interesse per la meditazione trascendentale li porta in India, mentre all’interno della band cominciano a emergere i primi dissapori. Un film d’animazione sembra la soluzione ideale, perché non sottrae tempo alla musica, raggiunge un pubblico molto ampio e riesce a rappresentare perfettamente l’immaginario pop-lisergico della controcultura hippie.
Nasce così Yellow Submarine, piccolo capolavoro che narra la storia di un Eden musicale chiamato Pepperland, schiacciato dal giogo dei tristi Biechi Blu, e dell’incredibile missione del Sottomarino Giallo mandato sulla terra a recuperare le uniche quattro persone capaci di riportarvi la musica e i colori: John, Paul, George e Ringo. L’intreccio si articola intorno al viaggio impossibile dei Fab Four attraverso sette mari immaginari popolati da creature improbabili, lo sbarco a Pepperland, l’apoteosi della Banda dei Cuori Solitari del Sergente Pepper che ha la meglio sui Biechi Blu e li introduce alla pace e all’amore universale.

 

DOMENICA 7 OTTOBRE 
ORE 17.30
MAST.AUDITORIUM

IL N’Y A PAS DE KENNEDY HEUREUX 
DI PATRICK JEUDY, 2013, FRANCIA, 97’

La storia del clan Kennedy è raccontata attraverso lo sguardo innocente, indagatore o arrabbiato dei figli. Caroline, Robert, Christopher, Mary, John-John e David avevano tra i 7 e gli 11 anni quando JFK fu assassinato e tra i 13 e i 17 anni alla morte di Bobby Kennedy. Nel corso degli anni hanno sperimentato la dolcezza inebriante della vita dei ricchi, hanno intuito le infedeltà dei genitori, il mistero delle donne del presidente, le minacce che hanno gravato sulla famiglia. Tra infanzia dorata e futuro spezzato, immagini ufficiali e album privati, il film esplora le personalità complesse del clan Kennedy per restituire un ritratto senza concessioni ma pervaso di nostalgia dei membri della famiglia. Una storia intima e personale narrata dalla prospettiva dei bambini, con le loro ingenuità, i dubbi, gli interrogativi. Una saga che svela dall’interno la vita di una delle famiglie più potenti ed evocative del XX secolo.

 

DOMENICA 7 OTTOBRE 
ORE 19.30
MAST.AUDITORIUM

CAPRICCIO ALL’ITALIANA
DI MAURO BOLOGNINI, MARIO MONICELLI, PIER PAOLO PASOLINI, 
STENO, PINO ZAC, FRANCO ROSSI, 1968, ITALIA, 81’

Capriccio all’italiana è una commedia in sei episodi realizzata da registi tra loro molto diversi che compongono un affresco divertente della società, per certi versi realistico, per altri surreale. Privo di un filo conduttore e di una vera e propria uniformità, l’opera rispecchia soprattutto un certo gusto cinematografico di fine anni sessanta (il film a episodi, la commedia all’italiana). Inoltre ha il grande pregio di regalarci Che cosa sono le nuvole?, piccolo capolavoro fantastico di Pier Paolo Pasolini, pervaso da momenti lirici e sorretto da dialoghi poetico-esistenziali. Interpretato magnificamente da Totò, Ninetto Davoli, Franco Franchi, Ciccio Ingrassia, Laura Betti e Adriana Asti, nei panni di surreali marionette, la storia rivisita l’Otello con un taglio fantastico. Le marionette interpretano il dramma di Shakespeare e nelle pause si pongono domande sui motivi delle loro azioni. Il pubblico presente in teatro a un certo punto interrompe la recita e decide la (triste) sorte dei personaggi. Il finale poetico vede lo spazzino Domenico Modugno portare alla discarica le marionette distrutte cantando una struggente melodia, mentre queste scoprono incantate le nuvole.


Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna


Jazz movies

Jazzmovies
Jazzmovies

VENERDÌ 7 SETTEMBRE 2018
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

ASCENSORE PER IL PATIBOLO
DI LOUIS MALLE, FRANCIA, 1958, 88’

Florence e Julien sono amanti che decidono di eliminare il marito di lei, Simon, potente affarista con i vertici della politica. I due architettano un piano che sembra perfetto, disponendo ogni dettaglio in modo che la polizia lo consideri un suicidio, ma quando Julien tenta di lasciare l'edificio in cui ha appena compiuto il delitto, il custode dell'edificio, prima di andare via, disattiva il contatore generale dell'energia elettrica, bloccando l'ascensore nel quale si trova Julien.
La colonna sonora è di Miles Davis che, messo in contatto col regista da Boris Vian, la registra a Parigi dove si trovava per una tournée. I musicisti hanno improvvisato vedendo proiettate le scene del film. 

Introduce il film e la rassegna Roy Menarini.

 

SABATO 8 SETTEMBRE 2018
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

ROUND MIDNIGHT – A MEZZANOTTE CIRCA
DI BERTRAND TAVERNIER, FRANCIA, 1986, 130’

Round midnight significa intorno alla mezzanotte e fa riferimento ad una celebre composizione di Thelonius Monk. Secondo alcuni indica l'ora magica in cui in un jazz club si celebra il rito di una musica particolare. Per raccontare il jazz il regista sceglie un momento tanto fondamentale quanto poco raccontato, quello della diaspora europea (a Parigi) dei suoi musicisti più rappresentativi. Il film è una rivisitazione della vita di Lester Young e Bud Powell, interpretata da grandissimi jazzisti come Dexter Gordon e Herbie Hancock che suonano dal vivo, senza registrazione, durante le riprese.
Numerosi altri musicisti hanno collaborato al film: Freddie Hubbard, Bobby Hutcherson, John McLaughlin, Wayne Shorter, Pierre Michelot e Eric Le Lann. 

 

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2018
ORE 19.30
MAST.AUDITORIUM

BIRD
DI CLINT EASTWOOD, USA, 1988, 161’

Il film racconta la storia di Charlie "Bird" Parker, sassofonista, genio del jazz, con un altro grande come Dizzy Gillespie, iniziatore del be-bop e con il trombettista bianco Red Rodney. Collezionista di amori infelici, Parker assume fiumi di alcol e droga che lo devasteranno. Morirà a soli trentaquattro anni quasi in miseria, ma verrà ricordato come uno dei più grandi musicisti jazz della storia.
Le atmosfere del film sono principalmente notturne, con una fotografia molto contrastata. Le poche scene girate alla luce del giorno rappresentano momenti cupi della vita di Parker, come il funerale della figlioletta, la degenza al manicomio e infine il suo stesso funerale. Viceversa, la notte è l'habitat ideale per il Parker musicista, libero di suonare e di sbizzarrirsi in ardite improvvisazioni.
 

SABATO 15 SETTEMBRE 2018
ORE 20
MAST.AUDITORIUM

WHIPLASH
DI DAMIEN CHAZELLE, USA, 2014, 105’

Andrew Neimanè un batterista jazz di 19 anni deciso a diventare il migliore nel più prestigioso Conservatorio di musica del paese. Una notte, mentre si sta esercitando alla batteria, Andrew viene notato da Terrence Fletcher, noto tanto per il suo talento nell'insegnare quanto per i suoi terrificanti metodi. Anche se Fletcher non gli dice quasi nulla, riesce a accendere in Andrew il forte desiderio di raggiungere i suoi obiettivi. Sorprendendo Andrew, il giorno successivo Fletcher gli chiede di entrare a far parte della band da lui diretta. Un gesto che cambierà per sempre la vita del giovane. Il ragazzo è eccitato dalla possibilità ma non sa che in realtà sarà un inferno di prove, esercizi e umiliazioni. Gli standard richiesti da Fletcher sono irraggiungibili e progressivamente alienano sempre di più Andrew dal resto della sua vita.

 

DOMENICA 16 SETTEMBRE 2018
ORE 18
MAST.AUDITORIUM

THE JAZZ LOFT ACCORDING TO W. EUGENE SMITH
DI SARAH FISHKO, USA, 2016, 87’

Tra il 1957 e il 1965 a New York decine di musicisti jazz si ritrovano per suonare in un loft cadente di Sixth Avenue, senza sapere che le loro note e le loro conversazioni vengono immortalate in audiocassette e fotografie dal reporter W. Eugene Smith, talento gentile e tormentato, già collaboratore di “Life”, che vive nell’appartamento accanto. 
Il leggendario Thelonius Monk prova nel loft per tre settimane; il batterista Ronnie Free entra nel tunnel della droga pesante, sulle orme di un altro batterista che era stato il suo idolo di gioventù; Hall Overton, inquilino del palazzo e insegnante di composizione alla Juilliard School, diventa il guru dei jazzisti; gli anni cinquanta sfumano nei sessanta; nelle registrazioni di Smith cominciano a comparire telefonate personali e visite della polizia locale; il mondo sta cambiando, e Smith alla fine viene sfrattato. 

 

Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna

Proiezioni in lingua originale con sottotitoli in italiano


MOSTRE / FAVOLE DI LUCE - NINO MIGLIORI E I BAMBINI DEL NIDO SCUOLA MAST

{name=Prima_immagine, data=Favolediluce, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514065/FL_Banner_ita.jpg/8febafca-71d7-4d8b-8e1d-720eb3ebc687?t=1528134002706, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514065/FL_Banner_ita.jpg/8febafca-71d7-4d8b-8e1d-720eb3ebc687?t=1528134002706, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/favole-di-luce, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / TEJU COLE

{name=Prima_immagine, data=TejuCole, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516672/Banner+sito-01.jpg/82c06c11-b226-479f-b819-b49908d8f7bc?t=1529405596858, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516672/Banner+sito-01.jpg/82c06c11-b226-479f-b819-b49908d8f7bc?t=1529405596858, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/teju-cole, type=text, options=[]}}

TALK / DAN LEERS

{name=Prima_immagine, data=Dan Leers, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516667/Banner+sito-01.jpg/0b56d798-166c-4fce-8231-74630fbf30ca?t=1529427704501, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516667/Banner+sito-01.jpg/0b56d798-166c-4fce-8231-74630fbf30ca?t=1529427704501, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/dan-leers, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / CAPOLAVORI DELLA FOTOGRAFIA INDUSTRIALE

{name=Prima_immagine, data=Annuario, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516593/Banner+sito-01.jpg/a2f2a91e-fe92-4475-b3da-b35413bdd6ef?t=1529318784103, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516593/Banner+sito-01.jpg/a2f2a91e-fe92-4475-b3da-b35413bdd6ef?t=1529318784103, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/capolavori-della-fotografia-industriale-2016, type=text, options=[]}}

COME RAGGIUNGERCI

In autobus
L'autobus n°19 parte dal centro Bologna, scendere alla fermata "Centro Vittoria - MAST" all'inizio di Via Speranza.

In treno
La stazione centrale dista circa 4 km dal MAST, facilmente raggiungibile in taxi o con gli autobus 81 o 91 – fermata Pontelungo.

In auto
Dall'autostrada A1 Milano-Bologna prendere l'uscita Bologna-Casalecchio e procedere in direzione "Porrettana SS64 / Bologna stadio / Casalecchio centro". Uscire in corrispondenza di "Tangenziale / Centro / Certosa / Stadio" e prendere la terza uscita alla rotonda procedendo su viale Togliatti. Svoltare su via Battindarno e prendere successivamente via Vittoria. Dopo 350 mt svoltare a destra e procedere su via Speranza.

In aereo
L'aeroporto internazionale Guglielmo Marconi dista circa 3 km dal MAST.
Uscendo dalla rotonda aeroportuale, prendere la seconda uscita, proseguire su via del Triumvirato fino a raggiungere via Emilia Ponente. Dopo 600 mt svoltare a destra e procedere su via Speranza.


Teju Cole

Tejucole
Tejucole

LUNEDÌ 2 LUGLIO 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

TEJU COLE
L’ESTRANEO E IL NOTO

Introduce Alessandra Mauro, direttore editoriale di Contrasto

La Fondazione MAST accoglie una delle voci più brillanti e originali della cultura contemporanea, Teju Cole, che presenta insieme all’editore Contrasto la sua prima raccolta di saggi. Il volume raccoglie articoli inediti in Italia e pubblicati finora solo sul New York Times MagazineDa James Baldwin a Derek Walcott, da Cartier-Bresson a Steve McCurry, fino ad arrivare al movimento Black Lives Matter: in questo libro diviso in due parti – Leggere Vedere - Teju Cole spazia dalla storia alla letteratura, dalla politica alla fotografia alle cronache di viaggio, interpretando la realtà attraverso i diversi linguaggi della produzione artistica. Persuasivo e provocatorio, erudito ma chiaro e appassionato, L’estraneo e il noto offre riflessioni e punti di vista preziosi, piccole gemme nascoste in luoghi insieme familiari e ignoti.

Teju Cole è l’autore di Punto d'ombraCittà Aperta Ogni giorno è per il ladro ed è il critico fotografico per The New YorkTimes Magazine. Per il suo lavoro letterario ha vinto, tra le altre cose, il premio PEN/Hemingway Prize, il Windham Campbell, l’Internationaler Literaturpreis. Nato negli USA da genitori nigeriani, Teju Cole ha passato la sua infanzia in Nigeria per tornare negli Stati Uniti a 17 anni, dove tuttora vive, a New York.

In collaborazione con Contrasto e Libererie Coop


Foto © Teju Cole, Zurigo, luglio 2015


dan leers

danleers
danleers

MERCOLEDÌ 27 GIUGNO 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

DAN LEERS
L'INDUSTRIA A PITTSBURGH ATTRAVERSO LO SGUARDO DEI FOTOGRAFI DAL 1890 A OGGI

Introduce Urs Stahel

A partire dal tardo Ottocento, Pittsburgh si conquistò la fama di “fornace d’America”. Questa reputazione è dovuta all’industria dell’acciaio allora in vertiginosa ascesa, che generò grande ricchezza, oltre a determinare una riforma del lavoro, un forte flusso di immigrati e una serie di questioni ambientali che ancora oggi interessano l’area. Dan Leers esamina la rappresentazione di questo sviluppo industriale nelle fotografie scattate dalla fine del XIX secolo a oggi. Centro nevralgico dell’economia americana per gran parte del Novecento, Pittsburgh accolse molti artisti decisi a testimoniare il cambiamento in corso. Oggi i loro scatti ci aiutano a conoscere il passato della città e a immaginare il suo futuro.

Dan Leers è curatore del dipartimento di Fotografia al Carnegie Museum of Art di Pittsburgh dal 2015. Dal 2007 al 2011 è stato Beaumont and Nancy Newhall Curatorial Fellow al dipartimento di Fotografia del Museum of Modern Art, New York. Nei suoi anni al MoMA, ha lavorato a numerosi progetti, tra cui la mostra New Photography 2011. Nel 2013 è stato consulente della Biennale di Venezia. Al Carnegie Museum of Art ha organizzato diverse mostre tra cui Strength in Numbers: Photography in Groups e la più grande mostra americana di William Henry Fox Talbot degli ultimi quindici anni.
 

Foto © W. Eugene Smith / Magnum Photos.  Stabilimento National Tube Company, U.S. Steel Corporation, McKeesport, e ponte ferroviario sul fiume Monongahela. USA. Pennsylvania. Pittsburgh. 1955


Annuario

Annuario
Annuario

LUNEDÌ 25 GIUGNO 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

PRESENTAZIONE DEL LIBRO

CAPOLAVORI DELLA FOTOGRAFIA INDUSTRIALE. MOSTRE 2016. FONDAZIONE MAST
FRANCESCO DAL CO, JUAN JOSÉ LAHUERTA, URS STAHEL

Il volume Capolavori della fotografia industriale. Mostre 2016. Fondazione MAST raccoglie integralmente quanto è stato presentato nella PhotoGallery di MAST nel 2016: le esposizioni Jakob Tuggener: Fabrik/Nuits de Bal; Ceramica, latte, macchine e logistica. Fotografie dell’Emilia-Romagna al lavoro Dayanita Singh: Museum of Machines. 

Terza tappa di un viaggio per immagini iniziato nel 2013, il volume testimonia la volontà di collocare lo sguardo dei fotografi sul lavoro, sulla società e sul territorio, al centro del progetto artistico e culturale della Fondazione MAST, iscrivendosi in un programma sistematico di pubblicazioni che documentano un accurato lavoro di ricerca e analisi sull’evoluzione dell’industria e del lavoro e parallelamente della fotografa industriale. 

Francesco Dal Co, direttore di Casabella ed editore del volume a marchio congiunto MAST.Electa, presenta l’opera insieme a Urs Stahel, curatore delle tre mostre e della Collezione MAST, e a Juan José Lahuerta, architetto e professore di Storia dell’arte e dell’architettura alla Escuela Técnica Superior de Arquitectura di Barcellona.

 


Regolamento europeo

In conformità dell’art. 13 del Regolamento Europeo 2016/679 La informiamo che Fondazione MAST in qualità di Titolare del trattamento, tratta elettronicamente i dati degli utenti iscritti per adempiere alla richiesta di invio della newsletter e relativa iscrizione nella mailing list che permetterà agli iscritti di restare aggiornati periodicamente sulle attività svolte e sui nuovi progetti promossi o organizzati dalla Fondazione, nel completo rispetto dei principi di liceità e correttezza e delle disposizioni di legge.

