Prenota l'ingresso alla mostra

INGRESSO GRATUITO SU PRENOTAZIONE
MARTEDÌ—DOMENICA, 10—20


Sovvertire le convenzioni. Vedere oltre i limiti della rappresentazione ordinaria. Osservare l’invisibile.
La Fondazione MAST ospita la prima mostra antologica dell’artista Richard Mosse, curata da Urs Stahel: un percorso unico in termini di impatto visivo, capace di rovesciare il modo in cui rappresentiamo e percepiamo la realtà.

Fin dal principio della sua ricerca, l’artista lavora sul tema della visibilità, sul modo in cui siamo abituati a vedere, pensare e intendere la realtà.
Le situazioni critiche e i luoghi di conflitto sono fotografati e filmati con l’utilizzo di tecnologie di derivazione militare, che stravolgono totalmente la rappresentazione fotografica, creando immagini che colpiscono per estetica, ma che al contempo suscitano una riflessione etica. Quando attraverso la bellezza, che l’artista definisce “lo strumento più affilato per far provare qualcosa alle persone”, si riesce a raccontare la sofferenza e la tragedia, “sorge un problema etico nella mente di chi guarda”, che si ritrova confuso, impressionato, disorientato. L’invisibile diventa visibile, in tutta la sua natura conflittuale.


Nella mostra, le fotografie di grande formato e i video generano un’esperienza immersiva di rara intensità, sorprendente per la forza degli stimoli visivi e sonori. Emerge la straordinaria attualità del lavoro di Mosse, che sovvertendo le convenzioni fotografiche, grazie alla tecnologia, ci fa osservare l’invisibile: i conflitti, le migrazioni, il cambiamento climatico.

La mostra si sviluppa su tre spazi della Fondazione MAST: Gallery, Foyer e Livello 0.

La Gallery ospita alcuni dei primi lavori (
Early Works) scattati in luoghi segnati da conflitti - Medio Oriente, Europa Orientale, confine tra Messico e Stati Uniti, e Infra, la serie che ha reso celebre l’artista, con immagini prodotte durante le brutali guerre nella Repubblica Democratica del Congo attraverso l’uso di Kodak Aerochrome, pellicola a infrarossi fuori produzione, ma usata per la ricognizione militare.

Nel Foyer è in mostra la serie Heat Maps e le più recenti serie Ultra e Tristes Tropiques. Heat Maps presenta le immagini realizzate
lungo le rotte migratorie da Medio Oriente e Africa verso l’Europa, con una termocamera per usi militari in grado di individuare differenze di temperatura fino a trenta chilometri di distanza. I 16 video dell'installazione Moria (Grid) (12'), girati con termografia ad infrarosso, rivelano i  particolari della vita nel campo profughi sull'isola greca di Lesbo. 
Le fotografie della serie Ultra offrono una prospettiva inaspettata sulla bellezza della natura della foresta amazzonica, grazie ad una tecnica di illuminazione a fluorescenza UV. Tristes Tropiques racconta l'impatto della deforestazione nell’area brasiliana tramite immagini scattate da droni
su una pellicola multispettrale, una sofisticata tecnologia fotografica satellitare.

Al Livello 0 trovano spazio la videoinstallazione The Enclave (40'), girata con pellicola infrared Aerochrome, la videoproiezione Incoming (52'), ripresa con termocamera militare - entrambe frutto della collaborazione fra l’artista, il direttore della fotografia Trevor Tweeten e il compositore Ben Frost - e il video Quick (13'), approfondimento sul percorso artistico di Mosse.

Fondazione MAST informa i gentili visitatori che desiderano vedere le videoinstallazioni nella loro interezza (The Enclave, Incoming, Quick al Livello 0), che sono previste giornate con slot dedicati: 
— 18, 20 maggio - slot delle ore 12.00 
3, 10, 17, 24 giugno - slot delle ore 17.00 

The Enclave - preview


 


Incoming - preview


Quick - preview



 

Richard Mosse (1980, Kilkenny, Irlanda) è un fotografo che vive e lavora a New York. Dopo la Bachelor of Arts in Letteratura Inglese al King’s College (Londra, 2001), consegue un Master of Research in Studi Culturali (London Consortium, 2003), un diploma post-laurea in Belle Arti alla Goldsmiths (University of London, 2005) e un Master of Fine Art alla Yale School of Art (Yale University, New Haven, CT, 2008).
I primi lavori fotografici dell’artista risalgono al periodo universitario e sono ambientati in Medio Oriente, in Europa Orientale e al confine tra Stati Uniti e Messico, mostrano il suo interesse per gli effetti dei conflitti in zone di crisi.
La sua notorietà cresce notevolmente con il lavoro svolto fra il 2010 e il 2015 durante le guerre nella Repubblica Democratica del Congo, da cui derivano la serie Infra e la videoinstallazione The Enclave.
Fra il 2014 e il 2018 produce la serie Heat Maps e la videoproiezione Incoming, lungo le rotte migratorie da Medio Oriente e Africa verso l’Europa.
Per la videoinstallazione The Enclave e la videoproiezione Incoming, collabora con il DOP Trevor Tweeten e con il compositore Ben Frost.
Dal 2018 al 2020 lavora nell’area della foresta amazzonica, producendo la serie Ultra e la più recente serie Tristes Tropiques, nella prima celebrando la bellezza fragile della natura e nella seconda documentando la drammatica deforestazione.

Prepara la tua visita in sicurezza

Acquista il catalogo della mostra

Allestimento

Titolo