Il presente servizio è erogato attraverso l’utilizzo di posta elettronica. Il conferimento dei dati personali da parte dell’utente è sempre facoltativo, tuttavia, in mancanza dei dati contrassegnati come "obbligatori" nel form di iscrizione, non sarà possibile attivare il servizio. I dati personali dell’utente saranno trattati con modalità elettroniche e/o telematiche, mediante l’utilizzo di cookies (come indicato nel documento privacy e cookie policy disponibile sul sito e attraverso sistemi automatizzati nel rispetto delle modalità indicate di cui agli artt. 6, 32 del GDPR e mediante l'adozione delle adeguate misure di sicurezza previste).

Il Titolare, per confrontare ed eventualmente migliorare i risultati delle comunicazioni, utilizza sistemi per invio di newsletter e comunicazioni con report. Grazie ai report il Titolare potrà conoscere, per esempio il numero dei lettori e delle aperture mail, il dettaglio delle email inviate per data/ora/minuto, il dettaglio delle email recapitate e non, di quelle inoltrate, ecc. Tutti questi dati sono utilizzati allo scopo di confrontare, ed eventualmente migliorare, i risultati delle comunicazioni.

I dati saranno conservati presso la sede del Titolare, presso la sede del provider esterno e presso la piattaforma utilizzata per l’invio delle newsletter (Mail Up), saranno trattati solo da persone debitamente autorizzate al trattamento dei dati e saranno comunicati all’esterno solo ed esclusivamente per dare esecuzione ai servizi necessari per una corretta gestione del rapporto, con garanzia di tutela dei diritti dell’interessato (per conoscere l’elenco dei soggetti esterni contattare il Responsabile).

I dati dell’utente potranno, inoltre, essere visualizzati anche dalla società che gestisce il sito web limitatamente agli accessi tecnici per esigenze di manutenzione e gestione del server web. I dati non saranno diffusi a terzi. Segnaliamo che, nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 del GDPR, il periodo di conservazione dei dati personali è stabilito per un arco di tempo non superiore all'espletamento dei servizi erogati.

Titolare del trattamento: il Titolare del trattamento dei dati, ai sensi della Legge, è la scrivente Fondazione MAST - via Speranza 42 Bologna - nella persona del suo legale rappresentante pro tempore.

Ciascun utente ha diritto di ottenere dal Titolare della protezione dei dati personali/ Titolare al trattamento la cancellazione (diritto all'oblio), la limitazione, l'aggiornamento, la rettificazione, la portabilità, l'opposizione al trattamento dei dati personali che lo riguardano, nonché in generale può esercitare tutti i diritti previsti dagli artt. 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22 del Regolamento Europeo 2016/679 scrivendo a info@fondazionemast.org

 

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO
Fondazione MAST


Regolamento

Autorizzando il trattamento dei dati si dichiara di aver preso visione
dell'informativa privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679.


Press Favole di Luce

WORKSHOP / ILLUSTRARE LE IDEE

{name=Prima_immagine, data=Illustrare le idee, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514715/Banner+sito-01.jpg/fa3b8c93-2e39-4b95-aee4-a70fb3883e53?t=1528295838821, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514715/Banner+sito-01.jpg/fa3b8c93-2e39-4b95-aee4-a70fb3883e53?t=1528295838821, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.repubblica.it/la-repubblica-delle-idee/bologna2018/2018/05/25/news/i_workshop_di_repidee_2018-197334608/, type=text, options=[]}}

TALK / SAM STEPHENSON

{name=Prima_immagine, data=Sam Stephenson, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/513776/Banner-sito-01.jpg/7c558f1b-809e-4302-a13b-af0c2e1607ca?t=1528054606351, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/513776/Banner-sito-01.jpg/7c558f1b-809e-4302-a13b-af0c2e1607ca?t=1528054606351, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/sam-stephenson, type=text, options=[]}}

Press USA68

USA '68 DISORDINI E SOGNI

Immagini:

Documenti pdf scaricabili:


Visite alla mostra

visita alla mostra
visita alla mostra

In occasione di Repubblica delle Idee e dei workshop al MAST “Illustrare le idee”, non perdete le visite alla mostra W. Eugene Smith con guide d’eccellenza:

 

VENERDÌ 8 GIUGNO 2018, ORE 15.30

MARIO CALABRESI
DIRETTORE DI REPUBBLICA

 

DOMENICA 10 GIUGNO, ORE 11.00

MICHELE SMARGIASSI
GIORNALISTA DI REPUBBLICA

PER REGISTRARSI CLICCARE QUI 
 

I POSTI SONO LIMITATI


Repubblica delle idee


USA68

USA68
USA68

La Fondazione MAST, senza tradire la propria vocazione espositiva incentrata sui temi del lavoro e dell’industria, presenta una mostra sul 1968 in USA, non solo per ricordare un anno simbolo, ma anche per rendere omaggio al fotogiornalismo degli anni Sessanta.

Attraverso 54 immagini iconiche di alcuni tra i più celebri fotoreporter dell’epoca, la mostra racconta la data simbolo di una delle rivoluzioni culturali più significative di sempre, da una parte per restituire uno spirito del tempo segnato da disordini e sogni, dall’altra per celebrare un genere fotografico glorioso, sul punto di cedere il passo alle prime trasmissioni in diretta televisiva a colori.

Il 1968 segna una trasformazione radicale nel modo di vivere e di pensare della società. Il fotogiornalismo gioca un ruolo decisivo nel determinare questi cambiamenti: senza le foto in bianco e nero dei quotidiani, incisive e fortemente contrastate, senza le prime sezioni a colori nelle riviste, non si potrebbero nemmeno immaginare i Beatles e i Rolling Stones, lo sbarco sulla Luna e la guerra in Vietnam, Courrèges e Twiggy, la liberazione sessuale e politica, il femminismo e il movimento delle Black Panthers. Nemmeno le immagini catastrofiche di Andy Warhol, le sue infinte sequenze di Jacqueline Kennedy e Marilyn Monroe sarebbero mai esistite senza le immagini della stampa. Gli assassinii di John Kennedy, di suo fratello Robert e di Martin Luther King vengono coperti con servizi fotografici dalla stampa di tutto il mondo. 

L’esposizione, oltre alle immagini iconiche provenienti dalla Monroe Gallery di Santa Fe (New Mexico), presenta un racconto sul 1968 e gli anni Sessanta, anche attraverso videoinstallazioni proiettate a 360° in ciclorama e proiezioni video di documentari storici dagli archivi della Cineteca di Bologna.


Favole di luce

favole di luce
favole di luce

La Fondazione MAST presenta a Roma, in collaborazione con Fondazione MAXXI, “Favole di luce”, una  mostra che illustra il percorso didattico ideato e condotto da Nino Migliori nell’atelier di fotografia del Nido Scuola MAST a partire dal 2015. 

Fotografo di fama internazionale e sperimentatore animato da uno spirito di ricerca instancabile e da un entusiasmo contagioso, Nino per oltre due anni ha accompagnato bambini ed educatrici alla scoperta del mezzo fotografico come forma di scrittura, sorprendente meccanismo per la creazione di immagini narranti. Insieme al loro maestro, bambini dai 3 ai 5 anni d’età hanno imparato a utilizzare tecniche off-camera come ossidazioni, cellogrammi, polarigrammi, lucigrammi, fotogrammi, scoprendo nuovi modi di osservare, raccontare e trasformare il loro mondo, con metodo e con fantasia insieme.

Dalla collaborazione tra Nino e i bambini è scaturita una molteplicità allegramente confusa di immagini che narrano l’evento straordinario del vivere: piedi, cuori, foglie, cani, alberi, cerchi, piramidi, pezzi staccati o assemblati, orsacchiotti, palle, garze, chiavi inglesi, ingranaggi, bimbi in movimento. 

Attraverso 87 opere, la mostra dà conto di questa esperienza straordinaria, accompagnando i visitatori alla scoperta del processo creativo ideato da Nino Migliori e delle “favole di luce” scritte dai bambini, libera espressione dei loro pensieri, delle loro emozioni e dei loro desideri. 
 

MAXXI – MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO – ROMA
SPAZIO EXTRA MAXXI
12 GIUGNO – 22 LUGLIO 2018

INFO

 


Sam Stephenson

Sam Stephenson
Sam Stephenson

MERCOLEDÌ 6 GIUGNO 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

SAM STEPHENSON
IL LAVABO DI W. EUGENE SMITH: DA PITTSBURGH AL LEGGENDARIO LOFT DEL JAZZ A NEW YORK

Introduce Urs Stahel

Sam Stephenson ha dedicato oltre vent’anni a studiare la vita e l’opera del fotografo W. Eugene Smith, seguendo le sue tracce in ventisei stati americani, in Giappone e nelle isole del Pacifico, intervistando oltre cinquecento persone che hanno conosciuto il fotografo in diverse circostanze. Al MAST racconta la sua indagine documentaria e poetica insieme, mettendo a fuoco le due tappe più ambiziose e incredibili della carriera del fotografo: Pittsburgh, la prima città industriale d’America, dove Smith ha scattato 22.000 fotografie tra il 1955 e il 1958, e il leggendario loft di New York in cui Smith ha realizzato 40.000 immagini e 4500 ore di registrazioni audio dal 1957 al 1965, documentando la presenza di musicisti come Thelonious Monk, Chick Corea, Rahsaan Roland Kirk, Paul Bley e innumerevoli personaggi meno celebri. Nel corso dell’incontro sarà proiettato inoltre Chuck-will’s-widow un film di 9 minuti del cineasta americano Jem Cohen, tratto da un capitolo dell’ultimo libro di Stephenson, Gene Smith’s Sink (2017). 

Sam Stephenson (Chapel Hill, South Carolina, USA, 1966) è uno scrittore e documentarista, autore di tre importanti pubblicazioni su W. Eugene Smith: Gene Smith’s Sink (2017), The Jazz Loft Project (2009) e Dream Street (2001). Collabora con The New York Times, The Paris Review, Tin House, the Oxford American e altri periodici. Docente di Studi documentari e Studi americani alla Duke University e alla UNC–Chapel Hill, vive a Bloomington, Indiana.

Foto: W. Eugene Smith in his workroom

© Arnold Crane portfolio of photographs, "Portraits of the Photographers,", 1968-1969. Archives of American Art, Smithsonian lnstitution


PROIEZIONI / FUTURE FILM FESTIVAL

{name=Prima_immagine, data=FFF, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/511215/FutureFilm_Banner-01.jpg/2c9973b1-6291-48ab-858e-6853879fa180?t=1526574165579, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/511215/FutureFilm_Banner-01.jpg/2c9973b1-6291-48ab-858e-6853879fa180?t=1526574165579, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/future-film-festival-2018, type=text, options=[]}}

Privacy Policy

Fondazione MAST, ai sensi e per gli effetti del Regolamento Europeo 2016/679, informa gli utenti di questo sito che la citata normativa prevede la tutela degli interessati rispetto al trattamento dei dati personali e che tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti.
Le informazioni ed i dati personali forniti od altrimenti acquisiti nell’ambito dell’utilizzo del sito saranno trattati in accordo alle disposizioni legislative della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza ivi previsti.
Il Titolare del trattamento dei dati, ai sensi della Legge, è la scrivente Fondazione MAST – Via Speranza 42 Bologna, nella persona del suo legale rappresentante pro tempore.
 

Tipologia di dati trattati
a) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a soggetti interessati identificati, ma che per la loro stessa natura, potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria rientrano gli indirizzi IP, i nomi di dominio utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto, etc.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime e aggregate sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento, essi risiedono in maniera permanente su server di terzi (hosting provider). I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito.
b) Cookie
Il sito internet utilizza dei cookie per aiutare gli utenti a velocizzare la navigazione, aumentare la sicurezza, analizzare l’utilizzo e l’efficienza dei servizi. Per maggiori informazioni si rimanda alla Cookie Policy, riportata di seguito.

Dati personali forniti volontariamente dall'utente: l'invio facoltativo, esplicito e volontario, dei dati personali del mittente agli indirizzi indicati su questo sito e la compilazione di form presenti sul medesimo comporta la successiva acquisizione degli stessi (a mero titolo esemplificativo nome, cognome, indirizzo mail). Specifiche informative di sintesi sono presenti nelle pagine che prevedono i form.
 

Finalità del trattamento
I dati degli utenti raccolti durante la navigazione verranno trattati per le seguenti finalità:

  1. svolgimento di operazioni strettamente connesse e strumentali alla gestione dei rapporti con i visitatori del sito;
  2. raccolta, conservazione ed elaborazione degli stessi dati per analisi statistiche anche in forma anonima e/o aggregata;

Il trattamento dei dati per l’espletamento della finalità di cui al punto 1 è obbligatoria e l’eventuale non comunicazione, o comunicazione errata, di una delle informazioni può limitare e/o impedire l’utilizzo in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul sito.
Il conferimento dei dati indicati nella finalità 2 è facoltativo, ed un suo eventuale rifiuto al trattamento non compromette le funzionalità e i servizi presenti sul sito.

Modalità di trattamento: i dati personali sono trattati con strumenti elettronici e anche mediante cookies per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Ogni trattamento avviene nel rispetto delle modalità indicate di cui agli artt. 6, 32 del GDPR e mediante l'adozione delle adeguate misure di sicurezza previste.
I trattamenti connessi ai servizi web sono effettuati presso il provider ubicato in Italia e sono conservati presso le sedi dove sono situati i server fisici.
 

Comunicazione e Diffusione
I dati raccolti sono trattati all’interno della Fondazione da soggetti autorizzati e nominati incaricati dal Titolare e possono essere comunicati a terzi, in particolare a:

  • Società che effettuano la manutenzione ordinaria e straordinaria del sito web.
  • Società terze che erogano servizi di terze parti
  • MAST Srl in qualità di Responsabile del trattamento

I dati non vengono diffusi ad altri soggetti.
I dati degli utenti sono raccolti anche mediante strumenti e servizi erogati da terze parti e da esse conservati. Si precisa che sul presente sito è attivo Google Analytics, impostato in modo da ridurre il potere identificativo dei cookies e sono state disabilitate anche le funzioni che permettono l’utilizzo delle informazioni da parte di terze parti.
 

Periodo di conservazione dei dati
Nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 del GDPR, il periodo di conservazione dei dati personali è stabilito per un arco di tempo non superiore all'espletamento dei servizi erogati.

E’ in capo a ciascun utente il diritto di ottenere dal titolare la cancellazione (diritto all'oblio), la limitazione, l'aggiornamento, la rettificazione, la portabilità, l'opposizione al trattamento dei dati personali che lo riguardano, nonché in generale può esercitare tutti i diritti previsti dagli artt. 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22 del GDPR.

Si informano gli utenti del fatto che il sito potrebbe contenere link ad altri siti web, non gestiti da Fondazione MAST, la quale in questo caso non è responsabile di errori, contenuti, cookies, pubblicazioni, pubblicità, banner o file non conformi alle disposizioni normative vigenti.


FutureFilmFestival

FutureFilmFestival2018
FutureFilmFestival2018

VENERDÌ 25 MAGGIO 2018 
ORE 20.30
MAST.AUDITORIUM

MOON 
di Duncan Jones, USA 2009, 97’

Sam Bell è prossimo alla conclusione di un contratto di lavoro della durata di tre anni come unico residente della base mineraria lunare Sarang della Lunar Industries. Il suo compito è sovrintendere al funzionamento degli estrattori automatici, che estraggono elio-3 dalla superficie lunare, recuperare il carico quando questi raggiungono la quota prestabilita ed inviarlo sulla Terra, dove è utilizzato quale principale fonte energetica. 
Problemi cronici nelle comunicazioni limitano Sam a scambiare solo occasionali messaggi registrati con la sua famiglia, composta da sua moglie Tess e da sua figlia Eve, nata dopo la partenza di Sam per la Luna. La sua unica compagnia nella base è costituita da un'intelligenza artificiale di nome GERTY, che gestisce le automazioni della base stessa. A due settimane dalla data prevista per il suo ritorno sulla Terra, Sam inizia ad avere allucinazioni e a soffrire di forti mal di testa.

Introduce Roy Menarini, Critico cinematografico e Docente universitario

 

SABATO 26 MAGGIO 2018
MAST.AUDITORIUM

+ ORE 20.00

IL PIANETA PROIBITO
di Fred M. Wilcox, USA, 1956, 98’

XXIV secolo, l’incrociatore spaziale C-57-D, capitanato da John J. Adams, è inviato in missione sul pianeta Altair IV, alla ricerca di sopravvissuti della spedizione Bellerofonte, scomparsa misteriosamente vent’anni prima. Appena atterrati, John e il suo equipaggio incontrano il Professor Morbius, unico superstite che vive in una spettacolare residenza con la figlia Altaira e il servitore Robby, un robot parlante. Il Professore si rifiuta di lasciare il pianeta Altair IV poiché sta studiando la tecnologia che ha trovato sul pianeta, unica testimonianza della civiltà Krel un tempo abitante del pianeta. Ma proprio quella tecnologia scatena una creatura di pura energia, inquietante ma allo stesso tempo affascinante. Il robot Robby fu l’oggetto scenico cinematografico più costoso mai costruito fino ad allora, ed è il primo robot della storia del cinema a rispettare le Tre Leggi della Robotica di Isaac Asimov.

Introduce Michele Fadda

 

+ ORE 22.30

IO, ROBOT 
di Alex Proyas, USA, 2004, 115’

Il titolo è ispirato all'antologia
 Io, Robot dello scrittore di fantascienza Isaac Asimov, in cui vengono descritte le Tre leggi della robotica, che nel film regolano il rapporto tra uomini e robot. Anno 2035, Chicago. I robot positronici ormai sono diventati un articolo domestico come un altro, alla portata di tutti ed in tutte le case, e il mondo aspetta l'arrivo sul mercato dei nuovissimi NS-5, generazione prodotta dalla U.S. Robots, azienda leader nella robotica. Mentre tutti impazziscono per questi aiutanti meccanici, il detective Del Spooner non si fida troppo dei nuovi e avanzatissimi robot. Spooner viene chiamato sulla scena del suicidio del dottor Alfred Lanning, brillante scienziato nonché fondatore della U.S. Robots, dove per l'appunto lavorava; tra l'altro il dottor Lanning è l'ideatore delle famose Tre leggi della robotica nonché dei famosissimi e oramai molto diffusi robot "NeStor classe 5", da cui il nome in codice "NS-5". Lanning lascia a Spooner un dispositivo olografico contenente alcune sue riflessioni che lo spingono a considerare la sua morte come un omicidio.

Introduce Michele Fadda

 

 

DOMENICA 27 MAGGIO 2018
MAST.AUDITORIUM

+ ORE 20.00

GATTACA - LA PORTA DELL'UNIVERSO
di Andrew Niccol, USA, 1997, 108’

In un prossimo futuro nascono esseri umani con un corredo genetico praticamente perfetto, selezionato dai genitori su di un gruppo di cellule embrionali. Tramite questo processo, si possono prevedere in anticipo le future condizioni fisiche e di salute dei nascituri, tanto che, in definitiva, alcuni di loro vengono artificialmente generati senza imperfezioni, come se fossero "costruiti" su misura. Sostanzialmente, la società risulta di fatto divisa in due categorie: i
 validi, cioè esseri dal corredo genetico perfetto, che vengono scelti per ricoprire i lavori più prestigiosi della comunità, e i non validi, ovvero le persone nate coi loro genomi naturali, destinati allo svolgimento dei lavori più umili e relegati ai margini della vita sociale. Per scelta volontaria dei suoi genitori, il protagonista Vincent viene concepito in modo naturale, senza l'intervento della scienza. Fin dalla nascita gli viene diagnosticata la stessa debolezza cardiaca del padre, che lo dovrebbe portare, secondo i calcoli svolti a partire dalle analisi del suo sangue prelevato all'atto della nascita, a morire prima dei trent'anni. Vincent è dunque etichettato come non valido.

Introduce Roy Menarini

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria
Per registrarsi, cliccare qui

+ ORE 22.30

IN TIME 
di Andrew Niccol, USA, 2011, 109’

Nell’anno 2169, le persone sono geneticamente programmate per invecchiare soltanto fino a 25 anni, quando un timer, posizionato sul loro braccio, inizia un conto alla rovescia che dura soltanto un altro anno, al termine del quale l’individuo morirà all’istante. Questo limite può essere esteso a pagamento, permettendo all’individuo di vivere potenzialmente in eterno.Il tempo quindi è diventato la valuta corrente con cui la gente viene pagata per il proprio lavoro, ed è moneta per le necessità ed i lussi dei ricchi. Infatti, tramite una particolare tecnologia, è possibile immagazzinare il tempo in appositi apparecchi e trasferirlo di persona in persona. Ne risulta così una società squilibrata, dove i ricchi possono vivere per sempre, mentre gli altri cercano di negoziare giorno per giorno la loro sopravvivenza. Il protagonista del film, Will Salas, vive con la madre, ormai cinquantenne, nella zona più povera della città chiamata “il ghetto”. In questa zona le persone vivono alla giornata, cercando di guadagnare un altro po’ di tempo ed evitare di far scadere il loro “orologio vitale”. Will proverà a ribellarsi, diventando un "Robin Hood del tempo".

Introduce Roy Menarini, Critico cinematografico e Docente universitario


PITTSBURGH RITRATTO DI UNA CITTÀ INDUSTRIALE

W. EUGENE SMITH: PITTSBURGH RITRATTO DI UNA CITTÀ INDUSTRIALE

Documenti pdf scaricabili:


PRESENTAZIONE DEL LIBRO / RECALCATI

{name=Prima_immagine, data=Ritratti del desiderio, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/504222/Recalcati_Banner-01.jpg/69c547ac-8987-433f-9432-e9d6d3c11eec?t=1524239887884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/504222/Recalcati_Banner-01.jpg/69c547ac-8987-433f-9432-e9d6d3c11eec?t=1524239887884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/recalcati-ritratti-del-desiderio, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / HUMAN RIGHTS NIGHTS FESTIVAL 2018

{name=Prima_immagine, data=HUMAN RIGHTS NIGHTS FESTIVAL 2018, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/504310/Banner+sito-01.jpg/411ebb36-3039-44cd-afa4-dc5bcd0d15d4?t=1524572996646, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/504310/Banner+sito-01.jpg/411ebb36-3039-44cd-afa4-dc5bcd0d15d4?t=1524572996646, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-rights-nights-2018, type=text, options=[]}}

MOSTRA / MAST FOUNDATION FOR PHOTOGRAPHY GRANT 2018

{name=Prima_immagine, data=MAST PHOTO GRANT, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/488114/MPG_banner-ita.jpg/565c3e3a-e8c9-46c9-aae1-c99e3aac6064?t=1517485774583, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/488114/MPG_banner-ita.jpg/565c3e3a-e8c9-46c9-aae1-c99e3aac6064?t=1517485774583, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/MASTPHOTOGRANT, type=text, options=[]}}

W Eugene Smith

W Eugene Smith
W Eugene Smith

La Fondazione MAST presenta per la prima volta in Italia una mostra interamente dedicata al fotografo americano W. Eugene Smith (1918-1978) e alla monumentale opera realizzata a partire dal 1955 a Pittsburgh, all’epoca la principale città industriale del mondo. 

Il progetto, considerato da Smith l’impresa più ambiziosa della propria carriera, segnò un momento di svolta nella sua vita professionale e personale. A trentasei anni, dopo la fama e il successo ottenuti come fotoreporter inviato di “Life” sui luoghi dei principali avvenimenti della seconda guerra mondialedecise di chiudere con i mal tollerati vincoli imposti dai media, per dedicarsi alla fotografia con totale libertà espressiva.

Il primo incarico come freelance fu la realizzazione di un centinaio di fotografie su Pittsburgh per un libro sul bicentenario della sua fondazione. La città era in pieno boom economico grazie alla crescita dell’industria siderurgica e in particolare delle acciaierie, che garantivano lavoro e attiravano operai da tutto il mondo. 

Smith rimase affascinato dalla Città dell’Acciaio, dai volti dei lavoratori, dalle strade, dalle fabbriche, dagli infiniti particolari e dalle contraddizioni del tessuto sociale di questa metropoli brulicante di vita. Si mise in cerca della vera anima della città, mosso dal desiderio di trovare l’assoluto, di essere davvero pronto e presente nei rarissimi attimi in cui la verità della vita si manifesta nelle apparenze del mondo.Pittsburgh diventò ben presto un’ossessione. Invece che per un paio di mesi, Smith continuò a fotografare per due o tre anni, restando impegnato per il resto della vita in innumerevoli tentativi di produrre, a partire dai quasi 20.000 negativi e 2.000 masterprints, il libro che avrebbe rivelato l’anima della città senza lasciare fuori nulla, un’opera senza precedenti nella storia della fotografiaL’incarico non fu mai portato a compimento e solo un numero limitato di immagini arrivò al pubblico. 

L’esposizione al MAST, a cura di Urs Stahel, propone il nucleo principale di questo lavoro magnifico e sofferto attraverso oltre 170 fotografie che compongono un ritratto grandioso e autentico di Pittsburgh e insieme dell’America degli anni cinquanta, tra luci, ombre e promesse di felicità e progresso.

La mostra è organizzata dalla Fondazione MAST in collaborazione con Carnegie Museum of Art, Pittsburgh.

Foto © W. Eugene Smith / Magnum Photos


HRN 2018

HRN 2018
HRN 2018

La Fondazione MAST ospita l’inaugurazione della XVIII edizione del Human Rights Nights Festival, rassegna di cinema, arte, musica e incontri per i diritti umani. DIS-INTEGRAZIONE è il tema di quest’anno.

 

SABATO 5 MAGGIO
ORE 20.00
MAST.AUDITORIUM

Inaugurazione della rassegna

UNTITLED / VIAGGIO SENZA FINE
di Michael Glawogger e Monika Willi, Austria/Germania, 2017, 105’

Introducono Giulia Grassilli (Direttore Human Rights Nights), Antonio Martino (Regista documentarista) e Marco Antonio Bazzocchi (Professore di Letteratura italiana contemporanea, Università di Bologna) 

Untitled. Viaggio senza fine ci accompagna in un'immersione nel mondo attraverso un viaggio tra Italia, Balcani e Africa alla ricerca dell'inaspettato. Scardinando il concetto stesso di racconto, nel dicembre del 2013 il regista Michael Glawogger decide di partire per un anno attraversando tutti i continenti senza fermarsi. Vuole filmare andando semplicemente incontro a ciò che accade e lasciandosi stupire dall'inatteso. Serendipity è l'unico concetto e l'unica regola creativa a cui attenersi. Dopo 4 mesi e 19 giorni Glawogger muore improvvisamente durante le riprese. Monika Willi, sua storica montatrice, raccoglie la sfida all'imprevisto e la continua. Regalandoci un omaggio sulla bellezza travagliata del mondo e un inno alla potenza visiva e poetica di questo regista.


 


DOMENICA 6 MAGGIO
MAST.AUDITORIUM

ORE 17.00

COMPLICIT
di
Heather White e Lynn Zhang, Cina/USA/Hong Kong, 2017, 90'

Introduce Marina Timoteo (Direttore Istituto Confucio, Università di Bologna)

Girato in 3 anni, il film segue il viaggio di Yi Yeting, operaia migrante cinese, ora attivista, che indirizza la sua lotta contro l’industria globale elettronica. Mentre affronta gli effetti di una leucemia provocata dalle condizioni in cui opera, Yi Yeting studia diritto per prepararsi a una battaglia legale contro i propri datori di lavoro. Ma la battaglia per difendere la salute di milioni di lavoratori cinesi richiede un confronto con brand multinazionali quali Apple e Samsung. Sfortunatamente, né i signori del business né il governo desiderano che questi scandali vengano denunciati. 

 

 


ORE 20.00

THE WORKERS CUP
di Adam Sobel, Regno Unito, 2017, 89’

Introduce Luca Jourdan (Professore di Antropologia, Università di Bologna)

Nei campi di lavoro in Qatar, i migranti africani e asiatici che lavorano alla costruzione delle strutture della World Cup 2022 partecipano a una loro competizione: la Workers Cup. Nel 2022, il Qatar ospiterà il più grande evento sportivo del mondo, il FIFA World Cup. Ma attualmente, lontano dalle luci dell’evento, dalle star dell’atletica e dai fans, la sfida è costruita sul lavoro di 1.6 milioni di lavoratori migranti – tra condizioni di lavoro disumane, salari minimi, alloggi malsani.
 
 

 

 


recalcati ritratti del desiderio

recalcati ritratti del desiderio
recalcati ritratti del desiderio

MERCOLEDÌ 9 MAGGIO 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM 
 

MASSIMO RECALCATI 
RITRATTI DEL DESIDERIO

L'Occidente capitalista ha prodotto una nuova forma di schiavitù: l'uomo senza desideri, condannato a conseguire un godimento schiacciato sul consumo compulsivo e perennemente insoddisfatto. Era la tesi di L'uomo senza inconscio: nel nostro tempo il desiderio rischia l'estinzione. Ma quando diciamo "desiderio" che genere di esperienza evochiamo? Massimo Recalcati indaga qui un tema chiave della dottrina di Lacan: il desiderio e i suoi enigmi. Come in una galleria di ritratti vengono raffigurati i diversi volti del desiderio umano: il desiderio invidioso, il desiderio di riconoscimento, il desiderio di "niente", il desiderio angosciante, il desiderio sessuale, il desiderio d'amore, il desiderio di morte, il desiderio dell'analista... Ne scaturisce una sintesi semplice e avvincente, che può essere considerata l'introduzione più efficace e più leggibile al pensiero di Lacan. Con una nuova prefazione dell'autore e dieci fotografie di Giancarlo Fabbi.

In collaborazione con Librerie Coop, Raffaello Cortina Editore


Talk / Leggere e pensare la fotografia

{name=Prima_immagine, data=Leggere e pensare la fotografia, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/501925/Banner+sito-01.jpg/985fd75d-a558-49a5-b56c-75abb3d338b9?t=1522244367159, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/501925/Banner+sito-01.jpg/985fd75d-a558-49a5-b56c-75abb3d338b9?t=1522244367159, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/leggere-e-pensare-la-fotografia, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / THE ILLUSIONISTS - AGATHE CLÉRY

{name=Prima_immagine, data=The illusionists, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502442/Banner+sito-01.jpg/1a85385b-32be-4152-a8ee-48a08c206e42?t=1522342281246, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502442/Banner+sito-02.jpg/6173e4f1-16de-4c25-96a7-7fa2652f8196?t=1522342298746, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/illusionisti-clery, type=text, options=[]}}

Proiezione / The women

{name=Prima_immagine, data=the women, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502328/Banner+sito-01.jpg/474214b4-a785-4392-b2c0-c41aad034bf1?t=1522342229887, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502328/Banner+sito-01.jpg/474214b4-a785-4392-b2c0-c41aad034bf1?t=1522342229887, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/the-women, type=text, options=[]}}

TALK / IL NIDO DELLE IDEE

{name=Prima_immagine, data=NIDO DELLE IDEE, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/483758/NIDO+IDEE_ita.jpg/9febe204-943c-46ce-a93a-354232b5d920?t=1514982230928, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/483758/NIDO+IDEE_ita.jpg/9febe204-943c-46ce-a93a-354232b5d920?t=1514982230928, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/nido-delle-idee-2018, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / LE MONDE SELON MONSANTO

{name=Prima_immagine, data=monsanto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502233/Banner+sito-01.jpg/02a3f740-d6f1-40f8-a88f-2e1c5cf807c7?t=1522342156331, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502233/Banner+sito-01.jpg/02a3f740-d6f1-40f8-a88f-2e1c5cf807c7?t=1522342156331, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/le-monde-selon-monsanto, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / FUOCOAMMARE

{name=Prima_immagine, data=fuocoammare, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502025/Banner+sito-01.jpg/c660c026-10f0-4dec-bcba-ad737ba0ba77?t=1522342054631, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502025/Banner+sito-01.jpg/c660c026-10f0-4dec-bcba-ad737ba0ba77?t=1522342054631, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/fuocoammare, type=text, options=[]}}

Illusionisti Clery

Illusionisti Clery
Illusionisti Clery

DOMENICA 15 APRILE 2018

MAST.AUDITORIUM


ORE 17


THE ILLUSIONISTS
di Elena Rossini, Italia, 2016, 85’

 

Inotroduce ELENA ROSSINI

Dall’Università di Harvard alle sale del museo del Louvre, passando per lo studio di un chirurgo estetico di Beirut, fino al cuore del distretto elettrico di Tokyo, The Illusionists esplora come il corpo sia diventato oggi “il miglior oggetto di consumo”.

Attraverso la pubblicità ed i mass media le industrie multi miliardarie, soprattutto nel settore cosmetico, della moda, della dietetica e della chirurgia estetica, riempiono le nostre vite con immagini di una bellezza idealizzata e inarrivabile, di un corpo che non esiste realmente in natura e può essere ottenuto solo attraverso la chirurgia estetica o il foto ritocco. La bellezza perfetta viene mostrata ovunque: nei cartelloni pubblicitari per le strade, nei quotidiani, nelle riviste, in TV, nei film, come anche nei videogiochi e nella pornografia. L’enorme quantità di queste immagini rende impossibile non esserne influenzati. The Illusionists esplora questi temi attraverso le testimonianze di sociologi, politici, editori, scienziati, artisti e attivisti in Nord America, Europa, Medio Oriente ed Asia.

v.o. in inglese con sottotitoli in italiano

 

ORE 20


AGATHE CLÉRY 
di Etienne Chatiliez, Francia, 2008, 113’

 

Agathe Cléry è una moderna donna in carriera, il suo ruolo di direttrice del marketing di un'azienda cosmetica, la appaga totalmente, anche se viene accusata, giustamente, dai suoi collaboratori di razzismo e snobismo. La sua vita cambia radicalmente quando viene colpita dalla malattia di Addison, una patologia rarissima che cambia la pigmentazione della sua pelle...

Il film di Etienne Chatiliez, che avrebbe potuto essere un pamphlet didattico sulla pericolosità degli atteggiamenti razzisti, traduce invece la legge del contrappasso in una commedia divertente. I siparietti cantati in cui, sfruttando qualsiasi tipo di base musicale compreso un canto natalizio, i personaggi sottolineano le tappe della progressiva discesa agli inferi della protagonista, diventano quasi songs brechtiani, interrompendo la verosimiglianza dell'azione ma, al contempo, facendola procedere speditamente. Il regista francese si dimostra abile nel portare sullo schermo una tematica complessa sotto la veste di un intrattenimento intelligente.

v.o. in francese con sottotitoli in italiano


 

Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna


The women

The women
The women

SABATO 14 APRILE 2018

ORE 20

MAST.AUDITORIUM


THE WOMEN
di George Cukor, USA, 1939, 132’

 

Introduce MARCO ANTONIO BAZZOCCHI, Università di Bologna

Nel mondo tutto al femminile nella buona società newyorkese descritto da George Cukor, Mrs. Stephen Haines è una bella signora che vive felice e appagata, dedita alla famiglia – al marito e alla figlioletta. Le sue amiche passano da un divorzio all'altro o, quando va bene, si dedicano a generare eredi. Mary si crogiola nella sua vita ritirata e felice. Fin quando non segue il consiglio di un'amica che le suggerisce di andare a farsi le unghie in un salone di bellezza da una manicure ben precisa. Quest’ultima è la pettegola del salone e, davanti alla nuova cliente, sfoggia tutto il suo repertorio di gossip. Uno di questi riguarda una sofisticata commessa che lavora in un negozio di profumi e che ha accalappiato un ricco signore dell'alta società. Con orrore, Mary scopre che si sta parlando di suo marito Stephen...
È soprattutto a questo film, recitato da un cast ricchissimo di stelle, che Cukor deve la sua fama di "regista delle donne". Ma, paradossalmente, il fatto di non mostrare mai gli uomini ne conferma il potere: tutto ruota attorno al maschio/marito, presidio da difendere o preda da conquistare, in una lotta dove un pettegolezzo acido o il colore di uno smalto (in una pellicola in bianco e nero!) sostituiscono sciabole e pugni.


v.o. in inglese con sottotitoli in italiano

Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna

 


Monsanto

monsanto
monsanto

DOMENICA 8 APRILE 2018

ORE 20

MAST.AUDITORIUM


LE MONDE SELON MONSANTO
di Marie-Monique Robin, Francia, 2008, 108’ 


 

La coraggiosa inchiesta cinematografica di Marie-Monique Robin rivela la storia, le azioni e gli interessi di Monsanto, principale produttore mondiale di Organismi Geneticamente Modificati (OGM) e una delle aziende più controverse della storia industriale. Dalla sua fondazione nel 1901, nel corso degli anni, la multinazionale di Saint Louis, nata come industria chimica, è stata accusata di negligenza, frode, attentato a persone e cose, disastro ecologico e sanitario, utilizzo di prove false. Eppure oggi questo gigante della biotecnologia che si pubblicizza come azienda “della scienza della vita", grazie ad una comunicazione ingannevole, pressioni e corruzioni, rapporti di collusione con i vertici politici e amministrativi USA, continua indisturbato a esportare e imporre in tutto il mondo il modello dell'agricoltura transgenica. Un impero industriale con sedi in quarantasei paesi e un fatturato annuo di 7,5 miliardi, che ha coperto in colture OGM quasi 100 milioni di ettari tra Stati Uniti, Argentina, Brasile, Canada, India, Cina, Paraguay, Sudafrica, Spagna, Romania. Il docu-film di Marie-Monique Robin far luce sulla reale portata dell’operato di questa potentissima multinazionale e sulle conseguenze sanitarie e ambientali degli OGM.

versione doppiata in italiano

Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna

Per registrarsi,
cliccare qui


Fuocoammare

Fuocoammare
Fuocoammare

SABATO 7 APRILE 2018
ORE 20.00

MAST.AUDITORIUM

 

 

FUOCOAMMARE

di Gianfranco RosiItalia/Francia, 2016, 107’

 

Introduce ANDREA MORINI, Cineteca di Bologna


Dopo Sacro Gra, vincitore del Leone d’oro a Venezia nel 2013, il regista Gianfranco Rosi va a Lampedusa, nell’epicentro del clamore mediatico, per cercare, dove sembrerebbe non esserci più, l’invisibile e le sue storie. Seguendo il suo metodo di totale immersione, Rosi si trasferisce per più di un anno sull’isola, raccontando i diversi destini di chi sull’isola ci abita da sempre, i lampedusani, e chi ci arriva per andare altrove, i migranti.

Da questa immersione nasce Fuocoammare, Orso d’oro al Festival di Berlino nel 2016. Racconta di Samuele, che ha 12 anni, va a scuola, ama tirare con la fionda e andare a caccia. Gli piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini, donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola. Ma non è un’isola come le altre, è Lampedusa, approdo negli ultimi 20 anni di migliaia di migranti in cerca di libertà. Samuele e i lampedusani sono i testimoni a volte inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi. 

Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna.


Leggere e pensare la fotografia

Leggere e pensare la fotografia
Leggere e pensare la fotografia

MERCOLEDÌ 4 APRILE 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

CLAUDIO MARRA
ROLAND BARTHES, LA CAMERA CHIARA

Roland Barthes (1915-1980), tra i maggiori intellettuali europei del secondo Novecento, autore di riflessioni seminali nei campi della critica letteraria, della semiologia, della retorica antica, dell’analisi della cultura di massa, con incarichi prestigiosi di insegnamento all'Écolè des hautes Étude en Sciences Sociales e al Collège de France, rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per una riflessione teorica sulla fotografia. Già autore nel 1961 del saggio pionieristico Il messaggio fotografico, nel 1980 dà alle stampe La camera chiara, che esce contemporaneamente in Francia e in Italia e sconvolge il modo di pensare la fotografia e di riflettere sulla sua identità. A partire da un titolo suggestivo e in parte misterioso, tanto da essere stato spesso male interpretato, Barthes ci introduce in una dimensione affettiva della fotografia, a partire dal proprio amore per le immagini, per quelle dei grandi autori ma anche per quelle dell’album di famiglia. Il risultato è un’analisi affascinante e molto personale, capace tuttavia di far emergere gli snodi teorici fondamentali di un mezzo che ormai invade in modo totale e permanente la nostra vita.

 

GIOVEDÌ 12 APRILE 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

FEDERICA MUZZARELLI
SUSAN SONTAG, SULLA FOTOGRAFIA

Nel 1977 viene data alle stampe una raccolta di scritti di Susan Sontag (1933-2004), studiosa, scrittrice e attivista femminista americana. Tradotti in italiano l’anno successivo, quegli scritti divengono subito un classico per chiunque s’interessi, legga e si appassioni di fotografia. Il segreto della fortuna e della fama del libro risiede forse anche nella sua natura ibrida. Nei sei saggi che lo compongono, infatti, Susan Sontag lavora per illuminazioni e continue, affascinanti, citazioni dal cinema, dalla letteratura, dall’arte, alimentandole attraverso una costante contestualizzazione delle vicende della fotografia con la politica, la storia, la cultura, la comunicazione. Costruito come un susseguirsi di spunti, riflessioni e sollecitazioni, offerti con un andamento rapsodico che non abbandona il lettore fino alla fine del testo, Sulla fotografia coinvolge il lettore attraverso un apparato ricchissimo di definizioni spesso folgoranti che, se pure hanno nell’America e nella fotografia americana il principale palcoscenico, si rivelano in grado di parlare della fotografia in tutta la sua complessa identità.

 

LUNEDÌ 16 APRILE 2018
ORE 18.30
MAST.AUDITORIUM

CLAUDIO MARRA
WALTER BENJAMIN, PICCOLA STORIA DELLA FOTOGRAFIA

Nel 1931 Walter Benjamin (1892-1940), uno dei massimi filosofi del Novecento, critico letterario e scrittore, pubblica sulla rivista tedesca Il mondo letterario un testo intitolato Piccola storia della fotografia. Gli ultimi anni venti erano stati un periodo di forte vivacità per la fotografia in Germania. Nel 1928 era stata inserita per la prima volta, come materia di insegnamento, nella scuola di design Bauhaus. Nel 1929 si era inaugurata a Stoccarda la grande mostra Film und Foto, nella quale la fotografia veniva presentata in tutti suoi sviluppi: artistici, comunicativi e di applicazione comune. Il testo di Benjamin rappresenta il primo tentativo di inquadramento storico-teorico di un fenomeno culturale complesso e ramificato, ormai fondamentale nella caratterizzazione della modernità. Le sue pagine ripercorrono le tappe fondamentali della vicenda fotografica con riferimenti all'evoluzione tecnica, ai rapporti con la pittura, alle ricadute socio-antropologiche, con un'acutezza di riflessione che travalica il contesto storico di origine rendendo ancor oggi questo testo una lettura fondamentale per comprendere il ruolo assunto dalla fotografia nella nostra cultura.

 

Claudio Marra è Professore Ordinario di Storia della fotografia presso l'Università di Bologna.

Federica Muzzarelli è Professore Associato di Fotografia e cultura visuale presso l’Università di Bologna-Campus di Rimini.


Proiezione / Strada provinciale delle anime

{name=Prima_immagine, data=Strada provinciale delle anime, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/495379/Banner+sito-01.jpg/8097e1cf-4cd9-47f4-883e-917b59ccf7d1?t=1520445226319, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/495379/Banner+sito-01.jpg/8097e1cf-4cd9-47f4-883e-917b59ccf7d1?t=1520445226319, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/strada-provinciale-delle-anime, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / HUMAN FLOW

{name=Prima_immagine, data=Human Flow, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/495183/Human+Flow_ITA.jpg/89ca0715-34b0-43ff-8629-171d4383c3e7?t=1520358538658, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/495183/Human+Flow_ITA.jpg/89ca0715-34b0-43ff-8629-171d4383c3e7?t=1520358538658, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-flow-ai-weiwei, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / FUTURE FILM KIDS

{name=Prima_immagine, data=FFK, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/477690/FFK_17_18_Banner_ITA/8b232d9b-8d20-4025-9659-780b7a8fd823?t=1511287748532, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/477690/FFK_17_18_Banner_ITA/8b232d9b-8d20-4025-9659-780b7a8fd823?t=1511287748532, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/futurefilmkids1718, type=text, options=[]}}

Proiezione / Francesco a Cuba

{name=Prima_immagine, data=Francesco a Cuba, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/494455/Francesco+a+Cuba_banner_ita.jpg/6c27f428-6f15-4b28-8d79-46e5fa6b986c?t=1520452566893, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/494455/Francesco+a+Cuba_banner_ita.jpg/6c27f428-6f15-4b28-8d79-46e5fa6b986c?t=1520452566893, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/francesco-a-cuba, type=text, options=[]}}

Strada provinciale

Strada provinciale
Strada provinciale

SABATO 24 MARZO 2018
ORE 20.00

MAST.AUDITORIUM

 

 

STRADA PROVINCIALE DELLE ANIME

di Gianni Celati, Italia, 1991, 58’

 

Introduce ERMANNO CAVAZZONI

Nel 1991 Angelo Guglielmi, direttore di Rai3, chiede allo scrittore Gianni Celati di girare un film sul Delta del Po, un’opera a metà strada tra il diario di viaggio e il reportage nell’area che fa da sfondo a uno dei suoi ultimi libri di racconti, Verso la foce. Celati carica quindi tutti i suoi parenti di Ferrara e gli amici su un autobus e li porta in giro per la Bassa, fino alle foci del Po. Dietro il pullman c’è l’auto della troupe e anche Luigi Ghirri che scatta le cosiddette foto di scena. Ne scaturisce Strada provinciale delle anime, un documentario, ma anche un racconto sul racconto, cronaca di viaggio, storia in trasferta, superficie di appunti visivi, che tanto deve alla fotografia di Ghirri stesso e anche alle passate esperienze di viaggio dello scrittore emiliano. Un film inclassificabile, che è un concentrato di memoria dei suoi libri scritti lungo la Pianura Padana, ma anche dei film dei suoi registi preferiti, da Rossellini ad Antonioni, un’opera impura che col passare del tempo è cresciuta sino a diventare un incunabolo di un nuovo modo di narrare con la macchina da presa. Celati ne è il regista e il Virgilio che accompagna, un poco discosto, i suoi sodali attraverso i luoghi che ama, e intanto imbastisce piccole storie con le immagini e con le parole. 


 

GENTE DEL PO

di Michelangelo Antonioni, Italia, 1943/1947, 9'

 

Primo documentario di Michelangelo Antonioni sulla dura vita degli abitanti di Porto Tolle sul Po. Pescatori, contadini, donne e uomini colti nelle loro azioni quotidiane con grande attenzione all’ambiente in cui vivono. Ed è proprio questo il nodo del film: la centralità dell’ambiente e delle sue caratteristiche sono determinanti per le evoluzioni dei personaggi. Uno sguardo nuovo per il cinema italiano dell’epoca, un’anticipazione di alcuni elementi del neorealismo ma anche dell’intero cinema del regista ferrarese. Il film, iniziato nel 1943, per lo scoppio della guerra verrà concluso nel 1947. “Appena mi fu possibile tornai in quei luoghi con una macchina da presa. Così è nato Gente del Po. Tutto quello che ho fatto dopo, buono o cattivo che sia, parte di lì” (Michelangelo Antonioni).

 

Proiezione in collaborazione con:

 


 

Rassegna in collaborazione con la Cineteca di Bologna


 


Aggregatore Risorse

WORKSHOP, TALK, PROIEZIONI / ARCHIVIO APERTO

{name=Prima_immagine, data=ARCHIVIOAPERTO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538261/Prelinger_Banner-01.jpg/4e97acf3-39ba-4b48-8376-07689a1e3f3b?t=1540923070696, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538261/Prelinger_Banner-01.jpg/4e97acf3-39ba-4b48-8376-07689a1e3f3b?t=1540923070696, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/archivio-aperto, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE EDITORIALE / MANCUSO

{name=Prima_immagine, data=MANCUSO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-06.jpg/caaacb55-0d55-493b-9f38-0356b8d9009a?t=1540403175875, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-06.jpg/caaacb55-0d55-493b-9f38-0356b8d9009a?t=1540403175875, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/mancuso, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONI EDITORIALI / DIONIGI

{name=Prima_immagine, data=DIONIGI, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-03.jpg/4da62340-9ceb-4447-b002-478b30551ba7?t=1540403175176, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-03.jpg/4da62340-9ceb-4447-b002-478b30551ba7?t=1540403175176, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/dionigi, type=text, options=[]}}

TALK / HOWARD GARDNER

{name=Prima_immagine, data=GARDNER, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-01.jpg/e7686156-ee99-43d2-917b-3f11f4ec5a4c?t=1540403174757, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/538424/Wall_Banner-01.jpg/e7686156-ee99-43d2-917b-3f11f4ec5a4c?t=1540403174757, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/howard-gardner, type=text, options=[]}}

CONVEGNO / MUSICA PRESTO

{name=Prima_immagine, data=MusicaPresto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/529367/Musica+Presto_Banner-01.jpg/1d420798-58df-4025-98c6-1513bedf9e02?t=1539179383956, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/529367/Musica+Presto_Banner-01.jpg/1d420798-58df-4025-98c6-1513bedf9e02?t=1539179383956, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/musica-presto, type=text, options=[]}}

TALK / MARTIN PARR

{name=Prima_immagine, data=MartinParr, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/528375/PARR_Banner-03.jpg/372fa9c7-1a41-48ae-b387-96f0a8f1b1b8?t=1538757365358, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/528375/PARR_Banner-03.jpg/372fa9c7-1a41-48ae-b387-96f0a8f1b1b8?t=1538757365358, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/martin-parr, type=text, options=[]}}

TALK / JEFF WALL

{name=Prima_immagine, data=Jeff Wall, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/528370/Wall_Banner-01.jpg/4ed61959-7408-4bb2-8abe-e3a2834b6a28?t=1538757341444, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/528370/Wall_Banner-01.jpg/4ed61959-7408-4bb2-8abe-e3a2834b6a28?t=1538757341444, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/jeff-wall, type=text, options=[]}}

TALK / REMO BODEI

{name=Prima_immagine, data=Remo Bodei, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/526460/BODEI_Banner-01.jpg/77ef20da-b569-4a4f-b72f-f1a486d5912f?t=1538503431812, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/526460/BODEI_Banner-01.jpg/77ef20da-b569-4a4f-b72f-f1a486d5912f?t=1538503431812, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/bodei, type=text, options=[]}}

MOSTRA / USA'68. DISORDINI E SOGNI

{name=Prima_immagine, data=USA68, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514348/USA68_Banner-01.jpg/c41a4dab-d144-4688-a1f6-e34202b8282c?t=1539102252871, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514348/USA68_Banner-01.jpg/c41a4dab-d144-4688-a1f6-e34202b8282c?t=1539102252871, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/usa68, type=text, options=[]}}

Proiezioni / La stagione del sessantotto

{name=Prima_immagine, data=68, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/520869/Jazz+68_Banner3-02.jpg/45680cc7-fe9d-477a-b37e-3055175c5f8c?t=1538995430618, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/520869/Jazz+68_Banner3-02.jpg/45680cc7-fe9d-477a-b37e-3055175c5f8c?t=1538995430618, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/la-stagione-del-sessantotto, type=text, options=[]}}

MOSTRA / W. EUGENE SMITH

{name=Prima_immagine, data=WES, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/506837/WES_Banner-01.jpg/e75a9865-624e-4275-94cd-46f3fa4c1d76?t=1536944527287, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/506837/WES_Banner-01.jpg/e75a9865-624e-4275-94cd-46f3fa4c1d76?t=1536944527287, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/w.-eugene-smith, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / JAZZ MOVIES

{name=Prima_immagine, data=Jazz movies, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/520789/Banner+sito-01.jpg/f1b960e3-9a61-46e1-adac-d0896306534c?t=1535018986737, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/520789/Banner+sito-01.jpg/f1b960e3-9a61-46e1-adac-d0896306534c?t=1535018986737, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/rassegna-jazz-movies, type=text, options=[]}}

MOSTRE / FAVOLE DI LUCE - NINO MIGLIORI E I BAMBINI DEL NIDO SCUOLA MAST

{name=Prima_immagine, data=Favolediluce, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514065/FL_Banner_ita.jpg/8febafca-71d7-4d8b-8e1d-720eb3ebc687?t=1528134002706, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514065/FL_Banner_ita.jpg/8febafca-71d7-4d8b-8e1d-720eb3ebc687?t=1528134002706, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/favole-di-luce, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / TEJU COLE

{name=Prima_immagine, data=TejuCole, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516672/Banner+sito-01.jpg/82c06c11-b226-479f-b819-b49908d8f7bc?t=1529405596858, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516672/Banner+sito-01.jpg/82c06c11-b226-479f-b819-b49908d8f7bc?t=1529405596858, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/teju-cole, type=text, options=[]}}

TALK / DAN LEERS

{name=Prima_immagine, data=Dan Leers, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516667/Banner+sito-01.jpg/0b56d798-166c-4fce-8231-74630fbf30ca?t=1529427704501, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516667/Banner+sito-01.jpg/0b56d798-166c-4fce-8231-74630fbf30ca?t=1529427704501, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/dan-leers, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / CAPOLAVORI DELLA FOTOGRAFIA INDUSTRIALE

{name=Prima_immagine, data=Annuario, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/516593/Banner+sito-01.jpg/a2f2a91e-fe92-4475-b3da-b35413bdd6ef?t=1529318784103, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/516593/Banner+sito-01.jpg/a2f2a91e-fe92-4475-b3da-b35413bdd6ef?t=1529318784103, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/capolavori-della-fotografia-industriale-2016, type=text, options=[]}}

WORKSHOP / ILLUSTRARE LE IDEE

{name=Prima_immagine, data=Illustrare le idee, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/514715/Banner+sito-01.jpg/fa3b8c93-2e39-4b95-aee4-a70fb3883e53?t=1528295838821, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/514715/Banner+sito-01.jpg/fa3b8c93-2e39-4b95-aee4-a70fb3883e53?t=1528295838821, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.repubblica.it/la-repubblica-delle-idee/bologna2018/2018/05/25/news/i_workshop_di_repidee_2018-197334608/, type=text, options=[]}}

TALK / SAM STEPHENSON

{name=Prima_immagine, data=Sam Stephenson, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/513776/Banner-sito-01.jpg/7c558f1b-809e-4302-a13b-af0c2e1607ca?t=1528054606351, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/513776/Banner-sito-01.jpg/7c558f1b-809e-4302-a13b-af0c2e1607ca?t=1528054606351, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/sam-stephenson, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / FUTURE FILM FESTIVAL

{name=Prima_immagine, data=FFF, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/511215/FutureFilm_Banner-01.jpg/2c9973b1-6291-48ab-858e-6853879fa180?t=1526574165579, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/511215/FutureFilm_Banner-01.jpg/2c9973b1-6291-48ab-858e-6853879fa180?t=1526574165579, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/future-film-festival-2018, type=text, options=[]}}

PRESENTAZIONE DEL LIBRO / RECALCATI

{name=Prima_immagine, data=Ritratti del desiderio, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/504222/Recalcati_Banner-01.jpg/69c547ac-8987-433f-9432-e9d6d3c11eec?t=1524239887884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/504222/Recalcati_Banner-01.jpg/69c547ac-8987-433f-9432-e9d6d3c11eec?t=1524239887884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/recalcati-ritratti-del-desiderio, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / HUMAN RIGHTS NIGHTS FESTIVAL 2018

{name=Prima_immagine, data=HUMAN RIGHTS NIGHTS FESTIVAL 2018, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/504310/Banner+sito-01.jpg/411ebb36-3039-44cd-afa4-dc5bcd0d15d4?t=1524572996646, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/504310/Banner+sito-01.jpg/411ebb36-3039-44cd-afa4-dc5bcd0d15d4?t=1524572996646, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-rights-nights-2018, type=text, options=[]}}

MOSTRA / MAST FOUNDATION FOR PHOTOGRAPHY GRANT 2018

{name=Prima_immagine, data=MAST PHOTO GRANT, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/488114/MPG_banner-ita.jpg/565c3e3a-e8c9-46c9-aae1-c99e3aac6064?t=1517485774583, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/488114/MPG_banner-ita.jpg/565c3e3a-e8c9-46c9-aae1-c99e3aac6064?t=1517485774583, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/MASTPHOTOGRANT, type=text, options=[]}}

Talk / Leggere e pensare la fotografia

{name=Prima_immagine, data=Leggere e pensare la fotografia, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/501925/Banner+sito-01.jpg/985fd75d-a558-49a5-b56c-75abb3d338b9?t=1522244367159, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/501925/Banner+sito-01.jpg/985fd75d-a558-49a5-b56c-75abb3d338b9?t=1522244367159, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/leggere-e-pensare-la-fotografia, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / THE ILLUSIONISTS - AGATHE CLÉRY

{name=Prima_immagine, data=The illusionists, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502442/Banner+sito-01.jpg/1a85385b-32be-4152-a8ee-48a08c206e42?t=1522342281246, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502442/Banner+sito-02.jpg/6173e4f1-16de-4c25-96a7-7fa2652f8196?t=1522342298746, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/illusionisti-clery, type=text, options=[]}}

Proiezione / The women

{name=Prima_immagine, data=the women, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502328/Banner+sito-01.jpg/474214b4-a785-4392-b2c0-c41aad034bf1?t=1522342229887, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502328/Banner+sito-01.jpg/474214b4-a785-4392-b2c0-c41aad034bf1?t=1522342229887, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/the-women, type=text, options=[]}}

TALK / IL NIDO DELLE IDEE

{name=Prima_immagine, data=NIDO DELLE IDEE, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/483758/NIDO+IDEE_ita.jpg/9febe204-943c-46ce-a93a-354232b5d920?t=1514982230928, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/483758/NIDO+IDEE_ita.jpg/9febe204-943c-46ce-a93a-354232b5d920?t=1514982230928, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/nido-delle-idee-2018, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / LE MONDE SELON MONSANTO

{name=Prima_immagine, data=monsanto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502233/Banner+sito-01.jpg/02a3f740-d6f1-40f8-a88f-2e1c5cf807c7?t=1522342156331, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502233/Banner+sito-01.jpg/02a3f740-d6f1-40f8-a88f-2e1c5cf807c7?t=1522342156331, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/le-monde-selon-monsanto, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / FUOCOAMMARE

{name=Prima_immagine, data=fuocoammare, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/502025/Banner+sito-01.jpg/c660c026-10f0-4dec-bcba-ad737ba0ba77?t=1522342054631, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/502025/Banner+sito-01.jpg/c660c026-10f0-4dec-bcba-ad737ba0ba77?t=1522342054631, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/fuocoammare, type=text, options=[]}}

Proiezione / Strada provinciale delle anime

{name=Prima_immagine, data=Strada provinciale delle anime, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/495379/Banner+sito-01.jpg/8097e1cf-4cd9-47f4-883e-917b59ccf7d1?t=1520445226319, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/495379/Banner+sito-01.jpg/8097e1cf-4cd9-47f4-883e-917b59ccf7d1?t=1520445226319, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/strada-provinciale-delle-anime, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / HUMAN FLOW

{name=Prima_immagine, data=Human Flow, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/495183/Human+Flow_ITA.jpg/89ca0715-34b0-43ff-8629-171d4383c3e7?t=1520358538658, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/495183/Human+Flow_ITA.jpg/89ca0715-34b0-43ff-8629-171d4383c3e7?t=1520358538658, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-flow-ai-weiwei, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / FUTURE FILM KIDS

{name=Prima_immagine, data=FFK, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/477690/FFK_17_18_Banner_ITA/8b232d9b-8d20-4025-9659-780b7a8fd823?t=1511287748532, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/477690/FFK_17_18_Banner_ITA/8b232d9b-8d20-4025-9659-780b7a8fd823?t=1511287748532, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/futurefilmkids1718, type=text, options=[]}}

Proiezione / Francesco a Cuba

{name=Prima_immagine, data=Francesco a Cuba, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/494455/Francesco+a+Cuba_banner_ita.jpg/6c27f428-6f15-4b28-8d79-46e5fa6b986c?t=1520452566893, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/494455/Francesco+a+Cuba_banner_ita.jpg/6c27f428-6f15-4b28-8d79-46e5fa6b986c?t=1520452566893, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/francesco-a-cuba, type=text, options=[]}}

Talk / Paul Graham

{name=Prima_immagine, data=Paul Graham, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/491662/Graham_ita.jpg/fcd43d6b-8aae-4c9e-93db-2688fa58dbdb?t=1518542760884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/491662/Graham_ita.jpg/fcd43d6b-8aae-4c9e-93db-2688fa58dbdb?t=1518542760884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/paul-graham, type=text, options=[]}}

Proiezione / Il risveglio del fiume segreto

{name=Prima_immagine, data=Il risveglio del fiume, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/492161/Il+risveglio+del+fiume+segreto_ita.jpg/3bb62db3-6621-44b7-83f8-8b8dda3a28ad?t=1518539044647, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/492161/Il+risveglio+del+fiume+segreto_ita.jpg/3bb62db3-6621-44b7-83f8-8b8dda3a28ad?t=1518539044647, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/il-risveglio-del-fiume-segreto, type=text, options=[]}}

Talk / David Camapany

{name=Prima_immagine, data=David Camapany, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/491610/Campany-01.jpg/5092b2bc-90df-4702-ac30-046019f90819?t=1518542449454, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/491610/Campany-01.jpg/5092b2bc-90df-4702-ac30-046019f90819?t=1518542449454, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/DAVID-CAMPANY, type=text, options=[]}}

Mostra / Anish Kapoor

{name=Prima_immagine, data=Anish Kapoor, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/468776/AK_BANNER+_ITA/ca1aa2c5-481b-4dbf-a5dd-fa43200b0f27?t=1517411286882, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/468776/AK_BANNER+_ITA/ca1aa2c5-481b-4dbf-a5dd-fa43200b0f27?t=1517411286882, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/anishkapoor, type=text, options=[]}}

Proiezione / Ma l'amore c'entra?

{name=Prima_immagine, data=malamore, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/490589/Lodoli_banner-01.jpg/815a88ce-1f4b-42d1-a294-a5888dfcf3e1?t=1517936715942, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/490589/Lodoli_banner-01.jpg/815a88ce-1f4b-42d1-a294-a5888dfcf3e1?t=1517936715942, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/ma-l-amore-c-entra-?, type=text, options=[]}}

PROIEZIONE / MANIFESTO

{name=Prima_immagine, data=manifesto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/483518/Manifesto_Proiezioni-ita.jpg/38117eff-07cf-4a62-b071-658e65f2bb0f?t=1515059025118, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/483518/Manifesto_Proiezioni-ita.jpg/38117eff-07cf-4a62-b071-658e65f2bb0f?t=1515059025118, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/manifesto, type=text, options=[]}}

MOSTRA / THOMAS RUFF

{name=Prima_immagine, data=thomasruff, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/467645/TR_Banner_post_ITA/aa7371ee-edb8-4d69-974d-655cf72da81e?t=1512641756648, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/467645/TR_Banner_post_ITA/aa7371ee-edb8-4d69-974d-655cf72da81e?t=1512641756648, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/THOMASRUFF, type=text, options=[]}}

Proiezione / Rosignano Solvay

{name=Prima_immagine, data=Rosignano, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/482989/Rosignano_Proiezioni-ita.jpg/86d74365-576b-4a73-927d-e3556520b81d?t=1513875296247, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/482989/Rosignano_Proiezioni-ita.jpg/86d74365-576b-4a73-927d-e3556520b81d?t=1513875296247, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/rosignano-solvay, type=text, options=[]}}

TALK / Broomberg&Chanarin

{name=Prima_immagine, data=Broomberg, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/478799/B%26C_Talk_Banner-01.jpg/3a133914-1e80-4168-9047-4421ff7fdb64?t=1512059154658, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/478799/B%26C_Talk_Banner-01.jpg/3a133914-1e80-4168-9047-4421ff7fdb64?t=1512059154658, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/broomberg, type=text, options=[]}}

TALK / PIETER HUGO

{name=Prima_immagine, data=Pieterhugo_banner, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/PieterHugo/42d9b75c-6b45-42e6-8dd4-3632db7d0c8c?t=1512058964740, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/PieterHugo/42d9b75c-6b45-42e6-8dd4-3632db7d0c8c?t=1512058964740, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/pieterhugo, type=text, options=[]}}

WORKSHOP / La Repubblica delle Idee

{name=Prima_immagine, data=RepdelleIdee, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/banner+Rep+delle+idee/18174ac5-b9c7-4be0-802f-12a46b0618e7?t=1512059066183, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/banner+Rep+delle+idee/18174ac5-b9c7-4be0-802f-12a46b0618e7?t=1512059066183, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/repubblica-delle-idee, type=text, options=[]}}

MOSTRA / LA FORZA DELLE IMMAGINI

{name=Prima_immagine, data=LFDI, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/393329/LFDI_banner_ita_2/c9dee9ac-9606-4a00-bef8-79e0efd23664?t=1503305882500, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/393329/LFDI_banner_ita_2/c9dee9ac-9606-4a00-bef8-79e0efd23664?t=1503305882500, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/la-forza-delle-immagini, type=text, options=[]}}

TALK / LA FORZA DELLE IMMAGINI

{name=Prima_immagine, data=BANNER, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/BANNER+ATTIVIT%C3%A0+EVENTI+IN+MOSTRA/9e3e348d-4793-4b7a-93be-c0abe9342243?t=1512059039675, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/BANNER+ATTIVIT%C3%A0+EVENTI+IN+MOSTRA/9e3e348d-4793-4b7a-93be-c0abe9342243?t=1512059039675, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org//lfdi-eventi-in-mostra, type=text, options=[]}}

LECTIO MAGISTRALIS / AMARTYA SEN

{name=Prima_immagine, data=sen, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/402028/banner+def+amartya/993ad83b-7543-4503-bc77-8422fbb477c3?t=1494602132118, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/402028/banner+def+amartya/993ad83b-7543-4503-bc77-8422fbb477c3?t=1494602132118, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/AMARTYASEN, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / HUMAN RIGHTS NIGHTS 2017

{name=Prima_immagine, data=human rights nights, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/396869/HumanRightsNights-02.jpg/49cf4516-4f85-4a92-b5b2-3877dc8b3bc6?t=1493397652202, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/396869/HumanRightsNights-02.jpg/49cf4516-4f85-4a92-b5b2-3877dc8b3bc6?t=1493397652202, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/human-rights-nights-2017, type=text, options=[]}}

MOSTRA / LAVORO IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=Lavoro in movimento, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/350421/banner-LMWM-02-ITA.jpg/9196f30b-a6b8-4916-b025-d8ec56009989?t=1484832814265, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/350421/banner-LMWM-02-ITA.jpg/9196f30b-a6b8-4916-b025-d8ec56009989?t=1484832814265, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.mast.org/lavoro-in-movimento, type=text, options=[]}}

PROIEZIONI / LAVORO IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=Lavoro in Movimento_Proiezioni, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/360068/Lavoro+in+movimento+PROIEZIONI/8e220fbf-2617-4924-9f3f-266e0a29b80b?t=1490177850209, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/360068/Lavoro+in+movimento+PROIEZIONI/8e220fbf-2617-4924-9f3f-266e0a29b80b?t=1490177850209, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/lmwm-proiezioni, type=text, options=[]}}

TALK / LAVORO IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=Lavoro in movimento Mast, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/360068/LMWM_banner_talk/161f84d6-b0e7-4fd0-8921-3aec5d8a59d0?t=1490175397796, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/360068/LMWM_banner_talk/161f84d6-b0e7-4fd0-8921-3aec5d8a59d0?t=1490175397796, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/lmwmtalk, type=text, options=[]}}

Proiezione

{name=Prima_immagine, data=Son morto che ero bambino, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/356769/SON_MORTO_slideBanner.jpeg/f4097a25-94a0-43fa-a1c1-1fc829288f35?t=1485772256115, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/356769/SON_MORTO_slideBanner.jpeg/f4097a25-94a0-43fa-a1c1-1fc829288f35?t=1485772256115, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MOSTRA / DAYANITA SINGH. MUSEUM OF MACHINES

{name=Prima_immagine, data=Dayanita Singh, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/300934/DS_HL_E3-SENZA-CLICCA-ITA.jpg/b798eb5c-e88f-471f-acee-6c826e06ac60?t=1478600234659, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/300934/DS_HL_E3-SENZA-CLICCA-ITA.jpg/b798eb5c-e88f-471f-acee-6c826e06ac60?t=1478600234659, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/dayanita-singh, type=text, options=[]}}

TALK E PROIEZIONI / DAYANITA SINGH

{name=Prima_immagine, data=Eventi in mostra, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/309359/DS_eventi+in+mostra+attivita.jpg/753f6abc-39d5-40df-b915-932a00f40d27?t=1482415577884, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/309359/DS_eventi+in+mostra+attivita.jpg/753f6abc-39d5-40df-b915-932a00f40d27?t=1482415577884, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/talk-proiezioni-singh, type=text, options=[]}}

TALK / STRUTH, RUFF

{name=Prima_immagine, data=Thomas Ruff e Thomas Struth, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/305407/HL_RUFF%2BSTRUTH_E2+copia.jpg/7bba49da-97bf-447b-afb2-e132dd28cede?t=1477072708786, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/305407/HL_RUFF%2BSTRUTH_E2+copia.jpg/7bba49da-97bf-447b-afb2-e132dd28cede?t=1477072708786, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MOSTRA / FOTOGRAFIE DELL'EMILIA-ROMAGNA AL LAVORO

{name=Prima_immagine, data=Ceramica, latte, macchine e logistica, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/259004/banner-ITA+2+agosto.jpg/7cad75f5-ee2e-47d1-9f99-ae0e75ff2415?t=1470124725513, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/259004/banner-ITA+2+agosto.jpg/7cad75f5-ee2e-47d1-9f99-ae0e75ff2415?t=1470124725513, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

La Fondazione MAST presenta le mostre dedicate al lavoro e al paesaggio dell’Emilia-Romagna con oltre 200 immagini e una trentina di volumi fotografici su ambienti, contesti e realtà della regione. I temi delle esposizioni sono valorizzati dal documentario di Francesca Zerbetto e Dario Zanasi,  Le radici dei sogni - L’Emilia-Romagna tra cinema e paesaggio.

 

Ceramica, latte, macchine e logistica – Fotografie dell'Emilia-Romagna al lavoro, curata da Urs Stahel, propone attraverso gli scatti di importanti fotografi una riflessione sullo sviluppo economico e paesaggistico che ha interessato l’Emilia-Romagna negli ultimi decenni.

Le esposizioni al MAST sviluppano il tema della Via Emilia che caratterizza la XI edizione di Fotografia Europea 2016 indirizzandolo alla rappresentazione fotografica del lavoro,  dell’industria e dell’economia, in linea con la missione primaria della Fondazione MAST.

La mostra intende creare una trama narrativa organizzata per gruppi di fotografie contrapposte “Immagini a cui è affidato il compito di raccontare – spiega Urs Stahel - come le vecchie industrie scompaiano, sostituite da nuovi impianti e sistemi produttivi ad altissimo contenuto tecnologico, come al paesaggio tradizionale e ad un territorio dal sapore antico si contrappongano le nuove aree del terziario avanzato, dei commerci, della tecnica, dell'accelerazione e come simili fenomeni siano riscontrabili, non solo nei settori dell'industria meccanica e della ceramica, ma anche in quelli della produzione alimentare e della piccola impresa.”

 

Le opere dei fotografi insieme ad alcune immagini di scena tratte dal film Il deserto rosso (1964) di Michelangelo Antonioni concorrono a creare un racconto che rappresenta fedelmente l'evoluzione economica dell'Emilia- Romagna e la trasformazione in atto nel sistema produttivo.

Si inizia con il classico ritratto di un operaio bolognese realizzato da Enrico Pasquali, seguito da immagini di dispositivi e attrezzi prodotti dalle Officine Minganti intorno alla metà del XX secolo e da macchine confezionatrici dismesse fotografate da Gabriele Basilico in uno stabilimento in fase di smantellamento e riconversione a  Bologna. William Guerrieri, nel progetto Dairy, mostra ad esempio, la dismissione di un caseificio indstriale a San Faustino, nei pressi di Rubiera, gli scatti di Paola De Pietri rappresentano la lavorazione tradizionale delle ceramiche, mentre le immagini di grande formato di Carlo Valsecchi rivelano industrie ad altissimo contenuto tecnologico. Il cambiamento dato dall’accelerazione sulle strade e nelle nuove linee ferroviarie è visibile nelle fotografie sulla costruzione della TAV, la linea ferroviaria ad alta velocità che collega Torino a Napoli, di Tim Davis, John Gossage, Walter Niedermayr e Bas Princen in contrasto con le immagini idilliache del Delta del Po realizzate da Marco Zanta. I paesaggi di Guido Guidi, piccole foto a colori, dense di significato disseminate lungo il percorso espositivo come un leitmotiv, raccontano i cambiamenti avvenuti nell'ambiente antropizzato dell'Emilia- Romagna assieme alle fotografie che Olivo Barbieri ha dedicato a Cavriago e alle code davanti alle casse dei centri commerciali, rappresentando visivamente la graduale metamorfosi subita dal paese. Il video La Via Emilia è un aeroporto di Franco Vaccari presenta l’arteria stradale che taglia la Regione sia come un’importante via di comunicazione sia come luogo di lavoro di prostitute. Lo sviluppo economico si accompagna al dibattito politico nel video di Lewis Baltz e nel reportage di Simone Donati che nel suo lavoro ha documentato i riti collettivi italiani. Il percorso espositivo include anche video di Tim Davis e William Guerrieri.


Quale side event a livello 0 del MAST verrà proiettato, in proiezione continua, il documentario Le radici dei sogni – L’Emilia-Romagna tra cinema e paesaggio (73 min.) girato nel 2015 da Francesca Zerbetto e Dario Zanasi. Il lavoro, prodotto dalla Cineteca di Bologna e MaxMan Coop, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, racconta un viaggio nei paesaggi della Regione che ha nutrito le fantasie di alcuni tra i più importanti registi del cinema italiano e internazionale.

Inoltre una esposizione di 35 volumi su ambienti, contesti e realtà dell’Emilia-Romagna, messi a disposizione da Linea di Confine, completerà il percorso.

 

Mostra a cura di Urs Stahel

 

Fondazione MAST è partner di Fotografia Europea 2016 – Reggio Emilia.

Si ringraziano la Cineteca di Bologna e Linea di Confine per la collaborazione.

 

           


PROIEZIONI / FOTOGRAFIE DELL'EMILIA-ROMAGNA AL LAVORO

{name=Prima_immagine, data=HL ciclo di proiezioni, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/290955/ciclo+23_09.jpg/493194bf-f7ee-4f3d-a2ac-a645ec37d919?t=1474638599548, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/290955/ciclo+23_09.jpg/493194bf-f7ee-4f3d-a2ac-a645ec37d919?t=1474638599548, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=/proiezioni-fotografia-emilia-romagna, type=text, options=[]}}

SGUARDI CONTEMPORANEI: INDUSTRIA E SOCIETÀ IN EMILIA-ROMAGNA

{name=Prima_immagine, data=SGUARDI CONTEMPORANEI ITA, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/267412/sguardi+contemporanei+ITA+LUGLIO.jpg/d99c4054-cd7b-4fb5-acb1-08ee8bb5c4a8?t=1467383990978, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/267412/sguardi+contemporanei+ITA+LUGLIO.jpg/d99c4054-cd7b-4fb5-acb1-08ee8bb5c4a8?t=1467383990978, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

IL FUTURO DELLA SOCIETÀ E DEL LAVORO

{name=Prima_immagine, data=IL FUTURO DELLA SOCIETÀ E DEL LAVORO, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/267148/futuro+della+societa+e+del+lavoro.jpg/79bb13ba-d46d-45c0-b0be-d7766cd175d5?t=1464183443465, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/267148/futuro+della+societa+e+del+lavoro.jpg/79bb13ba-d46d-45c0-b0be-d7766cd175d5?t=1464183443465, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

HUMAN RIGHTS NIGHTS

{name=Prima_immagine, data=HRN, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/261929/HRN/0653365f-4ab0-4b73-bfe6-406d7683cb43?t=1461919048983, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/261929/HRN/0653365f-4ab0-4b73-bfe6-406d7683cb43?t=1461919048983, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

JAKOB TUGGENER

{name=Prima_immagine, data=tuggener banner, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/231309/banner+tugg+ital2.jpg/7d3ec567-cb21-46ef-8a5a-2f6f35ea9fbe?t=1452771127975, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/231309/banner+tugg+ital2.jpg/7d3ec567-cb21-46ef-8a5a-2f6f35ea9fbe?t=1452771127975, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

La Fondazione MAST presenta due mostre dedicate al fotografo svizzero Jakob Tuggener (1904-1988), per la prima volta in Italia.

Con Jakob Tuggener si apre il ciclo di mostre fotografiche del 2016 proposte dalla Fondazione Mast che promuove speciali esposizioni sui temi dell’industria e del lavoro, sia con immagini della propria collezione di fotografia industriale, sia con opere di raccolte private o archivi spesso inediti.

“Jakob Tuggener è considerato uno dei dieci fotografi industriali di maggior spicco che siano mai esistiti -sottolinea Urs Stahel, curatore della PhotoGallery del MAST e co-curatore della mostra -.  Il suo libro FABRIK è una pietra miliare nella storia dell’editoria fotografica, paragonabile a Paris de nuit di Brassaïs del 1933 e a The English at Home di Bill Brandt del 1936”.

“Il tratto distintivo della sua opera - continua Stahel - è rappresentato da uno sguardo penetrante sulle persone e sugli oggetti del mondo così ravvicinato e attento come se volesse sorprenderli, unito a una grande padronanza del gioco di luci e ombre”.

La mostra FABRIK 1933–1953 presenta nella Photogallery del MAST oltre 150 stampe originali del lavoro di Tuggener, sia tratte dal suo importante libro fotografico FABRIK - saggio unico nel suo genere con un approccio critico di grande impatto visivo e umano sul tema del rapporto tra l’uomo e la macchina - sia da altri scatti dell’artista che affrontano momenti del lavoro nel suo paese.

“Tuggener è stato al tempo stesso fotografo, regista e pittore. Ma si considerava anzitutto un artista - afferma Martin Gasser, co-curatore della mostra -. Influenzato dal cinema espressionista tedesco degli anni Venti, sviluppò una cifra artistica estremamente poetica destinata a fare scuola nel secondo dopoguerra. FABRIK consolidò la fama di Tuggener quale eccezionale fotoartista, aprendogli le porte di prestigiose esposizioni collettive come ‘Postwar European Photography’ del 1953 e ‘The Family of Man’ del 1955 al Museum of Modern Art di New York, o la ‘Prima mostra internazionale biennale di fotografia di Venezia’ del 1957.” In FABRIK Tuggener, oltre a ripercorrere la storia dell’industrializzazione, aveva come finalità, non sempre svelata, di illustrare il potenziale distruttivo del progresso tecnico indiscriminato il cui esito, secondo l’autore, era la guerra in corso, per la quale l’industria bellica svizzera produceva indisturbata.

Le proiezioni  NUITS DE BAL 1934–1950 al livello 0 del MAST presentano immagini di balli ed altre occasioni mondane. Tuggener affascinato dall’atmosfera spumeggiante delle feste dell’alta società aveva iniziato a fotografare a Berlino le dame eleganti e i loro abiti di seta, ma è a Zurigo e a St Moritz che con la sua Leica, indossando lo smoking, ha colto le misteriose sfaccettature delle NUITS DE BAL. Riprendeva con il suo obiettivo anche “il lavoro invisibile” dei musicisti, dei camerieri, dei cuochi, dei valletti, dei maître, che attraversavano  silenti il mondo festoso ed autoreferenziale degli incuranti ospiti. Questi ultimi osteggiarono la pubblicazione del materiale dedicato ai balli, in quanto preferivano rimanere anonimi e non essere visti in intrattenimenti  danzanti.

“È stato soprattutto il contrasto tra la luminosa sala da ballo e il buio capannone industriale a caratterizzare la percezione della sua opera artistica. Il fotografo stesso, affermando: ‘Seta e macchine, questo è Tuggener’, si collocava tra questi due estremi - spiega ancora Gasser - . Di fatto amava entrambi, il lusso sfrenato e le mani sporche dal lavoro, le donne seducenti e gli operai sudati. Li riteneva di egual valore artistico e rifiutava di essere classificato come un critico della società che contrapponeva due mondi antitetici. Al contrario, gli opposti rientravano appieno nella sua concezione della vita: amava vivere intensamente gli estremi, senza tralasciare le sfumature più tenui tra i due poli”.

Accanto alle 150 immagini delle fabbriche e allo slide show del lavoro sui balli, MAST propone una raccolta di “menabò” di libri fotografici, che lo stesso Tuggener impaginava manualmente.  

Inoltre per rappresentare l’eclettismo e l’eccezionalità di questo artista, il percorso è arricchito da filmati caratterizzati da una regia dinamica e una tecnica di montaggio che deve molto alle teorie di Ejzenštejn, con passaggi dal campo totale al primo piano:

PROIEZIONI – Continue
MEETING AEREO, 1937, 6’
IL POLSO DEI TEMPI NUOVI, 1938, 12’
IL MULINO DEL LAGO, 1944, 5’
L’ERA DELLA MACCHINA, 1938-70, 30’

Mostre a cura di: Martin Gasser, Urs Stahel
Promosse da: Fondazione MAST
In collaborazione con: Fondazione Jakob Tuggener, Uster; Fondazione Svizzera per la fotografia, Winterthur.

 


Kids workshop

{name=Prima_immagine, data=Kids workshop, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/238903/box+testo+giugno+ita.jpg/71447c00-92ba-41fb-a820-c8fb92b1a3cc?t=1465460052227, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/238903/CAPANNA-HL-ita.jpg/2d00638a-18e3-4ab0-8307-6c7136499323?t=1454584647598, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

LAVORO: ISTANTANEE DI UNA CONDIZIONE IN MOVIMENTO

{name=Prima_immagine, data=ciclo incontri, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/246428/FELTRINELLI+HL+II.jpg/1cf56f7c-eafa-4982-a6d8-8ea771484ce0?t=1456747676752, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/246428/FELTRINELLI+HL+II.jpg/1cf56f7c-eafa-4982-a6d8-8ea771484ce0?t=1456747676752, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

LAVORO E PRATICHE DI CITTADINANZA
MAST.AUDITORIUM
2 MARZO 2016, 0RE 18.30
LUCA DE BIASE
IL SOLE 24 ORE
GUY STANDING
UNIVERSITY OF LONDON
URS STAHEL
CURATORE PHOTOGALLERY MAST

IL LAVORO E IL MITO DELLA REALIZZAZIONE DI SÉ
MAST.AUDITORIUM
30 MARZO 2016, ORE 18.30
STEFANO LAFFI
AGENZIA CODICI
UMBERTO GALIMBERTI
UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA

LA MACCHINA A MISURA D'UOMO. IL LAVORO DOPO LA CATENA DI MONTAGGIO
MAST.AUDITORIUM
13 APRILE 2016, ORE 18.30
UGO MORELLI
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO
STEFANO MICELLI
UNIVERSITÀ CA' FOSCARI VENEZIA


CON IL CONTRIBUTO VIDEO DI
CHIARA SARACENO
SOCIOLOGA
MODERA
MATTEO CACCIA
RADIO 2 – RAI

INGRESSO GRATUITO FINO A ESAURIMENTO POSTI CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.


HENRI CARTIER-BRESSON E JAKOB TUGGENER

{name=Prima_immagine, data=Henri Cartier-Bresson, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/256193/hcb+hl+II.jpg/82e2fd79-6b9b-478e-a850-6df91dfc607f?t=1459257421981, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/256193/hcb+hl+II.jpg/82e2fd79-6b9b-478e-a850-6df91dfc607f?t=1459257421981, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

In occasione delle mostre di Jakob Tuggener la Fondazione MAST è lieta di invitarla all’incontro 

Henri Cartier-Bresson e Jakob Tuggener. Due maestri della fotografia del XX secolo. 

Raccontati da 

Agnès Sire – “L’istante decisivo” di Henri Cartier-Bresson, un’insidia o una rivelazione? 

Martin Gasser – Fabrik del 1943 di Jakob Tuggener: composizione e significato. 

Dialogo con Urs Stahel, curatore PhotoGallery MAST 

MERCOLEDÌ 6 APRILE 2016 ORE 18.30 MAST. VIA SPERANZA 42, BOLOGNA 

Agnès Sire, direttrice della Fondazione Henri Cartier-Bresson, e Martin Gasser, curatore della Fondazione svizzera per la fotografia, presenteranno i due grandi fotografi del XX secolo che hanno posato lo sguardo su momenti fondamentali della nostra storia. Ne parleranno con Urs Stahel, curatore della PhotoGallery MAST. 

Su prenotazione sarà disponibile il parcheggio MAST con ingresso da Via Vittoria di fronte al civico 18, fino ad esaurimento dei posti. 

La partecipazione è gratuita, con prenotazione obbligatoria.

 


ANDREW MOORE: DETROIT DISASSEMBLED REVISITED

{name=Prima_immagine, data=moore, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/250249/moore+libro/6e9fbe78-9173-452d-b272-cfe556d2a715?t=1457021803002, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/250249/moore+libro/6e9fbe78-9173-452d-b272-cfe556d2a715?t=1457021803002, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

La Fondazione MAST in collaborazione con lo Spazio Damiani organizza un incontro con ANDREW MOORE che presenterà il suo lavoro fotografico, prodotto nel 2008-2009, sulle fabbriche dismesse a Detroit e la loro recente rinascita, con alcune opere degli ultimi anni. DETROIT DISASSEMBLED REVISITED, prende il titolo dal volume edito da Damiani nel 2010, "Detroit Disassembled".

Andrew Moore è un fotografo e regista americano noto al grande pubblico soprattutto per le fotografie di grande formato realizzate a Detroit, Cuba e in Russia che impiegando il linguaggio formale della fotografia di architettura e paesaggio affrontano i temi del cambiamento sociale in un'ottica documentaristica. Nel volume "Detroit Disassembled" il fotografo americano descriveva così la profonda crisi della città alla fine degli anni 2000 "si può dire che Detroit sia diventata la versione americana di una città aperta. È stata lasciata alla mercé dei teppisti, dei vandali e delle forze della natura. Ci sono centinaia, se non migliaia, di edifici vuoti: fabbriche, biblioteche, ospedali, scuole, chiese, tutti abbandonati e per lo più incustoditi". Partendo dal suo famoso progetto fotografico su Detroit, Andrew Moore, come in una vera e propria narrazione per immagini, presenterà al pubblico del MAST il declino di quella che fu la capitale dell'industria automobilistica statunitense e la sua recente rinascita, attraverso nuovi scatti.

Sarà disponibile il parcheggio MAST con ingresso da Via Vittoria di fronte al civico 18, fino ad esaurimento dei posti.

La partecipazione è gratuita, con prenotazione obbligatoria.

 
Al termine dell'incontro al MAST la serata continuerà allo Spazio Damiani per l'inaugurazione della mostra DIRT MERIDIAN ultima produzione fotografica di Andrew Moore, sui paesaggi del 100° meridiano che divide longitudinalmente gli USA tra il verde Est e il brullo Ovest. 

Spazio Damiani
Via dello Scalo, 3/2
Dalle Ore 19.00


JORGE RIBALTA: THE WORKER PHOTOGRAPHY MOVEMENT

{name=Prima_immagine, data=ribalta, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/231309/banner_ITA.2jpg.jpg/2bb22a0b-a322-4a18-9eef-e409f9b74c43?t=1454609785320, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/231309/banner_ITA.2jpg.jpg/2bb22a0b-a322-4a18-9eef-e409f9b74c43?t=1454609785320, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

In occasione  delle mostre di Jakob Tuggener la Fondazione MAST è lieta di invitarla all’incontro

JORGE RIBALTA: THE WORKER PHOTOGRAPHY MOVEMENT 

MERCOLEDI 10 FEBBRAIO 2016 ORE 18.30
MAST VIA SPERANZA, 42 BOLOGNA

Jorge Ribalta (Barcellona, 1963) è noto al nostro pubblico di visitatori per le sue immagini scattate nello stabilimento metallurgico di Can Ricart, che sono state mostrate  nel 2014 al MAST nella esposizione Capitale Umano nell’Industria e successivamente pubblicate nel volume Capolavori della fotografia industriale - Mostre 2013-2014 Fondazione MAST.
L'artista catalano, che è anche un valente curatore e critico, presenterà il movimento della fotografia operaia.
Prendendo spunto dalla grande mostra Una Luz dura, sin compasión. El movimiento de la fotografía obrera 1926-1939 (Una luce dura, senza pietà. Il Movimento della fotografia operaia, 1926-1939), da lui stesso curata nel 2011 al Reina Sofia di Madrid, Jorge Ribalta condurrà un'analisi sul periodo in cui la fotografia del ventesimo secolo ha fatto confluire la propria forza espressiva nei vari movimenti operai (dalle unioni sindacali fino alla creazione di “stati proletari” come lo Stato sovietico).  L'intento era quello di contribuire alla crescita della coscienza della classe operaia e di appropriarsi dei mezzi di produzione e riproduzione delle immagini.

Al termine dell’incontro seguirà la visita guidata con il curatore Urs Stahel alle mostre di Jakob Tuggener  allestite nella MAST.Gallery


FINALISTI CONCORSO GD4PHOTOART 2015 / DALL'ALBUM AL LIBRO FOTOGRAFICO

{name=Prima_immagine, data=Foto Industria, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_nov_ITA.jpg/f25b7e02-0014-4ead-8057-562d1fcea3bb?t=1446826462739, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_nov_ITA.jpg/f25b7e02-0014-4ead-8057-562d1fcea3bb?t=1446826462739, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

FINALISTI CONCORSO GD4PHOTOART 2015

GD4PhotoArt è una selezione biennale di giovani fotografi che ha lo scopo di documentare e sostenere l’attività di ricerca sull’immagine dell’industria, la trasformazione che essa induce nella società e nel territorio, il ruolo del lavoro per lo sviluppo economico e produttivo.
Indetto nel 2007, a partire dal 2013 il concorso è entrato a far parte di un progetto più ampio che si sviluppa all’interno di MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia), il complesso innovativo adiacente alla storica fabbrica di G.D e alla sede centrale del Gruppo Coesia a Bologna che offre vari servizi ai collaboratori e alla comunità. Le attività di MAST sono coordinate da un ente non profit, la Fondazione MAST che dal 2013 promuove il concorso assieme a G.D.
Dal 2007 a oggi, GD4PhotoArt ha contribuito alla creazione di una raccolta fotografica di artisti contemporanei che rientrano in una collezione più articolata e storica di immagini sull’industria e sul lavoro. Tutte le attività legate alla collezione hanno ora sede nello spazio dedicato a questo tema nella Gallery del MAST, dove vengono organizzate mostre nel corso dell’anno. Nell’ambito di tale specifico e originale progetto, il concorso rappresenta un’occasione per sostenere i giovani fotografi che intendono confrontarsi con l’odierna realtà sociale. In questo contesto, la Fondazione Mast promuove inoltre Foto/Industria, la prima biennale al mondo di fotografia industriale, sotto la direzione artistica di François Hébel.
Da venti, trent’anni, l’industria europea è chiamata ad affrontare una fase di profondo cambiamento che non interessa solo le imprese, ma la società nel suo complesso e noi tutti, ogni singolo individuo. La produzione viene esternalizzata, gli impianti dislocati in paesi lontani, esponendo la società al rischio di perdere in tal modo anche il know how maturato nel corso dei secoli e le strutture collettive e decisionali tipiche delle nostre realtà lavorative. Attraverso il confronto con i lavori fotografici sul mondo del lavoro, la Fondazione MAST – con la sua Photo Gallery, la collezione fotografica, il concorso GD4PhotoArt e la biennale Foto/Industria – mira a promuovere una maggiore comprensione delle realtà sociali ed economiche, a dare forza all’innovazione e a sostenere il senso di responsabilità individuale e collettivo. Le modalità di partecipazione al concorso prevedono che i fotografi, di età non superiore a quarant’anni, vengano proposti da segnalatori internazionali del settore. I candidati vengono invitati a partecipare presentando un progetto e il proprio portfolio. La giuria seleziona quattro finalisti, ognuno dei quali riceve una borsa di studio per realizzare il programma di lavoro previsto. Prima dell’inaugurazione della mostra, la giuria si riunisce nuovamente per valutare le opere e decretare il vincitore del concorso, che riceve un ulteriore premio.
Per la shortlist della quarta edizione di GD4PhotoArt sono stati selezionati:
Marc Roig Blesa, Raphaël Dallaporta, Madhuban Mitra e Manas Bhattacharya, Óscar Monzón.
Il vincitore di quest'edizione è Óscar Monzón.
La giuria dell’edizione 2013-14 di GD4PhotoArt è formata da: Isabella Seràgnoli (presidente di G.D e della Fondazione MAST), Quentin Bajac (MoMA – The Museum of Modern Art, New York), Giovanna Calvenzi (giornalista, Periodici San Paolo, Milano), Giuseppe Ciorra (Maxxi Architettura), Daniela Facchinato (fotografa), Laura Gasparini (Fototeca Panizzi, Reggio Emilia), François Hébel (direttore artistico di Foto/Industria), Michael Hoppen (gallerista, Michael Hoppen Gallery, Londra), Piero Orlandi (Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna), Urs Stahel (curatore della collezione fotografica della Fondazione MAST), Roberta Valtorta (Museo di fotografia contemporanea di Cinisello Balsamo, Milano).

   

 

DALL’ALBUM AL LIBRO FOTOGRAFICO
L’INDUSTRIA ITALIANA IN 120 VOLUMI
COLLEZIONE SAVINA PALMIERI

Prima è venuto l’album, poi l’opuscolo, infine il libro: nel corso degli ultimi cento anni, le industrie hanno fatto sempre ricorso alla stampa per sostenere e promuovere la propria attività, sia sotto forma di album, sia come dépliant e opuscolo pubblicitario o anniversary book. I 50, 100 o 150 anni di vita di un’azienda venivano spesso celebrati con sfarzose pubblicazioni rilegate sulla propria storia. Immagini e testo erano i garanti dei risultati ottenuti, del successo e della prosperità di un’impresa. Con i suoi 120 libri pubblicati da varie industrie italiane, la mostra illustra l’uso della fotografia nelle opere a stampa e, contemporaneamente, offre una panoramica sulla fotografia industriale italiana e la storia dell’industria in Italia. Le molteplici videoproiezioni delle pubblicazioni consentono inoltre al pubblico di sfogliare i libri virtualmente. Le opere esposte provengono dalla collezione milanese di Savina Palmieri.

 


Foto Industria

{name=Prima_immagine, data=fotoindustria, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_IT.jpg/964d40cd-a3d9-4014-8ce7-8fcb2dc64171?t=1444730460583, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/208678/FI15_highlight_IT.jpg/964d40cd-a3d9-4014-8ce7-8fcb2dc64171?t=1444730460583, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=http://www.fotoindustria.it, type=text, options=[]}}

industria, oggi. fotografie contemporanee dalla collezione mast

{name=Prima_immagine, data=highlight industria oggi, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/177411/highlight_IO+ITAL+2306.jpg/9b25b60d-4d78-4b47-8382-f8ebc12e2b8b?t=1435141303593, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/177411/highlight_IO+ITAL+2306.jpg/9b25b60d-4d78-4b47-8382-f8ebc12e2b8b?t=1435141303593, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MAST presenta con Industria, oggil'immagine dell'industria contemporanea negli scatti di ventiquattro artisti e fotografi moderni, proponendo una riflessione sulla rappresentazione del paesaggio industriale. 

La mostra, proposta dal curatore della collezione di fotografia industriale di MAST Urs Stahel, espone le immagini di artisti che, perdutasi l’incisività della fotografia industriale in senso classico degli anni Sessanta e Settanta del Novecento, si interessano oggi ai processi produttivi e al loro legame con la società, indagando sui rapporti di forza e sull'influenza dell'industria sull'uomo e la natura.
Olivo Barbieri, per esempio, nella sua fotografia lunga sette metri raffigurante l'interno di uno stabilimento Ferrari, mostra come i capannoni siano ormai ambienti chiari, luminosi, arredati con grandi, verdi “piante da appartamento”, ma totalmente deserti; Henrik Spohler Vincent Fournier ci guidano attraverso un mondo di dati e prodotti, un mondo sempre più invisibile in cui ormai solo i cartelli aiutano a orientarsi. Carlo Valsecchi fotografa impianti produttivi contemporanei come fossero sculture a tuttotondo di una “industrial fiction”. Trevor Paglen sembrerebbe prediligere la pura fotografia del cielo, se le molte strisce bianche non indicassero la presenza di orbite satellitari e sistemi di sorveglianza militare a elevata tecnologia. Nell'opera dal titolo “Tokamak Asdex Upgrade Interior 2”, Thomas Struth si occupa della ricerca tecnologica del Max- Planck-Institut, mentre Vera Lutter, nelle sue scure immagini stenoscopiche, continua a incentrare il proprio lavoro sull'oppressione, l'imponenza degli impianti industriali, mentre Miyako Ishiuchi documenta la centenaria produzione della seta in Giappone.
Anche nella nostra epoca postmoderna, postindustriale, altamente tecnologica, il possesso e l'uso dei mezzi di produzione e delle competenze creano molteplici disuguaglianze sociali. Se 
Jacqueline HassinkAllan Sekula Bruno Serralongue si occupano di interrogativi e differenze all’interno della società, Ad van Denderen Jim Goldberg contrappongono alle bianche fabbriche vuote le variopinte, flemmatiche correnti migratorie. Ed Burtynsky mostra dove e come vengano riciclate le grandi navi da carico, mentre la fotografia di Sebastião Salgado ricorda che, accanto agli impianti automatizzati, esistono ancora aree del mondo in cui si produce sfruttando intensamente la forza lavoro. 

SIDE EVENT DELLA MOSTRA: proiezione di “...Stromness...” (durata 12’) realizzato nel 2005 da Simon Faithfull, che descrive la stazione baleniera raggiunta nel 1917 dal noto esploratore Sir Ernest Shackleton, attualmente abbandonata, situata nella costa settentrionale della Georgia del Sud, e del docufilm The Forgotten Space (durata 112‘) di Allan Sekula e Noël Burch sul sistema, spesso obsoleto e fonte di gravi danni per il nostro pianeta, del trasporto per mare tramite containers, vincitore nel 2010 del Premio Speciale della Giuria Orizzonti alla Biennale del Cinema di Venezia.

  

Eventi in mostra

{name=Prima_immagine, data=Foto, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/highlight+eventi+in+mostra+industria+oggi+ita+NEW/70af3ceb-df47-4499-b18a-7c0952677b2d?t=1433864939995, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/highlight+eventi+in+mostra+industria+oggi+ita+NEW/70af3ceb-df47-4499-b18a-7c0952677b2d?t=1433864939995, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

Emil Otto Hoppé: Il segreto svelato

{name=Prima_immagine, data=E. O. Hoppé, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/highlight+hoppe/fa21fe7b-2bfd-4c20-afae-c53f3a15d9b9?t=1421827321744, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/highlight+hoppe/fa21fe7b-2bfd-4c20-afae-c53f3a15d9b9?t=1421827321744, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

MAST presenta in anteprima mondiale 200 immagini scattate nelle realtà industriali di vari paesi del mondo da E.O. HOPPÉ, uno dei più importanti fotografi dell'epoca moderna. Eclettico artista e noto ritrattista cui la National Portrait Gallery di Londra ha dedicato una personale nel 2011.

Dopo l'esposizione delle fotografie di David Lynch, la FONDAZIONE MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia) dedica, nello spazio della Gallery, una mostra, curata da Urs Stahel,  a  Emil Otto Hoppé (1878-1972),  che raccoglie oltre 200 opere sull'industria e il lavoro scattate tra il 1912 e il 1937.

Al pari di suoi contemporanei come Alfred Stieglitz, Edward Steichen, Walker Evans, August Sander, Edward Weston, Hoppé fu tra i principali fotografi del suo tempo, noto  anche per le sue immagini di paesaggio e di viaggio. Negli anni venti e trenta, E. O. Hoppé, dopo aver consolidato la sua fama di fotografo topografico e ritrattista di alcuni tra i più famosi artisti, politici e scienziati europei tra cui George Bernard Shaw, Ezra Pound, T.S. Eliot, Rudyard Kipling, Giorgio V, Vita Sackwille-West, Filippo Tommaso Marinetti, Albert Einstein, si mise in viaggio con lo scopo di descrivere il fascino della grandiosità dei siti industriali in tutto il mondo. Nel corso delle sue esplorazioni – in Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti, India, Australia, Nuova Zelanda e altri paesi – fotografò l'avveniristico paesaggio dell'industria, vedendo arte e tecnologia nelle sue macchine smisurate. Hoppé era profondamente consapevole di come la tecnologia industriale contemporanea stesse segnando l'arrivo nel mondo di una nuova era, in cui la natura stessa del lavoro e della produzione sarebbe profondamente cambiata.

Emil Otto Hoppé: Il Segreto svelato presenta per la prima volta le sue emblematiche immagini della seconda rivoluzione industriale e riporta all'attenzione del pubblico l'opera del fotografo che per lungo tempo è rimasta nascosta in un archivio fotografico londinese a cui lo stesso Hoppé aveva venduto, al termine della sua lunga e prestigiosa carriera, cinquant'anni del suo lavoro.
Insieme alle fotografie industriali di Hoppé esposte in mostra, MAST, nello spazio dedicato a "side event" metterà in risalto la ricca varietà tematica della sua opera presentando anche una serie di proiezioni digitali di altri temi, dai ritratti di personaggi celebri ai nudi, dalle tipologie umane ai paesaggi.

L'esposizione, a cura di Urs Stahel, è organizzata dalla Fondazione MAST, Bologna in collaborazione con E.O.  Hoppé Estate Collection / Curatorial Assistance, California.

AUDITORIUM
[EVENTI IN MOSTRA]

SABATO 11 DOMENICA 12 APRILE
SABATO 18 DOMENICA 19 APRILE

Ciclo di proiezioni sul lavoro di importanti fotografi internazionali, con presentazioni e visite guidate che verrà inaugurato da un ospite d'eccezione: Phillip Prodger, curatore capo di fotografia della National Portrait Gallery di Londra. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, con prenotazione obbligatoria.

{name=Seconda_immagine, data=1, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/1-MdmUc8Su.jpg/35aec955-8f24-40ff-9892-1d82ccf98627?t=1422086357519, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=2, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/2-2YDTWkaZ.jpg/d3bf557f-22e9-4d10-9c94-74564c1ddd59?t=1422086357635, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=3, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/3.jpg/865830d9-eb5b-432b-bd5e-7c5fe0742f68?t=1422086357709, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=4, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/4.jpg/e457b32e-6e32-4efe-8ceb-6d496e23c2c1?t=1422086357788, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=5, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/5.jpg/53404c7e-243e-4da0-9bec-f80ace9dd9e2?t=1422086357866, type=document_library, options=[]}}

Eventi in mostra

{name=Prima_immagine, data=Eventi in mostra, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/programma.jpg/d1888f68-c8bf-4cf8-af4b-e56b2cfa69ff?t=1428045634447, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/programma.jpg/d1888f68-c8bf-4cf8-af4b-e56b2cfa69ff?t=1428045634447, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

Inaugurazione

{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42046/MG_1180.jpg/bede8325-0f89-4c44-8f99-031f03069ce9?t=1410505683426, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42046/MG_1180-300x200.jpg/50f17d35-56e6-4917-9e8d-80e6d888ed87?t=1410505682222, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42046/MG_1182.jpg/69b1f00c-3d3c-4555-9cb1-f64b7602c20d?t=1410505684668, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42046/MG_1182-300x200.jpg/084cddd6-6a68-4d7f-8afd-9f936ff97314?t=1410505684589, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1249.jpg/bf503b36-6370-4c68-8331-8ea78b09ec7d?t=1410522796136, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1249-300x200.jpg/27a91b02-c09d-4cb5-9d90-e22ef5c98308?t=1410522793195, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1256.jpg/44df8ffd-b5e1-44b4-9b4f-f4b739b13fc4?t=1410522799457, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1256-300x200.jpg/2c0bc1b8-b8e5-4f62-9663-6acfe65092ed?t=1410522797893, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1270.jpg/f71f6b69-f31b-4ea1-b67e-d57f6533fa2b?t=1410522804121, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1270-300x200.jpg/b0b672b8-3a46-4e59-9857-8734e58636ef?t=1410522802206, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1285.jpg/3d639ac8-9e41-433a-a8db-1b2b88b553d9?t=1410522808879, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1285-300x200.jpg/92d632e8-5126-4e15-a376-eed7ece02899?t=1410522805349, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1508.jpg/4d320066-8337-48ba-b350-7850d772877b?t=1410522812247, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1508-300x203.jpg/d3f49d5c-8871-468d-8acc-a55aa3b3d254?t=1410522809619, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1520.jpg/36584227-1d75-41cc-a47c-9d517e2a9f41?t=1410522816114, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1520-300x200.jpg/7a04c8f6-6a09-4c26-8086-70e0cd60a805?t=1410522814175, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1552.jpg/8ded634a-2822-4e08-a7ce-53e928fd5925?t=1410522820739, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1552-300x200.jpg/3a30dd67-f771-4e98-85d0-5102fc59b4a9?t=1410522818621, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1563.jpg/f2b39011-966c-4cf4-972f-0a1d90cc2d9c?t=1410522824889, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1563-300x200.jpg/9a95a1f9-ac05-4cf2-a62a-3efd1fc1839b?t=1410522822152, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1586.jpg/14be9e69-9b2a-4386-9024-73962fe5af52?t=1410522829429, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1586-300x200.jpg/4fe6ab3e-ff8f-4bc3-b133-f2417070650b?t=1410522826611, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_0924.jpg/2ced9ac5-a81d-4d39-b772-b235bbdfacc2?t=1410522747452, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_0924-300x200.jpg/2b898f61-ca0e-4a53-95e9-9f5725d39fec?t=1410522745670, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_0932.jpg/03a994e3-2fd9-4aef-9af7-c91ad9f5d62b?t=1410522749683, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_0932-300x156.jpg/5cdcee2f-b7a5-49bc-8d9f-ad94d3ca1190?t=1410522748487, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1008.jpg/32334666-9f24-4b39-b939-8bd8484b52ea?t=1410522754257, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1008-300x173.jpg/2c3dbe18-e42b-4647-8a8b-24f4b36d3ec5?t=1410522752135, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1046.jpg/fd704d1a-a6fd-48a0-934f-95ddc2d62382?t=1410522758377, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1046-300x200.jpg/3df3a09e-671a-4d40-8fcc-88e742d1468a?t=1410522757161, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1069.jpg/bac8d5bc-3aeb-4cc0-a1f9-bff785c98c43?t=1410522763501, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1069-300x200.jpg/6e9979c8-da9f-41ce-936b-974a9d9fd952?t=1410522760622, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1161.jpg/8a67bf73-d1e3-4de8-8c81-c400be6af5f9?t=1410522775000, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1159-300x147.jpg/1e0c3711-03fa-4c53-b55b-00d79a5074c8?t=1410522767678, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1161.jpg/8a67bf73-d1e3-4de8-8c81-c400be6af5f9?t=1410522775000, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1161-300x200.jpg/ef582ef8-9f3b-4277-9336-354eb7245682?t=1410522772961, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1168.jpg/6a068b64-a42e-4d96-abaf-d64bcdec3469?t=1410522778588, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1168-300x200.jpg/a6f5aab1-d8f2-490d-91a1-a3fce7a20880?t=1410522776178, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}
{name=Prima_immagine, data=inaugurazione, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/46524/MG_1169.jpg/5e1ed7f1-7572-4b5c-8e6a-e4640a866a91?t=1410522783084, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/46524/MG_1169-300x200.jpg/6e471d2a-b1e4-4ab8-a630-83415507bc1c?t=1410522780819, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

DAVID LYNCH: THE FACTORY PHOTOGRAPHS

{name=Prima_immagine, data=DAVID LYNCH: THE FACTORY PHOTOGRAPHS, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/DavidLynch_Banner.jpg/5994aa4c-f885-493a-91a0-1a2b01024c68?t=1410896227806, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/DavidLynch_Banner.jpg/5994aa4c-f885-493a-91a0-1a2b01024c68?t=1410896227806, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

111 FOTOGRAFIE
3 CORTOMETRAGGI: INDUSTRIAL SOUNDSCAPE, BUG CRAWLS, INTERVALOMETER: STEPS
E UNA INSTALLAZIONE SONORA : THE AIR IS ON FIRE_ I (Station) .

MAST.GALLERY:
17 SETTEMBRE – 31 DICEMBRE 2014, MARTEDÌ – DOMENICA ORE 10.00 – 19.00.

MAST  presenta in anteprima nazionale Factory Photographs di David Lynch.
Queste fotografie in bianco e nero testimoniano la fascinazione di Lynch per le fabbriche, la sua passione quasi ossessiva per comignoli, ciminiere e macchinari, per l'oscurità e il mistero. In un arco di tempo di oltre trent'anni ha fotografato i monumenti decadenti dell'industrializzazione, edifici in laterizio decorati con volte, cornicioni, cupole e torri, finestre e portali imponenti, impressionanti nella loro somiglianza con le antiche cattedrali. Rovine di un mondo che va scomparendo, in cui le fabbriche erano pietre miliari di un orgoglioso progresso e non luoghi desolati, scenografie per storie cariche di quell'aura emozionale caratteristica  di Lynch

Le fotografie sono state scattate tra il 1980 e il 2000 nelle fabbriche di Berlino e delle aree limitrofe, in Polonia, in Inghilterra, a New York City, nel New Jersey e a Los Angeles. È come se la fuliggine, i vapori o le polveri sottili che avvolgevano quei luoghi si fossero posate sulla superficie della carta: ne risultano immagini di straordinaria potenza sensoriale, come disegni fatti a carboncino, in cui il nero carico delle linee nitide, grafiche, taglia il grigio scuro dei campi.

L'inconfondibile cifra di Lynch si svela in modo suggestivo nei soggetti scelti, nelle atmosfere, nelle nuance di colore di mondi arcani e surreali, nelle sequenze oniriche che evocano la visionarietà labirintica ed enigmatica dei suoi film.

David Lynch, icona del cinema americano, è nato nel 1946 a Missoula, nel Montana, e vive a Los Angeles: è regista, sceneggiatore, produttore, pittore, musicista, designer e fotografo. La sua formazione accademica è nel campo della pittura: studente alla Pennsylvania Academy of Fine Arts di Philadelphia, realizza qui, nel 1966, il suo primo cortometraggio. Si trasferisce in seguito a Los Angeles; il suo primo film Eraserhead (1977) diventa ben presto un "cult classic". Per The Elephant Man (1980), Velluto Blu (1986) e Mulholland Drive (2001) ha ricevuto la nomination all'Oscar per la migliore regia. Dune (1984), Cuore selvaggio (1990), Lost Highway (1997), Una storia vera (1999), INLAND EMPIRE (2006) e la serie televisiva Twin Peaks (1990 -1991) hanno ottenuto numerosi riconoscimenti.

Esposizione curata da Petra Giloy-Hirtz, in collaborazione con MAST e The Photographers' Gallery.

Fanno parte della mostra alcuni cortometraggi di Lynch, che verranno proiettati a ciclo continuo: Industrial Soundscape, Bug Crawls, Intervalometer: Steps.

Le immagini di grandi dimensioni sono: Archival pigment prints
Le fotografie di piccole dimensioni sono: Archival silver-gelatin prints


Visita al Mast

{name=Prima_immagine, data=MAST, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42046/VisitaalMAST.jpg/e61b3780-425d-439d-a8ba-f87fc1c1bedc?t=1410504928451, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42046/VisitaalMAST.jpg/e61b3780-425d-439d-a8ba-f87fc1c1bedc?t=1410504928451, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

CON IL PATROCINIO DELL'ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI BOLOGNA


Capitale umano nell'industria

{name=Prima_immagine, data=Capitale umano nell'industria, type=text, options=[], Prima_Immagine_Big={name=Prima_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/capitale-umano1.jpg/30bf41de-4400-4a34-b7c9-27561dd4a90e?t=1409046593390, type=document_library, options=[]}, Prima_Immagine_Small={name=Prima_Immagine_Small, data=/documents/41694/42055/capitale-umano1.jpg/30bf41de-4400-4a34-b7c9-27561dd4a90e?t=1409046593390, type=document_library, options=[]}, Link={name=Link, data=, type=text, options=[]}}

Dalla Collezione di Fotografia su Industria e Lavoro della Fondazione MAST

A partire dalla metà del XVIII secolo, l'avvento dell'industrializzazione in Europa e nel resto del mondo ha prodotto un mutamento così determinante nelle condizioni di vita delle persone da indurci a coniare il termine "rivoluzione industriale". Nel corso dei successivi 250 anni, le tradizionali forme del lavoro agricolo e artigianale sono state progressivamente soppiantante da procedimenti produttivi di carattere industriale. Nel frattempo, il processo di industrializzazione che aveva interessato il settore primario e secondario, il reperimento delle materie prime e la loro lavorazione, si è esteso anche al terziario, all'organizzazione del tempo libero, alla cultura e alla gestione dei rifiuti.

Sarebbe riduttivo affermare che l'industrializzazione ha rivoluzionato soltanto le politiche economiche. Essa ha piuttosto condizionato l'intera società, le nostre conoscenze, il nostro pensiero, il commercio, in altre parole la nostra esistenza nella sua totalità. Prima dell'avvento dell'industrializzazione, la vita e il lavoro seguivano il ciclo naturale e biologico: l'avvicendarsi delle stagioni, il sorgere e il tramontare del sole scandivano il ritmo della giornata e il corso dell'anno. Da un certo punto in poi, le esigenze della produzione hanno preso il sopravvento, hanno scandito il ritmo della giornata lavorativa, hanno stabilito a che ora il lavoratore dovesse puntare la sveglia per recarsi al lavoro. Ecco perché parliamo di "tempo della fabbrica": nel mondo dell'industria, per la prima volta, le ore di lavoro e le ore di tempo libero sono state quantificate e regolamentate dal suono delle sirene, dai controlli all'entrata e, in ultimo, dalla timbratura del cartellino.

Mutando il modo di lavorare, è mutato di conseguenza il rapporto tra città e campagna. Tradizionalmente vita e lavoro erano parti integranti di una stessa unità: si abitava e lavorava nello stesso luogo o, perlomeno, nelle immediate vicinanze. L'industrializzazione e le offerte di lavoro ad essa collegate hanno spinto le persone ad allontanarsi sempre più dal luogo d'origine, fino a spingerle ad emigrare. Gli equilibri di potere si sono spostati dalla campagna alla città.

È comunque innegabile che l'industrializzazione abbia avuto anche il merito di rendere liberi gli uomini - affrancando ad esempio gran parte dei contadini dal giogo della servitù della gleba – o di rendere più duttili i rigidi sistemi normativi delle corporazioni di mestieri. Per la prima volta, con l'avvento dell'industria, questioni importanti quali l'igiene ed il progresso sono diventate oggetto di riflessione profonda. Conquiste fondamentali che non di rado, però, sono state pagate a caro prezzo: il benessere di una parte della popolazione è costato l'impoverimento di altre.

Se da un lato l'industria ha stravolto radicalmente la vita delle persone, dall'altro, concepire l'industria senza persone né lavoratori è del tutto impensabile. Fino a poco tempo fa, prima della recente svolta digitale nell'ambito dell'automazione industriale, uomini e macchine, industria e lavoratori costituivano una sola, grande entità, in cui il capo del personale era – come continua ad esserlo ancora - una figura chiave dell'azienda.

Questa unità, questo vincolo, ha fatto sì che le grandi industrie – ad esempio quelle automobilistiche – siano strutturate come vere e proprie comunità operative; al loro interno si esercitano 200, 250, talvolta fino a 300 diversi mestieri e si formano eserciti di apprendisti. Il vitto è offerto nelle mense o nei ristoranti aziendali. Risalgono all'inizio del XX secolo le prime Wohlfahrtshäuser, le case del popolo per il personale delle aziende, che offrivano ai lavoratori non solo docce e bagni, ma anche occasioni di svago, intrattenimento e formazione. Molte squadre di calcio portano il nome di un'azienda: il Bayer Leverkusen è solo un esempio tra tanti.

Oggi come un tempo possiamo distinguere le industrie in due tipologie contrapposte: quelle che trattano il personale con la massima attenzione e responsabilità, operando realmente per la sicurezza e la salute di quello che oggi viene definito "capitale umano", e quelle che – al contrario – non si curano affatto dei loro collaboratori, delle modalità, dei tempi e delle condizioni in cui si svolge il lavoro. Ne è prova la dinamica dei rapporti tra datori di lavoro e lavoratori, caratterizzata da negoziazioni, rivendicazioni, lotte e scioperi per ottenere condizioni migliori, maggiore sicurezza sul posto di lavoro, salari più alti e orari ridotti. La storia dell'industria è anche storia delle lotte sindacali.

Il Capitale Umano nell'Industria espone una selezione di oltre 200 fotografie tra opere su commissione, fotografie documentarie e scatti d'artista facenti parte della collezione della Fondazione MAST; opere che, nel loro insieme, testimoniano quella complessità che – oggi come un tempo – struttura i rapporti fra industria e operai, industria e impiegati, Risorse Umane e Capitale Umano.

La mostra racconta il lavoro dell'uomo nelle miniere, nei grandi impianti delle industrie metallurgiche, meccaniche e nelle fabbriche tessili, ma anche nei cantieri stradali, ferroviari e navali e nelle centrali elettriche, mettendo a confronto strumenti, metodi e condizioni di lavoro dall'Ottocento ad oggi. Il ritratto realistico che l'Occidente offre del mondo del lavoro si contrappone alla rappresentazione esaltante ed euforica che giunge dall'Unione Sovietica.

L'obiettivo coglie l'aspetto gerarchico del lavoro, dai Colletti Blu e Bianchi, agli ingegneri, manager, direttori e imprenditori. Ma non è tutto: le fotografie in mostra ci parlano anche di pendolarismo, di salubrità e sicurezza nei luoghi di lavoro e di tempo del lavoro rigorosamente disciplinato dall'industria. Spesso il progresso sociale è stato ottenuto a costo di lotte e confronti accesi fra le parti e non di rado la parola d'ordine a cui rispondere è stata: sciopero!

Alcuni autori delle immagini in mostra sono anonimi, di loro abbiamo perso le tracce, altri erano collaboratori delle fabbriche e delle imprese, ma con questi temi si sono cimentati anche fotografi famosi come ad esempio: Margarete Bourke-White, Robert Doisneau, David Goldblatt, Brian Griffin, Jacqueline Hassink, Erich Lessing, Jercy Lewczyński, Ugo Mulas, Jorge Ribalta, August Sander, Josef Sudek, Larry Sultan/Mike Mandel, Jakob Tuggener e molti altri ancora.

{name=Seconda_immagine, data=mostra, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/2.jpg/023adb4e-f556-4cb4-b6a4-41c66787827b?t=1409046842172, type=document_library, options=[]}}
{name=Seconda_immagine, data=dettaglio mostra, type=text, options=[], Seconda_Immagine_Big={name=Seconda_Immagine_Big, data=/documents/41694/42055/1.jpg/d37d7558-90c6-41cb-a6d8-948ccdcdd797?t=1409046806767, type=document_library, options=[]}}